L’indice di massa corporea va in pensione

Ricercatori presentano l’indice di massa grassa relativa

Diete_6078.jpg

L’indice di massa corporea non vi perseguiterà più. A turbare i vostri pensieri, però, arriverà l’indice di massa grassa relativa (RFM), messo a punto dai ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles in uno studio pubblicato su Scientific Reports.

«Volevamo identificare un metodo più affidabile, semplice ed economico per valutare la percentuale di grasso corporeo senza utilizzare attrezzature sofisticate; infatti la nostra nuova formula utilizza solo misurazioni della circonferenza vita e dell’altezza. Molti esperti nel campo dell’obesità considerano l’IMC un indice non accurato perché non riesce a distinguere tra massa ossea, massa muscolare e grasso in eccesso, e non tiene conto dell’influenza del genere, mentre le donne spesso hanno più grasso corporeo rispetto agli uomini», spiega Orison Woolcott, primo autore dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *