Ocrelizumab, nuovo farmaco per la sclerosi multipla

L’efficacia di Ocrelizumab e del suo meccanismo d’azione

Sclerosi multipla_1367.jpg

Sono disponibili nuovi dati riguardanti Ocrelizumab per il trattamento della sclerosi multipla. Roche li ha presentati durante il VII Congresso Congiunto dei Comitati Europeo e Americano per la Terapia e la Ricerca sulla Sclerosi Multipla (ECTRIMS-ACTRIMS) in corso a Parigi.
I risultati mostrano l’avanzamento delle conoscenze mediche sull’attività subclinica della malattia e sulla progressione della disabilità nelle forme recidivanti e progressive di sclerosi multipla, con la scoperta di nuovi endpoint emergenti e un monitoraggio di precisione.
Un’analisi post-hoc ha mostrato che Ocrelizumab ha significativamente ridotto rispetto a interferone beta-1a la percentuale di soggetti con sclerosi multipla recidivante che presentano una Progressione della disabilità non legata alle ricadute (PIRA – Progression Independent of Relapse Activity).

Gli altri farmaci ci sono qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *