Gravidanza, rischio di malformazioni se si assume il litio


La terapia per la depressione è incompatibile con lo sviluppo del feto

Varie_5422.jpg

Le donne incinte che soffrono di depressione non possono essere trattate con il litio, pena la possibile insorgenza di malformazioni nel feto.
A confermarlo è uno studio pubblicato su The Lancet Psychiatry da un team della Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York. Il litio, largamente utilizzato per il trattamento della depressione grave, può causare malformazioni congenite nel nascituro e raddoppiare i tassi di riammissione in ospedale.
La metanalisi condotta dai ricercatori americani ha indagato gli effetti della terapia su 727 donne esposte al litio rispetto ad altre 21.397 gravidanze di madri con disturbi dell’umore che però non assumevano la sostanza.
Fra i bambini esposti al litio durante il primo trimestre, il tasso di malformazioni è risultato una volta e mezzo più frequente rispetto ai bambini non esposti (7,4% contro il 4,3%). Anche il rischio di riammissione …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | litio, gravidanza, malformazioni,

Emicrania con aura e ictus, il legame non c’è


Ma fra le pazienti più anziane non può ancora essere escluso

Mal di testa_4127.jpg

L’emicrania, soprattutto quella associata ad aura, non sarebbe un fattore di rischio aggiuntivo per l’ictus. A stabilirlo è uno studio dell’Ospedale San Carlo di Milano presentato nel corso del congresso Anircef di Milano.
Per anni gli studi hanno indicato l’emicrania come un fattore di rischio per lo stroke ischemico, in particolare per donne con meno di 45 anni che fumano e prendono la pillola e sono talora portatrici di particolari alterazioni della crasi ematica, cioè dei meccanismi di coagulazione del sangue.
Dopo averne selezionate oltre un centinaio in modo da ottenere una pura “razza” di giovani emicraniche di questo tipo, i neurologi dell’Ospedale San Carlo di Milano diretti da Fabio Frediani hanno verificato tramite risonanza magnetica che non presentavano alcuna lesione corticale escludendo quindi il rischio di ictus e di altri problemi vascolari.
Rispetto ai precedenti …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | emicrania, aura, ictus,

Tumore a prostata, rene e vescica: dove operarsi?


I centri migliori per volumi di interventi

Sono tumori che colpiscono soprattutto la popolazione maschile. La neoplasia alla prostata – ghiandola delle dimensioni di una noce posizionata di fronte al retto e presente solo negli uomini – rappresenta ben il 18% di tutti i tumori diagnosticati nel maschio. Si stima che a soffrirne sia circa il 70% degli ultraottantenni.
Meno diffuso è il carcinoma al rene (che rappresenta circa il 2% di tutte le neoplasie): si presenta con una frequenza doppia nel sesso maschile rispetto a quello femminile e le probabilità di svilupparlo cresce con l’avanzare dell’età. Il picco massimo d’insorgenza è intorno ai 60 anni. La neoplasia alla vescica, invece (che rappresenta il 3% di tutti i tumori), colpisce tre volte di più gli uomini rispetto alle donne ed è più comune tra i 60 e i 70 anni.
Contro il tumore al rene e alla vescica ad oggi non esistono programmi di screening o metodi scientificamente …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | tumore, prostata, rene, vescica,

Infarto, le donne sotto i 60 rischiano il doppio


Probabilità di decesso raddoppiate rispetto agli uomini

Infarto_1580.jpg

Morire per le conseguenze di un infarto è un evento molto più probabile fra le donne con meno di 60 anni rispetto ai coetanei uomini.
A stabilirlo è una ricerca dell’Università di Bologna pubblicata su Jama Internal Medicine che sottolinea la necessità di tenere in considerazione il sesso del paziente nell’approccio terapeutico.
Che le donne rischiassero più degli uomini in caso di infarto era cosa nota da tempo. Ricerche precedenti avevano spiegato il fenomeno con una disparità di trattamento ospedaliero a sfavore delle donne dovuta principalmente all’incapacità di riconoscere sintomi diversi rispetto a quelli che si manifestano fra gli uomini.
Invece del classico dolore toracico, le donne mostrano più facilmente nausea, vomito, fiato corto, dolore alla schiena, al collo o alla mascella.
Se la difficoltà a riconoscere i sintomi è senz’altro vera, tuttavia non è sufficiente a …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | infarto, donne, rischio,

L’importanza di struccarsi prima di dormire


Una donna ha rischiato la vista per non aver mai rimosso il mascara

Trucco_14226.jpg

Prima di mettersi a letto, le donne che si truccano devono necessariamente togliersi il trucco dal viso se non vogliono incorrere in possibili e gravi problemi di salute.
A ricordarlo è il caso di Theresa Lynch, una donna di 50 anni che vive in Australia e che per metà della propria vita è andata a dormire senza mai togliere il trucco della giornata appena trascorsa.
La conseguenza? La signora Lynch ha quasi perso la vista e all’interno delle palpebre si sono creati dei grumi neri solidi.
Il caso della donna è descritto sulle pagine di Ophthalmology. Theresa ha contattato un medico per una serie di sintomi, fra i quali irritazione oculare e bruciore sempre più frequenti.
L’oculista si è accorto subito delle strane protuberanze calcificate – tecnicamente concrezioni – che si trovavano sotto le palpebre della donna. Dal momento che i grumi rappresentavano un rischio per la vista …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | trucco, struccarsi, palpebre,

I linfociti T sconfiggono il cancro al seno


Nuova prospettiva di cura per i tumori resistenti

Tumore mammario_5351.jpg

C’è una speranza anche per le donne affette da tumori del seno che sembrano resistere a ogni terapia. Un team del National Institutes of Health di Bethesda ha sperimentato su una paziente l’efficacia di un approccio che prevede l’impiego di cellule immunitarie della paziente stessa per aggredire il tumore in stadio avanzato e con metastasi.
I risultati sono stati incoraggianti, dal momento che i linfociti T della donna hanno eliminato del tutto sia il tumore originario sia le metastasi prodotte nel frattempo.
Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine e sembra presagire una vera e propria rivoluzione nelle terapie, anche perché la donna è libera dalla malattia già da 2 anni. È a tutti gli effetti il primo caso di successo dell’immunoterapia a cellule T per il cancro del seno in fase avanzata.
L’immunoterapia è una delle novità più interessanti nella lotta al cancro, anche per …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | linfociti, cancro, seno,

Cancro al seno, nel 70% dei casi chemio evitabile


Test genetico può escludere il ricorso alla chemio

I pesanti effetti collaterali della chemioterapia possono essere evitati in molti casi di cancro al seno. A rivelarlo è uno studio presentato nel corso del congresso dell’Asco.
La ricerca Tailorx, condotta su 10.273 donne con la forma più comune della malattia – ovvero con i recettori ormonali positivi e Her2-negativo – “avrà un impatto immediato, risparmiando a migliaia di donne gli effetti collaterali della chemio”, sostengono gli scienziati.
Lo studio rivela che in molti casi, quando all’ormonoterapia si aggiunge la chemio, non si registrano miglioramenti di sorta.
Il test misura il rischio di recidiva a 10 anni, individuando quali pazienti traggono benefici dalla chemio. Per farlo, si basa sull’espressione di 21 geni e su un punteggio che va da 0 a 100.
Grazie a una biopsia, le donne che mostrano un punteggio basso (0-10) dovrebbero ricevere solo ormonoterapia, mentre quelle …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cancro, seno, chemioterapia,

Gli antidepressivi fanno ingrassare


L’uso a lungo termine aumenta il rischio di incremento ponderale

Depressione_5489.jpg

Gli antidepressivi possono far aumentare il peso. A dirlo è uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un team del King’s College di Londra diretto da Rafael Gafoor, che spiega: «I pazienti con peso normale avevano una maggiore probabilità di passare al sovrappeso, e i pazienti sovrappeso erano più propensi a passare all’obesità se trattati con antidepressivi».
Lo studio ha esaminato i dati di quasi 300mila adulti provenienti dallo UK Clinical Practice Research Datalink. All’inizio dell’analisi erano stati prescritti antidepressivi al 13% degli uomini e al 22,4% delle donne.
Il rischio assoluto di un aumento ponderale maggiore o uguale al 5% del peso corporeo senza uso di antidepressivi è stato di 8,1 per 100 anni-persona rispetto a 11,2 per 100 anni-persona con uso di antidepressivi.
Il che si traduce in un episodio aggiuntivo di aumento maggiore o uguale al 5% del peso …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | depressione, antidepressivi, ingrassare,

Bere acqua ha effetti sul tuo umore?

Se pensi che bere acqua serva solo a idratare il tuo corpo allora farai bene a leggere questo articolo.

Probabilmente sarai sempre stato bombardato dalle raccomandazioni di medici, nutrizionisti, e chi più ne ha più ne metta, circa l’importanza di bere molto, almeno 2 litri di liquidi al giorno. Per iniziare, non ingannare te stesso pensando che tutte le bevande sono uguali. Molte di esse come la limonata, la soda, i succhi di frutta ecc. non solo non hanno lo stesso potere idratante dell’acqua, ma incidono anche negativamente sul tuo peso, poiché contenenti zuccheri e altro. Leggi anche Perché bere acqua risolve qualsiasi problema

Ma l’acqua non serve solo a reidratarsi. Secondo un nuovo studio realizzato dall’ Human Performance Laboratory dell’Università del Connecticut, anche una lieve disidratazione può alterare il tuo livello di energia e l’umore.
25 donne e 26 uomini sono stati sottoposti a una serie di test finalizzati a misurare aspetti come la concentrazione, il tempo di reazione, l’apprendimento, il ragionamento e la memoria. Ebbene, il risultato è stato sorprendente: la disidratazione è in grado di causare nelle donne affaticamento, mal di testa, difficoltà a concentrarsi e la sensazione che i compiti da eseguire siano più impegnativi, mentre gli uomini avrebbero riscontrato difficoltà con la memoria, stanchezza, ansia, e cambiamenti di umore (anche se non così sostanziali come quelli visti tra le donne). Leggi anche 5 sintomi di disidratazione a cui non hai mai fatto caso

Khongboon Capri rosa e bianco – clicca per acquistare

Quindi, se ti senti sempre stanco, stressato, e così demotivato da fare scelte alimentari sbagliate e saltare la palestra, prova a chiederti se una mancanza di liquidi può esserne la causa.
E se non sei abituato a bere, ecco un trucco che fa al tuo caso. Dividi la giornata in quattro blocchi di tempo

1) dal momento in cui ti alzi fino a metà mattina

2) da metà mattina a pranzo

3) da pranzo a metà pomeriggio e

4) da metà pomeriggio a cena e imponiti di bere almeno 1/2 litro di acqua durante ogni blocco.

Del resto, nulla è davvero difficile se lo si divide in tanti piccoli pezzettini.



L’articolo Bere acqua ha effetti sul tuo umore? sembra essere il primo su Fit In Hub.

Vaccini per l’Hpv sicuri ed efficaci


Revisione di studi evidenzia l’efficacia del trattamento

Una revisione della Cochrane Library è giunta alla conclusione che i vaccini contro il papillomavirus umano (Hpv) funzionano e sono sicuri, soprattutto per le giovani donne fra i 15 e i 26 anni.
Il coordinatore della ricerca, Marc Arbyn del Belgian Cancer Centre, ha analizzato 26 studi internazionali per un totale di oltre 73mila donne. Nella maggior parte dei casi, le donne avevano meno di 26 anni.
La revisione si è concentrata su due tipi di vaccini, il bivalente contro HPV16-18 e il quadrivalente contro HPV16-18 più due tipi di HPV a basso rischio che causano verruche genitali.
«Il nuovo nonavalente non è stato incluso per carenza di studi randomizzati controllati con placebo», spiegano gli autori, che hanno esaminato due gruppi di persone: donne libere da HPV, ma ad alto rischio al momento del vaccino e donne vaccinate indipendentemente dallo stato HPV al momento …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | vaccini, hpv, immunizzazione,