Come sconfiggere la cellulite


Una guida per vincere l’inestetismo più odiato

Cellulite_1842.jpg

La cellulite è una vera maledizione che colpisce milioni di donne e le induce a imprese disperate pur di ottenere qualche piccola rivincita contro quella che appare come una condanna ineluttabile.
Innanzitutto qualche consiglio: abituarsi ad una dieta che privilegi la frutta, verdure, cereali e legumi per apportare quella dose di vitamine e fibre in grado di ostacolare la ritenzione di liquidi e favorire l’eliminazione delle scorie; bere due litri di acqua al giorno in modo da eliminare i liquidi in eccesso; fare movimento, dedicandosi allo sport o semplicemente camminando di più; non indossare abiti troppo stretti né scarpe dai tacchi troppo alti; se seduti assumere una posizione eretta per mantenere il tono degli addominali e ricordarsi di cambiare spesso posizione. Cercare comunque di stare seduti il meno possibile.
Ma come si combatte la cellulite?
Prima di tutto a tavola. …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cellulite, grasso, dieta,

Spartan Race. Focus su allenamento di resistenza cardiovascolare e di forza – Parte I

La Spartan Race è una gara di corsa ad ostacoli nel fango su tre distanze :

  • 5km+20-23 ostacoli,
  • 13km+24-29 ostacoli
  • 20km+30-35 ostacoli

E’ una gara aperta a tutti gli atleti (categoria open) , agli atleti professionisti o semplicemente più allenati (categoria èlite/age groupe). Perche partecipare?

  • Per metterci alla prova;
  • Per superare i nostri limiti;
  • Per sfidare le nostre paure;
  • Per vivere una bella esperienza di squadra.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

La spartan race è squadra. E’ squadra perché è condivisione, sia con il tuo team che con i compagni di batteria , circa 200 persone con le quali condividerai ostacolo dopo ostacolo, fatica, sudore ma anche tanto divertimento, sul cammino che vi condurrà al traguardo.
Hai deciso di metterti in gioco? Ecco 4 consigli utili che ti aiuteranno nella preparazione alla gara. Cosa dovrai fare?

  • MIGLIORARE LA RESISTENZA CARDIOVASCOLARE. Inserire due sedute settimanali di corsa, la prima sulla lunga distanza, migliorando così la resistenza; la seconda su brevi distanze ad interval training (fasi di lavoro ad alta intensità e fasi di recupero attivo).
  • ALLENARE LA FORZA. Inserire due sedute settimanali di lavoro con carichi effettuando esercizi multi articolari come:

BARBELL DEADLIFT

Atleta: Adele Vicinanza

FRONT/BACK SQUAT

Atleta: Adele Vicinanza

Ai quale puoi sempre aggiungere esercizi con kettlebell come il press e l’overhead back lunge. Associare al lavoro con i carichi , esercizi di calistenia come:

Pikestand

Handstand

Knee to Elbows

Atleta: Adele Vicinanza

Ma anche pistol, pull ups, bodyrow al TRX



L’articolo Spartan Race. Focus su allenamento di resistenza cardiovascolare e di forza – Parte I sembra essere il primo su Fit In Hub.

Impotenza, questione di Dna


Area del genoma associata all’aumento del rischio del disturbo

Impotenza_5019.jpg

Essere impotenti potrebbe avere a che fare con il proprio destino genetico. A rivelarlo è uno studio pubblicato su Pnas da un team del Kaiser Permanente, secondo cui esiste un’area del genoma associata a un aumento del rischio di sviluppare disfunzione erettile.
La malattia è legata a una serie di cause di natura vascolare, psicologica e ormonale, ma in alcuni casi gli uomini sottoposti alle terapie standard volte a rimuovere gli ostacoli riconosciuti non sembrano beneficiare degli interventi messi in atto.
Lo studio segnala il fatto che in almeno un terzo dei casi la motivazione va ricercata nei geni, e nello specifico nell’area vicina al gene Sim1.
“È la prova a lungo ricercata che esiste una componente genetica della malattia”, afferma l’autore principale dello studio, Eric Jorgenson, della divisione di ricerca Kaiser Permanente Northern California. “Si tratta di una scoperta …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | impotenza, Dna, genoma,

Colazione esotica: ricetta torta fit al cocco

Se come me, pensi che l’estate non dovrebbe mai finire, la ricetta torta fit al cocco è quello che fa. Porta in tavola per la tua colazione o spuntino, la torta fit al cocco e ti sembrerà di essere sempre ad un passo dal mare!

Ingredienti torta fit al cocco

  • 1 tazza di farina integrale bio
  • 1 tazzina di caffè di stevia
  • 1 tazza di farina di cocco
  • 1 tazza di latte di soia
  • 1 bustina di lievito per dolci

Acquista su Amazon.it

  • farina integrale biologica di grano duro antico varietà Senatore Cappelli (confezione da 5 kg)

    farina integrale biologica di grano duro antico varietà Senatore Cappelli (confezione da 5 kg)
    Prezzo: EUR 15,40

  • NutriZing Farina di Cocco Biologica - 1 Kg - Confezione Richiudibile Salva Freschezza - 100% Naturale senza additivi - Vegana e Vegetariana, Senza Glutine - Certificata da Soil Association -59%

    NutriZing Farina di Cocco Biologica – 1 Kg – Confezione Richiudibile Salva Freschezza – 100% Naturale senza additivi – Vegana e Vegetariana, Senza Glutine – Certificata da Soil Association
    Prezzo: EUR 15,55

    Da: EUR 37,75

  • ZeroCal Stevia 1:1 - 1kg - potere dolcificante uguale allo zucchero tradizionale

    ZeroCal Stevia 1:1 – 1kg – potere dolcificante uguale allo zucchero tradizionale
    Prezzo: EUR 19,00

 

Ricetta torta fit al cocco

Come procedere 

  • Miscelare tutti gli ingredienti secchi lievito incluso,
  • Aggiungere il latte di soia
  • Se il composto risulta molto duro , aggiungere un’altro po’ di latte
  • Infornare per 30/35 a 180* statico
  • Non dimenticate di fare la prova dello stecchino per verificare la cottura

Segui Fit ‘n Food su Instagram



L’articolo Colazione esotica: ricetta torta fit al cocco sembra essere il primo su Fit In Hub.

Ricetta biscotti con fiocchi d’avena uno tira l’altro

Senz’altro resistere ai biscotti è una delle attività più difficili da fare, per questo spremendomi le meningi ho pensato ad un modo light di gustare uno snack così facile da portare ovunque, e perchè no, utilizzarlo anche come gustosissima colazione insieme ad una deliziosa tazza di latte di soya. Ecco la ricetta dei biscotti fit uno tira l’altro.

Ingredienti biscotti con fiocchi d’avena

  • 100 gr di fiocchi d’avena
  • 100 gr di farina di cocco
  • 100 gr di farina integrale
  • 200 ml di latte di soia
  • 1 cucchiaio raso di zucchero di cocco
  • 1 cucchiaio di bicarbonato
  • 100gr farina integrale
  • 80 gr di stevia
  • qualche goccia di limone

Acquista su Amazon.it

  • Probios Fiocchi di Avena Mignon - 6 confezioni da 500 gr

    Probios Fiocchi di Avena Mignon – 6 confezioni da 500 gr
    Prezzo: EUR 14,52

  • Sevenhills Wholefoods Zucchero Di Cocco Bio 1kg

    Sevenhills Wholefoods Zucchero Di Cocco Bio 1kg
    Prezzo: EUR 12,99

  • meavita Bio Farina di cocco, 1er Pack (1 X 500 G)

    meavita Bio Farina di cocco, 1er Pack (1 X 500 G)
    Prezzo: EUR 7,69

Come procedere

  • Amalgamare le farine e i fiocchi d’avena
  • Aggiungere il latte di soia (se non ti piace puoi sostituirlo con quello scremato)
  • Aggiungere bicarbonato e le gocce di limone
  • Dividere il composto in piccole porzioni e realizzare della palline
  • Infornare a 180° per 20 minuti

 

Segui Fit ‘n Food su Instagram



L’articolo Ricetta biscotti con fiocchi d’avena uno tira l’altro sembra essere il primo su Fit In Hub.

Le 5 pratiche da evitare in dietetica e nutrizione


Una lista di procedure da evitare se non strettamente necessarie

Diete_13509.jpg

Anche dietologi e nutrizionisti hanno aderito al progetto Fare di più non significa fare meglio – Choosing Wisely Italy, volto a ridurre la prescrizione di pratiche mediche in molti casi inappropriate.
Le raccomandazioni italiane si ispirano in parte a quelle stilate dai colleghi americani, ma tengono conto della realtà clinico-sanitaria nazionale.
Ecco la lista:

1) Per la diagnosi di possibili intolleranze alimentari o per il trattamento dell’obesità non vanno utilizzati i test di intolleranza alimentare. Si tratta di tecniche che non hanno riscontro nelle evidenze scientifiche (determinazione delle IgG4, analisi del capello, test di citotossicità, test elettrodermico “Vega”). Queste indagini, oltre ad essere molto costose, sono ad alto rischio di malnutrizione e ridotto accrescimento in bambini e adolescenti perché generano ansia nei pazienti e comportano una …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | dieta, alimentazione, procedura,

Cataratta, laser e lenti intraoculari


I trattamenti per l’opacizzazione del cristallino si innovano

Cataratta_6544.jpg

Tre persone su quattro a 70 anni devono fare i conti con la progressiva opacizzazione del cristallino, fenomeno meglio noto come cataratta. Nel corso degli anni, l’intervento è diventato sempre più di routine e mostra ora bassissime percentuali di complicanze – si è passati dal 70-80% fino ai primi anni ‘80 al 3% attuale – e un altissimo grado di soddisfazione dei pazienti.
Negli ultimi tempi si assiste a una ulteriore modernizzazione degli interventi, con l’introduzione del laser a femtosecondi. Si tratta di una luce infrarossa con impulsi della grandezza di pochi micron e di brevissima durata che viene focalizzata a diverse profondità nell’occhio per tagliare i tessuti nel punto desiderato, rendendo di fatto inutile l’utilizzo del bisturi. La tecnica consente maggior precisione e sicurezza rispetto all’intervento personale del chirurgo.
«Fino a qualche tempo fa durante l’intervento …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cataratta, laser, cristallino,

Le pratiche da evitare in chirurgia vascolare


Lista italiana di procedure inappropriate

Varie_14260.jpg

Una lista italiana di procedure da evitare nell’ambito della chirurgia vascolare perché spesso inappropriate. A realizzarla è il Collegio dei Primari di Chirurgia Vascolare, che ha aderito al progetto “Fare di più non significa fare meglio – Choosing Wisely Italy”, varato nel 2012 da “Slow Medicine”.
Le raccomandazioni si ispirano in parte a quelle pubblicate dai colleghi americani, ma tengono conto della realtà clinico-sanitaria nazionale.
Ecco la lista:

1) l’ecocolordoppler non è indicato come esame di primo livello per arteriopatia degli arti inferiori, se il paziente è asintomatico o affetto da claudicatio intermittens di grado lieve o moderato. L’esame va invece sostituito con la misurazione dell’Ankle brachial index (Abi). La misurazione dell’Abi è sufficiente per avviare un trattamento e la sua scelta comporta la riduzione di almeno il 25% delle richieste di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | chirurgia, vascolare, pratiche,

Ricetta Bon Bon Fit Cocco e Cacao

La cosa più difficile da fare quando si cerca di seguire una sana e corretta alimentazione è rinunciare ai dolci! Ecco quindi  la ricetta bon bon fit cocco e cacao per far felice chi come me proprio non può fare a meno di una coccola sweet e nello stesso tempo non ama  passare del tempo in cucina. Servono meno di 5 minuti e solo 3 ingredienti per realizzare uno snack dolce!

Ingredienti Ricetta Bon Bon Fit Cocco & Cacao

  • 250gr di ricotta di vaccino, fate colare il liquido (quindi acquistarla magari un giorno prima)
  • 200gr farina di cocco
  • 30/40gr Stevia (se li preferite meno dolci 30 è perfetto)

Come procedere:

  • Mescolare tutti gli ingredienti
  • Quando il composto ti sembrera compatto, crea con le mani delle palline
  • Passarle nel cacao amaro per creare i bon bon fit o se preferisci nella farina di cocco
  • Servire con un buon caffè

Colpo della strega: 3 esercizi da fare a casa

Se hai un’età compresa tra i 35-40 anni e non sei allenata ti sarà capitato di compiere movimenti bruschi, sollevare carichi pesanti, assumere una postura scorretta per tempi piuttosto lunghi e rimanere bloccata (dopo un dolore acuto) in quella stessa posizione per ore.

Se nel caso ancora non lo sapessi, potresti essere incappata nel colpo della strega. Contrattura muscolare e dolore sono due conseguenze immediate del colpo della strega. La scarsa capacità di muoversi, invece permane per più giorni.

Le cause

Alla base di un colpo della strega occasionale non ci sono condizioni patologiche acute o croniche e l’evento non comporta danni specifici ai muscoli paravertebrali coinvolti.

Invece, è importante rivolgersi al medico quando episodi di colpo della strega si presentano:

  • più volte nell’arco dell’anno,
  • regolarmente in concomitanza con una particolare attività,
  • in circostanze differenti.

E’ preferibile rivolgersi ad un ortopedico esperto di patologie della colonna vertebrale per approfondire la situazione con eventuali esami e indagini strumentali e per verificare la possibile presenza di malattie vertebrali o discali, che possono favorire l’infiammazione della muscolatura lombare.

C’è da dire che Il colpo della strega colpisce maggiormente le persone con muscoli lombari poco elastici e tonici. Questa condizione è dovuta a:

  • Costituzione
  • Scarso allenamento
  • Stile di vita sedentario
  • Postura scorretta prolungata nel tempo
  • Lavori pesanti non appropriati per il livello di allenamento, soprattutto se svolti in ambienti freddi