Il pillolo funziona

Sempre più vicina l’introduzione del nuovo contraccettivo

Varie_2905.jpg

Sembra ormai giunta alle ultime fasi la sperimentazione sul “pillolo”, il famoso contraccettivo maschile. In realtà, diversi sono i tentativi in atto da parte di numerosi team scientifici.

Su Plos One sono stati pubblicati i risultati positivi del composto Ep055. “Il composto toglie agli spermatozoi la capacità di nuotare, limitando così le possibilità di fertilizzazione”, spiega l’autore a capo dello studio Michael O’Rand, ex professore di Biologia cellulare e fisiologia alla Chapel Hill School of Medicine dell’Università della Carolina del Nord e ora presidente/Ceo di Eppin Pharma, azienda che intende commercializzare il prodotto. “Questo rende Ep055 un candidato ideale per la contraccezione maschile non ormonale”.

La sindrome di Barbie e Ken

Le richieste più assurde fatte ai chirurghi estetici

Chirurgia estetica_14205.jpg

La chirurgia estetica è una risorsa per i tanti alla ricerca di un volto o un corpo migliore. Per alcuni diventa però il mezzo attraverso il quale stravolgere il proprio aspetto con richieste assurde.

È il caso ad esempio di Alina Kovalevskaya e Valeria Lukyanova, due ragazze di Odessa, in Ucraina, divenute famose perché trasformate grazie a chirurghi plastici compiacenti in vere e proprie bambole, delle Barbie in carne e ossa. C’è anche il corrispettivo maschile di questa folle tendenza, l’inglese Rodrigo Alves, che è voluto diventare il più possibile simile a Ken, il compagno di Barbie.

Carlo Gasperoni, docente di Chirurgia estetica della faccia all’Università di Tor Vergata di Roma, commenta:

Alcune persone soffrono di un disturbo, una sorta di Sindrome di Barbie e Ken, per la quale non riescono ad avere una loro identità ben definita.

Gli antistaminici potrebbero causare sterilità negli uomini

I farmaci associati a un tasso di fertilità maschile più basso

Sessualita_6390.jpg

Gli uomini alla ricerca di un figlio dovrebbero stare alla larga dagli antistaminici. A sostenerlo sono alcuni ricercatori argentini che hanno pubblicato i loro dati sulla rivista Reproduction.
Secondo i dati, gli antistaminici potrebbero influenzare la produzione di ormoni sessuali maschili nei testicoli e produrre di conseguenza alterazioni morfologiche e riduzione della quantità e della motilità degli spermatozoi.

Ricerche precedenti avevano dimostrato come le istamine siano effettivamente coinvolte in altri processi corporei non correlati con le reazioni allergiche, fra cui la regolazione sonno-veglia, il comportamento sessuale e la fertilità.

Le acconciature e i colori per l’inverno

Quest’anno vanno le trecce e i colori forti

Capelli_10093.jpg

Se lo scorso anno era stato il tempo delle chiome da Pop Art dei primi anni ‘60 quest’inverno si torna su tagli più classici.

Una delle tendenze principali per l’inverno è il ritorno della riga di lato. Per essere trendy bisogna pettinare gran parte dei capelli verso l’altra parte del viso per un’ acconciatura moderna e seducente.

Ma la riga di lato è solo il punto di partenza per creare tantissime acconciature, si può optare per capelli lisci da legare in una coda o uno chignon basso. Questo tipo di acconciatura dà un’aria un po’ maschile, molto di moda quest’inverno. Per un look più femminile basta lasciare più morbidi i capelli e legarli una coda laterale.

Ma non solo pettinature austere o androgine, la riga di lato permette anche di creare acconciature voluminose.

Uomini e donne hanno cervelli diversi

Lavorano in modo differente, soprattutto a livello emozionale

Varie_2481.jpg

Il cervello maschile e quello femminile mostrano importanti punti di divergenza nel loro funzionamento. A sottolinearlo è uno studio pubblicato su Scientific Reports da un team dell’Università di Twente, dell’Istituto di Neuroscienze di Nimega e dell’Università di Zurigo.
Grazie a un’elettroencefalografia, i ricercatori hanno dimostrato il ruolo fondamentale associato ai segnali elettrici emessi dal cervello, che provano come il cervello femminile sia maggiormente in grado di riconoscere le emozioni.

Inoltre, l’intelligenza artificiale ha analizzato i dati provenienti da 1.300 elettroencefalografie. Francesco Papaleo, ricercatore presso l’Istituto Italiano di Tecnologia, commenta: Un mio maestro di molti anni fa mi diceva che il cervello dell’uomo e della donna sono completamente diversi.

Scoperto fenomeno genetico legato al cromosoma 22

Finora era stato descritto solo in caso di cancro

Varie_3535.jpg

I cromosomi che costituiscono il genoma umano sono organizzati in 23 coppie (una delle quali caratterizza il sesso maschile o femminile). Possiamo osservare la loro struttura solo quando, durante la divisione cellulare, diventano visibili al microscopio.

Da qui è iniziato lo studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Medical Genetics, che porta la firma dei ricercatori dell’IRCCS Medea – Associazione La Nostra Famiglia, guidati da Maria Clara Bonaglia in collaborazione con il gruppo di Orsetta Zuffardi dell’Università di Pavia, osservando al microscopio le 23 coppie di cromosomi di una bambina con un ritardo dello sviluppo.

La ventiduesima coppia mostrava un cromosoma 22 a forma di “anello” (ring), una conformazione che assume un cromosoma quando perde le estremità (i telomeri) e diventa circolare.