Colpo della strega: 3 esercizi da fare a casa

Se hai un’età compresa tra i 35-40 anni e non sei allenata ti sarà capitato di compiere movimenti bruschi, sollevare carichi pesanti, assumere una postura scorretta per tempi piuttosto lunghi e rimanere bloccata (dopo un dolore acuto) in quella stessa posizione per ore.

Se nel caso ancora non lo sapessi, potresti essere incappata nel colpo della strega. Contrattura muscolare e dolore sono due conseguenze immediate del colpo della strega. La scarsa capacità di muoversi, invece permane per più giorni.

Le cause

Alla base di un colpo della strega occasionale non ci sono condizioni patologiche acute o croniche e l’evento non comporta danni specifici ai muscoli paravertebrali coinvolti.

Invece, è importante rivolgersi al medico quando episodi di colpo della strega si presentano:

  • più volte nell’arco dell’anno,
  • regolarmente in concomitanza con una particolare attività,
  • in circostanze differenti.

E’ preferibile rivolgersi ad un ortopedico esperto di patologie della colonna vertebrale per approfondire la situazione con eventuali esami e indagini strumentali e per verificare la possibile presenza di malattie vertebrali o discali, che possono favorire l’infiammazione della muscolatura lombare.

C’è da dire che Il colpo della strega colpisce maggiormente le persone con muscoli lombari poco elastici e tonici. Questa condizione è dovuta a:

  • Costituzione
  • Scarso allenamento
  • Stile di vita sedentario
  • Postura scorretta prolungata nel tempo
  • Lavori pesanti non appropriati per il livello di allenamento, soprattutto se svolti in ambienti freddi

[PAGINATION]

L’articolo Colpo della strega: 3 esercizi da fare a casa sembra essere il primo su Fit In Hub.

Malattia di Crohn, approvato ustekinumab


Il farmaco colpisce contemporaneamente due target

Varie_14259.jpg

È stata approvata in Italia la nuova terapia per la Malattia di Crohn. Si tratta di Ustekinumab di Janssen, il primo di una nuova classe di anticorpi monoclonali indicati per questa patologia, che rappresenta una doppia novità.
Il farmaco colpisce contemporaneamente due target, andando ad agire più a monte del processo infiammatorio responsabile della malattia, di quanto sia stato possibile fare fino a ora. Questa doppia azione si traduce in un beneficio clinico che, sulla base dei dati emersi dagli studi clinici effettuati, ha dimostrato di offrire una combinazione mai osservata prima in termini di velocità di azione e durata del mantenimento della remissione. Infatti, i dati hanno mostrato la rapidità dell’azione già nel breve periodo e, parallelamente, la persistente durata dell’effetto del farmaco: a 2 anni, nel 75% dei pazienti in terapia con Ustekinumab la malattia è risultata in …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Crohn, ustekinumab, anticorpi,

Shampoo a secco, la soluzione per capelli sudati dopo l’allenamento

Se la palestra fa parte della tua giornata e non utilizzi lo shampoo a secco ti stai davvero perdendo qualcosa. Lo shampoo a secco ti permette in primis di risparmiare tempo: riesce a togliere quell’eccesso di olio nei capelli e sudore che inevitabilmente si appropria dei tuoi capelli dopo una sessione in palestra.

Ora che ti abbiamo informata sull’esistenza dello shampoo a secco devi anche sapere che ci sono modi corretti e modi sbagliati di utilizzarlo.

Per prima cosa non comprare prodotti a caso, ci sono diverse tipologie di stampo a secco in base alla tipologia dei tuoi capelli, il colore, e gli obiettivi che intendi raggiungere. Quindi cerca di capire quello di cui i tuoi capelli hanno veramente bisogno. Leggi anche: Come proteggere i capelli ed evitare che si spezzino durante l’allenamento

Le opzioni, nemmeno a dirlo sono pressoché infinite: volumizzanti per capelli sottili, colorati per capelli molto scuri, o in polvere se vuoi optare per un prodotto organic.

I consigli per utilizzare al meglio lo shampoo a secco:

  • Cerca di evitare di spruzzare il prodotto come se fosse lacca per capelli; non c’è di fatto nessuna controindicazione visto che comunque aggiungerai spessore ai tuoi capelli, ma se quello di cui hai bisogno è semplicemente avere un look da capelli appena lavati, separa le radici e spruzza il prodotto e spazzolalo via, in questa maniera ti sbarazzerai di quell’effetto oleoso volumizzando le radici nel mentre. Non dimenticare di passare lo shampoo a secco sul cranio per aggiungere volume.
  • Un altro trick è quello di spruzzare lo shampoo a secco direttamente sulla spazzola. Attendi qualche minuto dopo di che passala sui capelli con un movimento a zig zag per dare corpo ai capelli e assicurarti che il prodotto sia completamente assorbito.

Acquista su Amazon.it

  • Batiste XXL Volume Spray, fresca e volu minoeses capelli per tutti i tipi di capelli, confezione da (3 x 200 ml)

    Batiste XXL Volume Spray, fresca e volu minoeses capelli per tutti i tipi di capelli, confezione da (3 x 200 ml)
    Prezzo: EUR 15,99

  • Klorane SH secco Aven col150ml

    Klorane SH secco Aven col150ml
    Prezzo: EUR 13,31

  • Tigi Shampoo - 238 ml -61%

    Tigi Shampoo – 238 ml
    Prezzo: EUR 7,95

    Da: EUR 20,50

Se utilizzi lo shampoo a secco in polvere, applicato sulle radici con un pennello da makeup ultra morbido per evitare gli accumuli di polvere che possono essere difficili da mascherare.

Per assicurarti che lo shampoo a secco si assorba totalmente puoi applicarlo sui capelli prima di andare a dormire, in maniera tale da essere pronta il mattino dopo. Leggi anche: 5 modi per dare volume ai capelli piatti

Qualsiasi sia il modo in cui intendi usare lo shampoo a secco ricorda di non passare le mani tra i capelli dopo l’uso, le sostanze oleose presenti sulle mani potrebbero rovinare il tuo duro lavoro.

Altre cose da tenere a mente: non utilizzare lo shampoo a secco con i capelli bagnati, non sostituire completamente lo shampoo a secco allo shampoo normale altrimenti potresti rendere troppo secco il tuo scalpo.



L’articolo Shampoo a secco, la soluzione per capelli sudati dopo l’allenamento sembra essere il primo su Fit In Hub.

Ricetta Cheesecake light della domenica

La domenica chiama dolce, e per non rinunciare al gusto ma allo stesso tempo evitare di sgarrare, preparare la ricetta cheesecake light mi sembra la soluzione ideale!

Ingredienti cheesecake light

  • 400gr di.ricotta preferibilmente a basso.contenuto.di grassi
  • 350gr yogurt fage 0%
  • 200gr di biscotti integrali miele o weetabix
  • Colla di pesce
  • Marmellata senza zuccheri

Acquista su Amazon.it

  • Paneangeli - Gelatina in Fogli, Colla di Pesce - 5 confezioni da 12 g [60 g]

    Paneangeli – Gelatina in Fogli, Colla di Pesce – 5 confezioni da 12 g [60 g]
    Prezzo: EUR 6,99

  • Hero Light Confettura Lamponi - 1 Confezione da 8 Vasi x 280 g

    Hero Light Confettura Lamponi – 1 Confezione da 8 Vasi x 280 g
    Prezzo: EUR 14,08

  • Weetabix 24S Proteine ??500G - Confezione da 2

    Weetabix 24S Proteine ??500G – Confezione da 2
    Prezzo: Vedi su Amazon.it

Come procedere

NB: ricordati di ammorbidire un foglio di colla di pesce in acqua fredda prima di cominciare

  • Tritare biscotti e aggiungere 200gr di yogurt
  • Ricoprire il fondo di una tortiera apribile con carta forno e distribuire il composto
  • Far riposare in congelatore
  • Sciogliere la colla di pesce in un po’ di latte caldo e in un altra ciotola miscelare la ricotta al restante yogurt ,la colla di pesce e due cucchiai di miele!
  • Versare il composto sulla base
  • Ricoprire con marmellata light
  • lasciare in congelatore per farsi che il tutto si addensi
  • Spostarla in frigo per la conservazione



L’articolo Ricetta Cheesecake light della domenica sembra essere il primo su Fit In Hub.

Glioblastoma, scoperta la proteina che lo alimenta


CLIC1 accelera il ciclo cellulare nelle staminali tumorali

Il glioblastoma è il più diffuso e aggressivo tumore cerebrale. Le prospettive più promettenti per l’individuazione di terapie guardano ai progressi della medicina molecolare e in particolare allo studio delle cellule staminali tumorali, ovvero quella parte di cellule responsabili dell’insorgenza, della crescita e della recidiva del tumore.
In questo quadro, si colloca la ricerca coordinata dal Professor Michele Mazzanti e dal suo gruppo al Dipartimento di Bioscienze dell’Università Statale di Milano, in collaborazione con il Laboratorio del Professor Tullio Florio del Dipartimento di Medicina Interna dell’Università di Genova.
Focalizzato sul ruolo della proteina CLIC1, la cui caratterizzazione elettrofisiologica nelle cellule staminali tumorali era già stata compiuta dal gruppo di Mazzanti, lo studio pubblicato su Molecular Cancer Therapeutics ne ha descritto alcune nuove specifiche …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | glioblastoma, proteina, cellule,

Osteoporosi, l’obesità è un fattore di rischio


L’ormone che aiuta le ossa a mantenersi sane è intrappolato nel grasso

Osteoporosi_662.jpg

Nelle persone affette da obesità il rischio di contrarre l’osteoporosi si impenna, fondamentale è il ruolo della vitamina D.
Questo è il risultato della ricerca durata tre anni, realizzata da un’equipe specializzata coordinata dal professor Carlo Foresta, ordinario di Endocrinologia e direttore dell’UOC di Andrologia e Medicina della Riproduzione, in collaborazione con il dott. Andrea Di Nisio del Dipartimento di Medicina dell’Università di Padova, che sarà presentata al Convegno “Alterazioni Metaboliche e Osteoporosi” che si terrà a Padova.
L’osteoporosi non è un problema solo femminile, ma rappresenta un’emergenza clinica anche per il maschio: dopo i 50 anni un uomo su 5 ne risulta essere affetto. Nelle donne il rischio di osteoporosi è fortemente correlato alla menopausa, pertanto lo screening e la diagnosi per questa patologia sono una pratica clinica consolidata. Nel maschio …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | osteoporosi, grasso, obesità,

Perché usare le converse per allenarsi in sala pesi?

Ti sarà sicuramente capitato di vedere powerlifters o anche solo appassionati della disciplina utilizzare le converse per allenarsi . E il motivo non è perché non potevano permettersi un paio di costosissime Metcon. Ti stupirà ma apparentemente le converse sono il miglior paio di scarpe che tu possa utilizzare per i seguenti esercizi: squat, bench press e stacchi.

Gli integralisti della sala pesi sostengono che il miglior paio di scarpe che tu possa indossare per allenarti è un paio di calzini. Allenarti a piedi nudi ti forza ad utilizzare ogni piccolo centimetro dei tuoi piedi e a sentire il contatto con il pavimento in una maniera che le scarpe con cuscinetto non ti permettono di fare, aiutandoti nell’eseguire l’esercizio in maniera corretta. I talloni percepiscono così il peso reale non essendoci il cuscinetto nelle Converse, e tu puoi sprigionare più energia partendo dal pavimento per sollevare pesi più pesanti. Quando i piedi sono a contatto diretto con il pavimento, sei costretta a contrarre e strizzare i muscoli delle gambe durante il sollevamento. Questo si traduce in una tecnica e forma migliore nel corso del tempo.

Le converse sono inoltre, particolarmente leggere e semplici: sono fatte di tela con pochissimi cm di suola, regalandoti quella sensazione di indossare un calzino, e inoltre puoi portare i lacci fino alla caviglia, garantendo supporto.

Inoltre, diciamoci la verità, ti permettono di risparmiare senza rinunciare allo stile.

Acquista su Amazon.it

  • Converse Chuck Taylor All Star Core Ox, Sneaker Unisex, Bianco, Taglia 42.5 -23%

    Converse Chuck Taylor All Star Core Ox, Sneaker Unisex, Bianco, Taglia 42.5
    Prezzo: EUR 50,14

    Da: EUR 65,00

  • Converse M9160, Sneaker Unisex – Adulto, Nero/Bianco (Black), 39 EU -14%

    Converse M9160, Sneaker Unisex – Adulto, Nero/Bianco (Black), 39 EU
    Prezzo: EUR 59,90

    Da: EUR 70,00

  • Converse Chuck Taylor All Star, Sneakers Unisex - Adulto, Rosso (Bordeaux), 38 EU -23%

    Converse Chuck Taylor All Star, Sneakers Unisex – Adulto, Rosso (Bordeaux), 38 EU
    Prezzo: EUR 49,80

    Da: EUR 65,00

La principale differenza con le scarpe da corsa è che queste ultime hanno un cuscinetto che assorbe l’impatto con il pavimento, e ti fanno perdere energia durante l’esecuzione dell’esercizio.

Altro potenziale rischio di indossare scarpe da corsa quando ti alleni in sala pesi, è che potresti perdere equilibrio oltre al fatto che non hanno un supporto laterale per la caviglia.



L’articolo Perché usare le converse per allenarsi in sala pesi? sembra essere il primo su Fit In Hub.

Un pene bionico per una malattia rara


Funziona la protesi su un uomo affetto da estrofia della vescica

Un inglese di 45 anni affetto da estrofia della vescica è riuscito per la prima volta a fare sesso con la propria compagna. La vita sessuale dell’uomo è stata infatti inesistente fino all’intervento dei chirurghi dello University College Hospital di Londra che hanno creato una protesi peniena servendosi di tessuti delle braccia e di nervi prelevati dalle gambe.
Dopo 6 settimane dall’intervento, Andrew Wardle ha potuto finalmente mettere alla prova la nuova protesi. Spingendo un pulsante posto nell’inguine si attiva l’erezione grazie a un fluido salino che viene erogato da una valvola inserita nello scroto.
“È stato bello e naturale ed è così che volevo che fosse”, ha raccontato l’uomo al Sun. Inoltre, la protesi è collegata ai testicoli, il che può consentire in linea teorica alla coppia di avere dei figli.
L’estrofia vescicale è una malformazione congenita che interessa:

– …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | pene, estrofia, vescica,

Psoriasi, i fattori genetici che la scatenano


Ricerca italiana svela i 4 geni fondamentali nello sviluppo

Psoriasi_1016.jpg

Uno studio italiano pubblicato su Frontiers ha svelato l’esistenza dei fattori genetici che causano lo sviluppo della psoriasi nella sua forma cutanea, osteoarticolare (artrite psoriasica) e metabolica.
Lo studio è stato coordinato da Antonio Puccetti e Claudio Lunardi dell’Università di Genova e da Marzia Dolcino dell’Università di Verona.
L’artrite psoriasica è un’artrite infiammatoria caratterizzata da infiammazione delle entesi, ovvero le aree di inserzione dei tendini e dei legamenti sulla superficie ossea. La malattia causa erosione ossea e neo-formazione di tessuto osseo.
La frequenza stimata è dell’1 per cento, ma colpisce circa il 10-30 per cento dei pazienti con psoriasi cutanea. La psoriasi è considerata una malattia immunometabolica, e spesso si associa a una serie di condizioni anche gravi come ipertensione, diabete di tipo 2, obesità addominale e steatosi epatica non …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | psoriasi, geni, artrite,

Nuova tecnologia per rivoluzionare la diagnostica


Sensibile alla singola molecola

Telemedicina_6266.jpg

È un successo tutto italiano la prima misura record di una singola molecola di proteina, usando un transistor di dimensioni millimetriche.
Il lavoro è frutto di un approccio interdisciplinare coordinato da Luisa Torsi, docente all’Università di Bari, e condotto dal responsabile Cnr-Ifn di Bari, Gaetano Scamarcio, con un team di chimici, fisici ed ingegneri formato da Cinzia Di Franco del Cnr, Giuseppe Mangiatordi, che prenderà servizio al Cnr a dicembre, Eleonora Macchia, Kyriaki Manoli, Brigitte Holzer, Domenico Alberga e Gerardo Palazzo di Uniba, Fabrizio Torricelli e Matteo Ghittorelli di Unibs.
Lo studio promette di poter diagnosticare patologie progressive non solo prima che i sintomi si manifestino, ma addirittura appena l’organismo produce i primi bio-marcatori specifici. Una potenziale rivoluzione per la diagnostica medica che, attualmente, si basa su tecnologie che rivelano …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | diagnostica, molecola, tecnologia,