Cancro al colon, peggio il sovrappeso della carne rossa


Il peso corporeo è un fattore di rischio maggiore

Colon_2071.jpg

Un peso eccessivo si traduce in un aumento del rischio di cancro del colon del 33% fra gli obesi e del 15% fra chi è in semplice sovrappeso.
Un pericolo ancora più grave perché meno noto rispetto ad altri fattori più conosciuti, anche se meno dannosi, come ad esempio la carne rossa.
Il consumo di 100 grammi di questo alimento ogni giorno, infatti, aumenta del 17% il rischio di sviluppare questa forma di tumore e l’assunzione quotidiana di 50 grammi di carne lavorata (come i salumi) del 18%.
Questo è uno dei temi che saranno affrontati nel corso della tavola rotonda Miti e realtà in gastroenterologia, organizzata da AIGO nel corso del Festival della Salute, l’appuntamento annuale dedicato a prevenzione, salute e benessere della persona, in programma a Montecatini (Pistoia).
Sottolinea il presidente dell’Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | colon, carne, cancro,

Tre nuovi geni implicati nelle malattie neurodegenerative


Individuati attraverso uno studio sul lievito di birra

Uno studio interdisciplinare effettuato su lievito di birra Saccharomyces cerevisiae (S. cerevisiae) ha condotto alla scoperta di tre geni che portano l’informazione genetica necessaria alla fabbricazione di altrettante proteine, la cui mancanza o difetto potrebbe essere la causa di malattie neurodegenerative nell’uomo. Alla ricerca, che ha utilizzato come strumento d’indagine il Tellurito di potassio, un composto la cui tossicità è collegata a malattie quali l’Alzheimer e il Parkinson, hanno partecipato tra l’altro ricercatori dell’Istituto di bioscienze e biorisorse del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibbr) e del gruppo di ricerca dell’Università del Salento diretto da Pietro Alifano. Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports.
“Le nostre indagini, condotte anche con l’utilizzo di tecniche di genomica e di biologia molecolare sul lievito S. cerevisiae quale sistema …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | geni, neurodegenerativa, malattia,

L’indice di massa corporea va in pensione


Ricercatori presentano l’indice di massa grassa relativa

Diete_6078.jpg

L’indice di massa corporea non vi perseguiterà più. A turbare i vostri pensieri, però, arriverà l’indice di massa grassa relativa (RFM), messo a punto dai ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles in uno studio pubblicato su Scientific Reports.
«Volevamo identificare un metodo più affidabile, semplice ed economico per valutare la percentuale di grasso corporeo senza utilizzare attrezzature sofisticate; infatti la nostra nuova formula utilizza solo misurazioni della circonferenza vita e dell’altezza. Molti esperti nel campo dell’obesità considerano l’IMC un indice non accurato perché non riesce a distinguere tra massa ossea, massa muscolare e grasso in eccesso, e non tiene conto dell’influenza del genere, mentre le donne spesso hanno più grasso corporeo rispetto agli uomini», spiega Orison Woolcott, primo autore dello studio.
Gli scienziati hanno analizzato più di 300 …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | massa, grassa, indice,

Riparazione della valvola mitrale con MitraClip


Arriva la terza generazione del dispositivo

Varie_7455.jpg

La riparazione della valvola mitrale attraverso catetere con sistema MitraClip è giunta alla terza generazione. Lo annuncia l’azienda produttrice Abbott Vascular comunicando la decisione della Food and Drug Administration.
MitraClip aveva ricevuto la prima approvazione nel 2013 per i pazienti sintomatici con rigurgito mitralico degenerativo considerati ad alto rischio per un intervento chirurgico.
«Il sistema MitraClip di nuova generazione offre ai cardiologi capacità avanzate di curvatura, navigazione e posizionamento per la clip, rendendola più facile da utilizzare in anatomie difficili», afferma l’azienda. Il sistema di terza generazione include il dispositivo MitraClip XTR e il dispositivo MitraClip NTR.
I due dispositivi offrono una maggiore precisione di intervento. Grazie a MitraClip XTR si può scegliere una seconda dimensione della clip con bracci più lunghi di 3 mm che …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cuore, mitraclip, mitralica,

Diabete in gravidanza, metformina rischiosa


Potrebbe aumentare il rischio di anomalie congenite

Gravidanza_9897.jpg

L’uso di metformina durante la gravidanza potrebbe non essere appropriato.
L’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa (Cnr-Ifc), in collaborazione con la Fondazione toscana Gabriele Monasterio, ha fornito infatti nuove prove sulla sicurezza legata all’uso della metformina nel diabete gestazionale durante il primo trimestre di gravidanza.
Lo studio, recentemente pubblicato su British medical journal, ha analizzato un numero di donne in gravidanza esposte alla metformina 5 volte maggiore di quanto non fosse stato documentato prima in letteratura.
“Sono state osservate quasi 1,9 milioni di nascite in Europa, fra il 2006 e il 2013, utilizzando i dati di 11 registri di anomalie congenite di 9 nazioni europee. Nello specifico, sono stati rilevati 50.167 bambini affetti da anomalie congenite tra nati vivi, morti fetali e interruzioni di gravidanza a …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | diabete, gravidanza, metformina,

Nuovo anticorpo contro l’Alzheimer


Risultati positivi di BAN2401

Morbo di Alzheimer_5484.jpg

Un nuovo anticorpo monoclonale umanizzato si dimostra in grado di migliorare i sintomi dei pazienti affetti da Alzheimer. Lo dimostra uno studio di fase II presentato all’Alzheimer’s Association International Conference 2018 dai ricercatori di Eisai Co. e Biogen.
BAN2401 ha mostrato la capacità di migliorare la cognizione e la funzionalità cerebrale dei soggetti con Alzheimer in una sperimentazione di 18 mesi controllata con placebo.
Un gruppo di pazienti con malattia di Alzheimer precoce ha ricevuto in maniera casuale placebo o un trattamento a base di BAN2401. Il secondo gruppo è stato suddiviso in 5 sottogruppi a seconda della dose somministrata.
BAN2401 ha evidenziato effetti dose-dipendenti sull’amiloide e sui biomarcatori del liquido cerebrospinale. Alla dose massima di 10 mg/kg, il farmaco ha prodotto una variazione media aggiustata rispetto al basale di -0,26 a 12 mesi e di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Alzheimer, anticorpo, BAN2401,

Ipertensione e Dna, oltre 1000 i geni coinvolti


Ricerca basata sui dati di un milione di individui

Le regioni del Dna coinvolte nei meccanismi di insorgenza dell’ipertensione sono oltre 1000. Lo ha scoperto una ricerca pubblicata su Nature Genetics da un team dell’Imperial College di Londra e della Queen Mary University. Stando ai dati, almeno un terzo dei casi di ipertensione sarebbe trasmesso per via genetica.
“Grazie a queste nuove informazioni potremo calcolare in futuro il fattore di rischio ipertensione per il singolo individuo”, ha spiegato uno degli autori, Mark Caulfield. “In questo modo, i medici potranno disegnare interventi terapeutici su misura, come perdita di peso, riduzione del consumo di alcol o maggiore attività fisica. Con effetti positivi anche sui bilanci dei sistemi sanitari nazionali”.
Uno studio italiano ha scoperto di recente una rara variante genetica, che interessa il 4% della popolazione, associata a un maggiore rischio di ipertensione e di patologie …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | ipertensione, gene, BPIF4,

Bpco, efficace Respimat


Il connubio tiotropio/olodaterolo nella pratica clinica quotidiana

Polmonite_9455.jpg

La combinazione tiotropio/olodaterolo (Respimat) si mostra efficace nella pratica clinica quotidiana in caso di Bpco. Lo rivelano i risultati di OTIVACTO, studio osservazionale real life europeo condotto su 7.443 soggetti con Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), trattati con tiotropio/olodaterolo Respimat.
I dati sono stati presentati da Boehringer Ingelheim all’edizione 2018 del Congresso Internazionale della Società Europea di Malattie Respiratorie (ERS) di Parigi.
I pazienti dello studio hanno riferito un miglioramento sia dell’attività fisica, sia delle condizioni generali e si sono dichiarati molto soddisfatti sia dell’inalatore che della terapia nel suo complesso. I miglioramenti sono stati osservati per tutti i gradi di gravità della malattia.
I pazienti dello studio OTIVACTO hanno risposto al questionario sulla funzionalità fisica (PF-10) all’inizio e alla fine del …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | BPCO, broncodilatazione, tiotropo,

La dieta anti-infiammatoria allunga la vita


Il regime alimentare riduce la mortalità

Alimentazione_9778.jpg

Cercate l’elisir di lunga vita? Seguite una dieta anti-infiammatoria e beneficerete dei suoi effetti positivi. Da aggiungere alla lista della spesa, quindi, frutta e verdura, caffè, pane integrale, cereali, olio di oliva, formaggi magri, noci e cioccolato.
Da evitare come la peste, invece, carne rossa, patatine e bevande gassate.
Uno studio pubblicato sul Journal of Internal Medicine ha coinvolto 68.273 uomini e donne svedesi fra i 45 e gli 83 anni, mostrando che i soggetti che avevano seguito la dieta anti-infiammatoria avevano un rischio inferiore del 18% di mortalità per ogni causa, risultato della media fra il meno 20% di mortalità per le malattie cardiovascolari e il meno 13% di mortalità per cancro.
Inoltre, chi seguiva la dieta e non fumava, traeva ancora maggiori benefici dal regime alimentare rispetto ai fumatori.
La ricerca è firmata da scienziati dell’Università di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | dieta, cancro, mortalità,

Tornare in forma in due mosse


Trattamenti mirati e alimentazione corretta, i consigli del chirurgo plastico

Idee per la bellezza_4014.jpg

Tornare in forma dopo l’estate. La necessità di recuperare la via della normalità e porre un freno agli eccessi del periodo vacanziero.
Una strada che passa attraverso due elementi: «Il rimodellamento del corpo con l’eliminazione dei piccoli accumuli di grasso è possibile attraverso puntali trattamenti. Questi però da soli non bastano: è indispensabile tornare a regimi alimentari adeguati, supportati da una dieta proteica mirata e da un’attività fisica specifica», spiega Patrizia Gilardino, chirurgo estetico di Milano.
Punto di partenza è sempre la condizione della persona. «Il fai da te solitamente non porta da nessuna parte e non esiste una soluzione che va bene ed è efficace per tutti. Ogni percorso terapeutico deriva da una specifica visita medica; ed è il medico che indica la strada da percorrere», precisa Gilardino.
Le indicazioni per i trattamenti guardano a quelli a minor …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | trattamenti, forma, alimentazione,