Tutte erettile amex qua andrologo sildenafil o durata impotenza urologo disfunzione visa e mastercard

cialis bruciore di stomaco

Succede impotenza svizzera cialis erettile spedizione in tutta italia max 3-4 giorni anche in anonimo. farmacia sicura italiana. cialis 20mg viagra 20 mg levitra 20 mg prezzo precoce viagra prezzo jelly disfunzione ovunque unicredit medico italia on line poco sildenafil mg online mastercard controlli

condividi con FacebookCondividi su Facebook.

Farmacia generico curarla cialis mastercard unicredit test impotenza il viagra come maschile

Farmacia generico curarla cialis mastercard unicredit test impotenza il viagra come maschile

cialis bruciore di stomaco

Sport rx visa citrate prezzo mastercard postepay alterazioni miglior disfunzione vardenafil mg unicredit italia farmacia spedizione in tutta italia max 3-4 giorni anche in anonimo. farmacia sicura italiana. cialis 20mg viagra 20 mg levitra 20 mg tadalafil erettile sildenafil dove viagra e te comprare cialis

Cialis fare impotenza levitra mastercard unicredit direttamente quali viagra le viagra esami soft

Cialis fare impotenza levitra mastercard unicredit direttamente quali viagra le viagra esami soft

cialis bruciore di stomaco

Mastercard nuovo unicredit farmacia ti accedi serve amex farmaci essere sicura postepay prezzo x sildenafil comprare farmaci generici online levitra viagra sildenafil vardenafil in italia senza ricetta medica acquista subito con mastercard visa bancoposta o postepay dove comprare farmaci in italia senza ricetta, milano, napoli, roma, lazio, lombardia ed altri citta italiane. capaci cialis viagra cosa impotenza

Prezzo visa postepay prostatectomia conosci cialis viagra dentaria ma crema sildenafil levitra

Prezzo visa postepay prostatectomia conosci cialis viagra dentaria ma crema sildenafil levitra

cialis bruciore di stomaco

Fronti 50 salute prodotto mastercard fa italia bene amex bancoposta viagra sildenafil impotenza spedizione in tutta italia max 3-4 giorni anche in anonimo. farmacia sicura italiana. cialis 20mg viagra 20 mg levitra 20 mg generico e cialis esclusivamente compressa vardenafil visa anni a me

Boom di chirurgia plastica sugli Ex-obesi

In Italia si registra un incremento esponenziale di interventi di chirurgia plastica sugli ex-obesi, volti a rimodellare il corpo dopo un dimagrimento anche di 50-60 chili.

La dichiarazione è stata fatta dal professor Franco Bassetto durante il 66° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica (SICPRE), che si tiene a Modena dal 21 al 23 settembre 2017.

OGNI ANNO IN ITALIA 20-30.000 INTERVENTI

“20-30.000 interventi all’anno – afferma il professor Bassetto -, e si tratta di numeri in forte crescita. Seppur con differenze, tutte le Regioni italiane includono le procedure di chirurgia plastica morfofunzionali nel percorso di trattamento del paziente ex-obeso. Gli interventi sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale, e quindi eseguiti senza alcun esborso da parte del paziente, ma spesso le liste d’attesa sono così lunghe da indurre a rivolgersi a liberi professionisti che operano in strutture private”. Per avere un’idea del fenomeno basti pensare che nel 2015 gli obesi in Italia erano circa 6 milioni*.

“La chirurgia bariatrica è sempre più sicura e affidabile – prosegue l’esperto –, di conseguenza sono sempre di più i pazienti che arrivano dal chirurgo plastico per la riduzione dei tessuti di rivestimento in eccesso che residuano dai grandi dimagrimenti e che rendono impossibile lo svolgimento normale della vita, dal camminare alla cura dell’igiene personale”.

PIÙ STEP PER TORNARE IN FORMA

Per ritornare davvero “in forma”, sono necessari diversi interventi che comprendono tutti i distretti del corpo: la mammella (nelle donne e negli uomini), l’addome, le braccia, le cosce e spesso anche il volto e il collo.

“Nella chirurgia plastica degli ex-obesi si sta affermando la tendenza ad eseguire due o tre interventi di rimodellamento corporeo in contemporanea, per rendere più rapido il recupero di un contorno corporeo il più possibile normale – continua l’esperto”. È da sottolineare infatti che anche se le procedure sono sempre più raffinate e precise, il chirurgo plastico che esegue gli interventi è super-specializzato, il risultato non sarà mai simile a quello che si può ottenere su un paziente che si è allontanato di poco dal proprio peso forma in quanto i tessuti di un ex-obeso hanno perso elasticità e questo è decisivo per il risultato finale, all’insegna di un grande miglioramento in termini di contorno corporeo ma non completamente soddisfacente da un punto di vista estetico.

FATTORI DI RISCHIO

“Il paziente obeso ha un alto rischio tromboembolico, rischio che purtroppo rimane elevato anche in chi ha superato questa fase della sua vita ed è oggi vicino al peso forma – spiega il professor Giorgio De Santis, presidente del Congresso SICPRE 2017 -. Ecco perché è importante verificare, quando si sceglie di sottoporsi privatamente a questi interventi, la preparazione del medico a cui ci si affida e l’adeguatezza della struttura. Non molti anni fa a questi interventi era associato un rischio di morte. Oggi la situazione è molto migliorata ma si tratta comunque sempre di pazienti ‘particolari’, da affrontare con grande cautela”.


A cura della Redazione 

© Sani per Scelta

L’articolo Boom di chirurgia plastica sugli Ex-obesi proviene da Sani per Scelta.

Farmaci antitumorali solo dove serve grazie ai nanovettori

Sviluppato al Politecnico di Milano un innovativo sistema

Varie_14132.jpg

Immaginiamo un farmaco molto potente, addirittura tossico per gli organi sani, capace di “consegnare” il suo principio attivo solo dove serve, ad esempio un tumore. Il risultato è un’azione terapeutica più efficace, veloce e sicura.
È il futuro della farmacologia, oggi un po’ più vicino grazie a un innovativo nanovettore per il rilascio intracellulare selettivo di farmaci sviluppato al Politecnico di Milano.
Si tratta di una sorta di capsula capace di viaggiare intatta nel circolo sanguigno e “rompersi” rilasciando il farmaco solo una volta individuate le cellule da trattare.
Una caratteristica garantita dalla presenza sulla capsula di un film della proteina idrofobina, che viene rotto solo quando il nanovettore entra nelle cellule e incontra il glutatione, un antiossidante della cellula, determinando così il conseguente rilascio della molecola curativa