Alveoli in 3D per studiare le malattie polmonari

Utili a testare più rapidamente le nuove terapie

Asma_8084.jpg

È possibile riprodurre gli alveoli polmonari in 3D su chip per studiare meglio le malattie dei polmoni e sperimentare nuove terapie. È il risultato di uno studio pubblicato su Pnas da un team del Brigham and Women’s Hospital di Boston.

“Questo modello delle basse vie respiratorie è unico nel suo genere”, spiega il bioingegnere Y. Shrike Zhang. In precedenza, i modelli sperimentati si basavano su superfici piatte realizzate con materiali plastici che non consentivano di riprodurre fedelmente la curvatura e l’elasticità degli alveoli naturali.

Gli scienziati americani hanno cercato di ovviare a questi limiti popolando le superfici respiratorie degli alveoli con due diversi tipi di cellule, versione semplificata rispetto ai 42 tipi cellulari presenti nei polmoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.