Curva stabile, meno di 8.000 ricoverati

Ora è il momento di essere responsabili, non è liberi tutti

Varie_14317.jpg

I nuovi casi sono 38.507.
I decessi sono 115, portando il totale a 165.091.
I tamponi sono 265.647, per un tasso di positività del 14,5%, in calo rispetto al 14,6% di ieri.
I ricoverati sono 7.907 (-251), mentre le terapie intensive salgono a 341 (+7), con 44 nuovi ingressi.
Scende l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 559 ogni 100.000 abitanti, contro 699 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente. Stabile l’indice di trasmissione Rt: nel periodo 13-26 aprile 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,96.
I vaccinati sono 48.611.043, il 90,1% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre il 91,4% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 39 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose.
I bambini immunizzati con la prima dose sono al momento 1.386.525, il 37,9% della fascia 5-11 anni.
In totale, sono state somministrate …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Avelumab per il tumore della vescica

Unica terapia di mantenimento nel carcinoma uroteliale

Tumore alla vescica_8720.jpg

Merck e Pfizer annunciano che l’Agenzia Italiana del Farmaco ha ammesso alla rimborsabilità avelumab (nome commerciale Bavencio), per il trattamento di mantenimento in prima linea di pazienti adulti affetti da carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico senza progressione dopo una chemioterapia a base di platino. Il farmaco aveva ricevuto l’approvazione per questa indicazione dalla FDA nel luglio 2020 e dall’EMA nel gennaio 2021.
Avelumab è la prima e unica immunoterapia ad avere dimostrato un beneficio significativo sulla sopravvivenza globale nel setting di prima linea, come dimostrato dallo studio clinico di Fase III JAVELIN Bladder 100, dal quale emerge che la terapia con avelumab al termine della prima linea, rispetto alla sola “osservazione” del paziente ha aumentato la sopravvivenza globale di 8,8 mesi (aggiornamento ASCO GU 2022), con una condizione del paziente …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cancro, vescica, avelumab,

La chirurgia estetica è sempre più giovane

La maggior parte degli adolescenti ha già affrontato interventi estetici

Chirurgia estetica_8033.jpg

Il 73% degli adolescenti italiani ha ammesso di aver subito qualche forma di intervento estetico. Trattamenti dell’acne, rimozione dei peli superflui o delle smagliature, trattamenti anti-cellulite o per rimpolpare labbra, rinoplastica, correzione estetica delle orecchie e mastoplastica gli interventi più richiesti.
Se ne discute in occasione del Convengo Hair&Nail and Anti-Aging, in programma a Capri e promosso e presieduto da Gabriella Fabbrocini, direttore dell’UOC di Dermatologia Clinica dell’Università Federico II di Napoli, e da Antonella Tosti, Ordinario presso il Dipartimento di Dermatologia Leonard Miller School of Medicine University di Miami.
Nel corso dell’evento scientifico, che ha visto confrontarsi esperti italiani e internazionali nel campo della dermatologia, è stato affrontato con particolare attenzione il rapporto, spesso critico, tra adolescenti e interventi …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | chirurgia, estetica, giovane,

Epatiti pediatriche, cosa sappiamo

Il punto della situazione da parte dell’Iss

Epatiti_7852.jpg

Si susseguono nelle ultime settimane le segnalazioni di casi di epatiti anomale a carico di bambini. Sono ormai quasi 100 i casi registrati nel Regno Unito, e diversi casi sono stati segnalati anche in Italia, ma cosa si sa di questa malattia?
Gli esperti dell’Istituto superiore di sanità cercano di fare chiarezza. Al momento nessuna delle teorie formulate sull’origine ha avuto un riscontro attraverso evidenze scientifiche. Inoltre ogni anno in Italia, come negli altri paesi, si verifica un certo numero di epatiti con causa sconosciuta, e sono in corso analisi per stabilire se ci sia effettivamente un eccesso. Le ipotesi iniziali del team di indagine nel Regno Unito proponevano una eziologia infettiva o possibile esposizione a sostanze tossiche. Informazioni dettagliate raccolte attraverso un questionario relativo a cibi, bevande, abitudini personali dei casi non hanno evidenziato …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | epatite, Covid, transaminasi,

Una tuta a elettrodi per riprendere a vivere

Indicata per le persone con problemi motori neurologici

Handicap_6045.jpg

Michele Tebaldi, 30 anni, è un ragazzo di Caldiero che fin dalla nascita soffre di una malattia cerebrale che prende il nome di Tetraparesi Distonica, una patologia che ha influenzato gravemente la sua motricità e la sua possibilità di comunicare con gli altri.
“Nonostante tutto ho sempre cercato di vivere una vita ‘normale’ come quella di un qualsiasi altro ragazzo della mia età, battendomi per aprire nuove porte e opportunità per le persone come me, perché credo nei miei sogni e non mollo mai” – racconta Michele – “La malattia non mi ha impedito di inseguire i miei sogni e infatti ho frequentato l’Università di Trento laureandomi con successo per ben tre volte in materie scientifico-biologiche”.
Spinto dalla voglia di avere una vita più sostenibile, sana ed attiva, nel 2021 il ragazzo ha lanciato insieme ai suoi amici una campagna di raccolta fondi che aveva tra i suoi obiettivi …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | tuta, elettrodi, tetraparesi,

Un vaccino per il tumore del fegato

Positivi i risultati di Hepavac

Tumore al fegato_7856.jpg

Hepavac, il primo vaccino contro il tumore del fegato, sta dando buoni risultati in fase di sperimentazione. A segnalarlo è l’articolo pubblicato su Clinical Cancer Research che dà conto appunto dei primi dati di un vasto studio internazionale coordinato dai ricercatori dell’Istituto dei tumori di Napoli.
Il primo vaccinato al mondo fu nel 2018 un paziente del Pascale. A 4 anni da quella somministrazione, coordinata dall’immunologo Luigi Buonaguro, i pazienti vaccinati sono ora 20 su un totale di 80 persone arruolate.
“I risultati sono estremamente interessanti e promettenti e pongono le basi successive per continuare nello studio clinico su un numero maggiore di pazienti”, spiegano dall’istituto. “Questi dati – sottolinea Luigi Buonaguro, direttore del laboratorio di Modelli Immunologici Innovativi del Pascale – aprono un possibile nuovo orizzonte terapeutico per il tumore del fegato, …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | vaccino, fegato, Hepavac,

CAR-T, una speranza per i tumori cerebrali infantili

Combinazione di terapia genica e farmacologica inibisce la crescita del cancro

Tumore cerebrale_7952.jpg

Nuove speranze di cura dalle CAR-T per i tumori cerebrali dei bambini: un mix di terapia genica e terapia farmacologica dalla potente azione antitumorale inibisce la crescita dei ‘gliomi diffusi della linea mediana’. Si tratta di tumori del cervello molto aggressivi, inoperabili e, fino a oggi, senza un trattamento efficace. La nuova terapia è stata sviluppata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con la collaborazione dell’Istituto Superiore di Sanità, del Policlinico Gemelli e dell’Institute of Cancer Research di Londra. I risultati dei test di laboratorio aprono la strada alla futura sperimentazione sull’uomo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Neuro-Oncology.
I gliomi diffusi della linea mediana sono tumori tipici dell’età pediatrica, nella maggior parte dei casi dovuti alla mutazione della proteina H3K27M. Si sviluppano nelle strutture mediane del …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Car-t, gliomi, tumori,

Monopattini, l’effetto catapulta mette a rischio le ossa

Aumentano gli accessi al pronto soccorso per traumi da caduta

Varie_7824.jpg

Stanno riempiendo sempre più le strade delle città, scelti per la loro comodità negli spostamenti brevi. I monopattini elettrici, però, possono anche rappresentare un rischio per la salute.
Un’indagine realizzata dall’Asst Gaetano Pini-Cto di Milano rivela che negli ultimi 6 mesi si sono registrati 280 accessi al pronto soccorso legati all’uso imprudente dei monopattini.
Pietro Randelli, professore ordinario di ortopedia e traumatologia all’Università degli Studi di Milano e direttore del Comitato tecnico-scientifico dell’Asst Gaetano Pini-CTO di Milano, spiega al Corriere della Sera perché l’eventualità di farsi male alla guida di un monopattino elettrico non è così rara: «Sono diversi i motivi, a partire dal meccanismo di caduta a “catapulta” in cui il conducente è sbalzato in avanti. Non solo, nella maggior parte dei casi chi si mette alla guida non ha alcuna esperienza tant’è che …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | ossa, monopattini, cadute,