Olio essenziale di thuia: proprietà, benefici, usi e controindicazioni

Molti sono gli oli essenziali presenti in commercio. Oggi vediamo quello di thuya, questo viene estratto attraverso la distillazione in corrente di vapore. La parti utilizzate della pianta (nota come Thuya occidentalis) sono la corteccia, le foglie e i ramoscelli giovani. I benefici, le proprietà e le controindicazioni di certo non mancano. Se desiderate conoscere […]

L’articolo Olio essenziale di thuia: proprietà, benefici, usi e controindicazioni proviene da Vivere in Benessere.

Calano contagi e decessi

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Sono 14.931 i nuovi casi di contagio accertati nelle ultime 24 ore, mentre i tamponi sono 306.078, di conseguenza il tasso di positività è del 4,9%.

I morti sono 251 in un giorno, per un totale di 95.486 vittime da inizio pandemia.

I ricoveri totali sono 17.725, 106 meno di ieri, mentre le terapie intensive salgono di 4, arrivando a 2.063.

Sono 3.439.703 le somministrazioni di vaccini effettuate finora. Il 5,6% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid e 1.327.332 persone hanno completato il loro percorso vaccinale. L’Rt nazionale torna a sfiorare 1, fermandosi a 0,99 nell’ultima rilevazione.

Sclerosi multipla, le staminali frenano la disabilità

Trapianto autologo utile soprattutto per quella recidivante-remittente

Sclerosi multipla_5629.jpg

L’utilizzo delle cellule staminali ematopoietiche (aHSCT) consente di frenare la progressione della disabilità nei soggetti affetti da sclerosi multipla, in particolare della variante recidivante-remittente.

Lo afferma uno studio pubblicato su Neurology da un team dell’Università di Genova e dell’Irccs Ospedale Policlinico San Martino guidato da Giacomo Boffa, che commenta:

«I risultati ottenuti sono di fondamentale importanza nel contesto attuale della malattia perché i pazienti presi in esame hanno una forma di sclerosi multipla particolarmente aggressiva e, per questo, spesso vengono esclusi dalle sperimentazioni cliniche. Tutto ciò spiega le poche terapie disponibili per loro».

Covid, vaccino accessibile anche agli allergici

Maggiori accortezze ma gli allergici possono vaccinarsi

Allergie_8095.jpg

Non bisogna escludere a priori i cittadini allergici dalla campagna di vaccinazione anti-Covid in atto. A dirlo sono gli esperti dell’Associazione allergologi immunologi italiani territoriali e ospedalieri (Aaiito) e della Società italiana di allergologia asma e immunologia clinica (Siaaic) in linee guida specifiche per la gestione dei soggetti allergici.

Sebbene necessitino di una gestione più specifica e individualizzata, gli allergici che hanno già manifestato reazioni anafilattiche o reazioni a precedenti vaccini possono accedere alla vaccinazione sotto stretto controllo medico.

I primi dati disponibili sui vaccini Pfizer-BioNtech e Moderna evidenziano un tasso di reazioni anafilattiche di 11,1 casi per un milione di dosi somministrate. Si tratta di un dato più alto di quello legato al vaccino antinfluenzale, fermo a 1,3 casi per milione.

Total Body workout a casa con i Push Up

Per un total body workout a casa efficace non c’è bisogno di attrezzi o chissè quanti esercizi. A volte ne basta uno solo, declinato in diverse varianti e ben eseguito. E questo esercizio è il push up.  C’è una ragione ben precisa se i push up hanno resistito come esercizio must al corso del tempo: è un esercizio che involve molteplici parti del corpo andando ad agire su pettorali, tricipiti, deltoidi, e tutti i muscoli che danno stabilità

Inoltre non richiedono nessun tipo di attrezzatura per essere eseguiti, per cui è possibile eseguire push up ovunque ed in qualsiasi momento della giornata. L’unica cosa a cui prestare attenzione è che i push up siano eseguiti correttamente in modo da vedere risultati ed evitare di farsi male.

Nell’eseguirli, dunque mantieni testa, collo e spina dorsale in una posizione neutra, addominali contratti e i muscoli della parte bassa del corpo attivati durante il movimento.

Come eseguire un push up

Come funziona: Performa un push up mantenendo una forma corretta. Cerca di eseguire dai 3 agli 8 push up. Una volta completati gli esercizi senza problemi, sei pronta per le variazioni. Mixare le posizioni del corpo, metterà alla prova i muscoli del corpo e ti permetterà di bruciare più calorie.

Total body workout a casa con i push up

Per eseguire il total body workout a casa con i push up, cerca di eseguire correttamente un esercizio alla volta. Esegui 2 o 3 set di 8 10 ripetizioni, usando una forma corretta, e poi passa a quello successivo.

 Plank laterale con push up

  • Inizia in posizione di push-up (mani sotto le spalle, addominali ingaggiati, schiena dritta e gambe stese all’indietro)
  • Abbassa il petto verso il pavimento, e effettuando una pressione verso l’alto ruota la parte superiore del corpo verso sinistra mantenendo l’equilibrio poggiando sulla mano destra.
  • Il braccio sinistro quindi si estende verso l’alto formando una T con il corpo.
  • Mantieni la posizione per un conteggio, ritorna in plank e  ripeti.
  • I movimenti vanno eseguiti da entrambe i lati.

Sliding Push-Up

  • Inizia in posizione di push up Start in push-up (mani sotto le spalle, addominali ingaggiati, schiena dritta e gambe stese all’indietro) con uno slider o un pezzo di stoffa sotto il palmo sinistro.
  • Lentamente fai scivolare la mano sotto la quale tieni lo swiffer o lo slider all’esterno mentre il gomito del braccio destro si piega dietro di te e il corpo si abbassa verso il pavimento.
  • Senza toccare il pavimento, stendi il braccio quanto più possibile, e lentamente ritorna indietro nella posizione di partenza.
  • Fai 8 ripetizioni per lato.

Push Up inclinato su Stability Ball con crunch

  • Inizia in posizione di push up Start in push-up (mani sotto le spalle, addominali ingaggiati, schiena dritta e gambe stese all’indietro piedi uniti)  con il dorso dei piedi centrati sulla stability ball.
  • Porta le ginocchia verso il petto ed esegui un crunch
  • Ritorna in posizione di partenza e abbassati in un push up.
  • Tornare nella posizione di partenza continuando ad eseguire il movimento in maniera fluida per otto ripetizioni

Push-Up con mountain climber singolo

  • Inizia in posizione di push up Start in push-up (mani sotto le spalle, addominali ingaggiati, schiena dritta e gambe stese all’indietro piedi uniti).
  • Performa un push up, e poi fai un passo laterale facendo passare la gamba sinistra sotto quella destra e la mano sinistra sotto il braccio sinistro.
  • Performa dunque un altro push up e ripeti il movimento inverso dall’altro lato.

Pike Push-Up su stability ball

  • Inizia in un posizione a piccolo (testa in giù in una V) palmi sotto le spalle, punte dei piedi puntati al centro della stability ball, gambe unite, fianchi portati in su verso l’alto.
  • Mantieni il corpo basso e fermo, piega i gomiti dietro di te, abbassando leggermente la testa verso il pavimento.
  • Attentamente effettua una pressione per tornare verso l’alto

Covid, varianti a Wuhan già a dicembre 2019

La missione dell’Oms evidenzia una diffusione precoce dell’infezione

Varie_1976.jpg

La diffusione del contagio da Sars-CoV-2 è iniziata ben prima del dicembre del 2019 a Wuhan, in Cina. Mentre la vita scorreva normalmente in Europa e nel resto del mondo, nei mesi precedenti alla fine del 2019 era già scattato in Cina il meccanismo infernale che avrebbe di lì a qualche mese scaraventato tutti nell’emergenza sanitaria che ancora viviamo.

A dicembre, i ricoveri per strane polmoniti hanno cominciato a insospettire i medici cinesi, ma il virus era già al lavoro da tempo.

A questa conclusione è arrivato il team di 17 medici spediti dall’Oms a Wuhan per cercare di capire le origini della pandemia. I medici guidati da Peter Ben Embarek e accompagnati da altrettanti scienziati cinesi hanno trascorso 4 settimane nel capoluogo della provincia dello Hubei, concludendo che il virus circolava ampiamente alla fine del 2019.

Workout braccia: 5 esercizi per eliminare l’effetto tendina

In questi giorni la richiesta di un workout braccia efficace per eliminare l’effetto tendina, è quanto mai aumentata. Complici le prime belle giornate di caldo quasi primaverili, sembra si senta l’esigenza di portarsi avanti ad allenare una parte del corpo, soprattutto femminile, spesso poco allenata.

Un workout braccia, che ti permetta di sviluppare tutti i muscoli, ha in realtà una serie di benefici, che vanno ben oltre l’aspetto estetico dell’eliminare l’effetto tendina. Pensa solo a tutte le mansioni quotidiane che svolgi e che implicano l’utilizzo delle braccia, una certa resistenza e forza.

Workout braccia: 5 esercizi per eliminare l’effetto tendina

L’allenamento si compone di 4 esercizi ciascuno dei quali va ripetuto da 3 a 5 ripetizioni per 15 ripetizioni a esercizio e 1 esercizio che va eseguito per un determinato lasso di tempo.

Come sempre ti ricordiamo di verificare di essere nelle condizioni di salute e di fitness per eseguire l’allenamento 

Curl bicipiti 

  • In piedi schiena dritta, impugna in ciascuna mano un manubrio
  • Tieni i gomiti attaccati al corpo e ruota i palmi delle mani verso l’alto
  • Tieni la parte superiore del braccio ferma
  • Inspirando e contraendo i bicipiti porta i pesi verso l’alto
  • Controllando il movimento ritorna in posizione di partenza

Shoulder Press

  • In piedi con le gambe leggermente divaricate, impugna in ciascuna mano due manubri
  • Porta i manubri all’altezza delle spalle con i palmi delle mani rivolti in avanti e i gomiti che puntano all’esterno
  • Distendi le braccia verso l’alto e ritorna in posizione di partenza
  • Continua ad eseguire il movimento per il numero di ripetizioni indicato

Dip Tricipiti

  • Siediti per terra, davanti ad una sedia
  • Poggia i palmi delle mani sulla sedia in maniera tale che i gomiti siano rivolti verso l’alto
  • Distendi in avanti le gambe. A seconda del tuo livello di fitness puoi tenere le gambe a 90°, completamente distese con i talloni a terra.
  • Facendo perno sui palmi, prestando attenzione a tenere l’addome e glutei attivi, solleva il corpo distendendo le braccia
  • Con un movimento controllato, ritorna verso il basso evitando di toccare il pavimento con i glutei.
  • Ripeti l’esercizio con movimento fluido per il numero di ripetizioni indica

Shoulder Tap 

  • Parti in posizione di plan con le spalle perpendicolari alle mani
  • Solleva la mano destra da terra e portala verso la spalla sinistra, toccandola leggermene e immediatamente riportandola in posizione di partenza.
  • Esegui il movimento dal lato opposto
  • Continua con l’esecuzione dell’esercizio per il numero di ripetizioni indicato.

Plank

 

Covid, l’alito cattivo è un segno

Casi di alitosi aumentati con l’emergere della pandemia

Varie_6373.jpg

Anche l’alito cattivo può denunciare la presenza di Covid-19 in un soggetto. Lo rivela uno studio dell’Università di Brno pubblicato su Special Care in Dentistry. La presenza dell’infezione potrebbe infatti apportare modifiche sostanziali in lingua e mucose orali.

L’alitosi, spiega Silvia Masiero, esperta della Società Italiana di Parodontologia e implantologia (Sidp), “è una condizione che spesso va di pari passo a una serie di patologie respiratorie, gastrointestinali e delle gengive.

Queste, infatti, possono alterare le caratteristiche della saliva e la presenza di microrganismi anaerobici presenti sulla lingua o vicino ai denti e la produzione di composti volatili dello zolfo, che provocano il caratteristico odore sgradevole”.

Lo studio dei ricercatori cechi ha analizzato 18 pazienti con Covid-19 con alitosi di nuova insorgenza durante la pandemia.