Olio essenziale di rosa mosqueta: proprietà, benefici, usi e controindicazioni

Uno degli oli essenziali più noti all’uomo è quello di rosa mosqueta. Dispone di varie proprietà ed è un grande alleato della pelle. Lo potete impiegare in più ambiti e nel corso dell’articolo vi mostreremo appunto come può esservi d’aiuto. Di tutti i benefici quello più noto è il suo rendere meno evidenti le cicatrici. […]

L’articolo Olio essenziale di rosa mosqueta: proprietà, benefici, usi e controindicazioni proviene da Vivere in Benessere.

L’inquinamento stimola le malattie autoimmuni del fegato

L’esposizione ridotta ma costante ne facilita lo sviluppo

Malattie autoimmuni_7635.jpg

Alcune malattie autoimmuni del fegato sembrano favorite dall’esposizione a un fattore inquinante persistente, anche se ridotta.

A dirlo è uno studio realizzato dalla Newcastle University e presentato all’International Liver Congress 2019 di Vienna. La ricerca ha riscontrato un numero significativo di casi di colangite biliare primaria, epatite autoimmune e colangite sclerotizzante primaria in alcune aree ben definite dell’Inghilterra nord-orientale e della North Cumbria.

“Lo studio suggerisce che l’esposizione a un agente ambientale persistente e a basse concentrazioni può aver giocato un ruolo nella patogenesi di tutte e tre le malattie autoimmuni del fegato studiate”, conclude Jessica Dyson, della Newcastle University.

Vaccino anti-Hpv efficace, ma meglio farlo subito

Riduzione fino all’88% delle lesioni precancerose

Tumore utero_4048.jpg

Il vaccino contro il Papillomavirus umano (Hpv) riduce fino all’88% le lesioni precancerose che preludono all’insorgenza dei tumori del collo dell’utero. La percentuale tuttavia scende se si sceglie di vaccinarsi oltre i 12-13 anni.
La conferma arriva da uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un team dell’Università di Edimburgo che ha analizzato quasi 140mila ragazze nate fra il 1988 e il 1996.

Il campione era suddiviso in 3 sottogruppi: donne non vaccinate (nate fra il 1988 e il 1990), donne vaccinate fra i 14 e i 17 anni (nate fra il 1991 e il 1994) e ragazze vaccinate fra i 12 e i 13 anni (nate fra il 1995 e il 1996).

Nell’ultimo gruppo la riduzione delle lesioni precancerose di lieve pericolosità è stata del 79%, quella delle lesioni moderate dell’88% e quella delle lesioni più gravi dell’86%.

Cancro alla prostata, Radio-223 efficace

Migliora la sopravvivenza globale in pazienti con metastasi

Tumore alla prostata_957.jpg

Il radiofarmaco radio-223 dicloruro migliora la sopravvivenza globale anche in pazienti della pratica clinica, che presentano caratteristiche diverse da quelli inclusi negli studi registrativi.

I dati di diversi studi real life sul radiofarmaco sono stati presentati in occasione dell’11° Simposio internazionale sulla Targeted Alpha Therapy (TAT 11) che si è svolto recentemente a Ottawa. In particolare, uno studio di pratica clinica retrospettivo condotto negli USA con radio-223 ha avuto come risultato un’estensione di 21,2 mesi della sopravvivenza globale mediana dei pazienti affetti da carcinoma della prostata metastatico resistente alla castrazione (mCRPC) con metastasi ossee.

Vene varicose, ci pensa la scleroterapia

Quasi una donna su due ne soffre nel corso della vita

varie_9804.jpg

Fastidioso inestetismo ma anche “spia” che può nascondere problemi di salute seri. Sono le vene varicose, una patologia che interessa oltre il 40% delle donne italiane, in particolare dopo i 50 anni.

Ma non è solo un problema femminile, in Italia ne soffre anche un uomo su quattro. E in estate il problema si aggrava: gonfiori e arrossamenti – oltre al senso di pesantezza dovuto al caldo – fanno aumentare in questo periodo dell’anno le richieste di interventi di scleroterapia, per migliorare non solo la salute ma anche l’aspetto delle gambe, più esposte in estate.

Si stima che in tutto il mondo in una sola giornata oltre 9 milioni di persone si sottopongano a questo trattamento – afferma il Dott. Paolo Casoni, Vice Presidente dell’Associazione Flebologica Italiana (AFI) e direttore del Dipartimento del Centro Ippocrate – Vein Clinic di Parma.

Candida auris, il super fungo che uccide

Diversi casi di infezioni letali negli Stati Uniti

Varie_14119.jpg

Le autorità sanitarie mondiali hanno a che fare con una nuova minaccia alla salute globale, un super fungo potenzialmente in grado di uccidere. Si chiama Candida auris, una sorta di versione “potenziata” della comune Candida.

In alcuni ospedali di New York e del New Jersey si è scatenato il panico a causa di questo microrganismo resistente ai farmaci. È un micete lievitoforme isolato per la prima volta nel 2009 nell’orecchio di un paziente giapponese ricoverato presso l’Ospedale geriatrico di Tokyo.

Il fungo è poi apparso in altri paesi, fra cui Stati Uniti e Gran Bretagna. A New York finora sono stati accertati 300 casi di infezione, e 600 in tutti gli Stati Uniti. Il fungo infetta le ferite, prediligendo le orecchie.

5 consigli per battere la cellulite

8 donne su 10 ne sono colpite

Cellulite_12909.jpg

Una sorta di maledizione dalla quale è immune solo una piccola schiera di privilegiate. Parliamo della cellulite, che affligge più di 8 donne su 10.

Le categorie più colpite sono le donne che si trovano fra il periodo della gravidanza e quello della menopausa, orientativamente fra i 30 e i 50 anni. Si rivolgono agli esperti, però, soprattutto le più giovani fra i 17 e i 25 anni.

Sono dati emersi dall’ultimo congresso dell’Aesthetic Medicine Practical International Congress di Firenze.

Una delle organizzatrici del congresso, Maria Albini, spiega: “il problema può essere affrontato con buoni risultati: più è precoce lo stadio della cellulite, che ha quattro livelli di gravità, più è facile contrastarlo”.

Tempo di allergie, i consigli degli esperti

Suggerimenti utili per evitare che i sintomi ci perseguitino

La primavera si avvicina e con essa le giornate si allungano, il clima si fa più mite, cresce la voglia di stare all’aria aperta ma, per chi ne soffre, primavera fa anche rima con allergie. Circa il 40% degli italiani, infatti, soffre di una qualche forma di allergia che, proprio in primavera, rischia di scatenare fastidiose conseguenze e disturbi.

Il calendario pollinico mette in guardia gli allergici e l’aumento dei pollini presenti nell’aria, tipico soprattutto dei mesi primaverili, fa sì che molte persone associno ai momenti vissuti fuori casa le reazioni allergiche e i sintomi più diffusi del raffreddore da fieno quali starnuti a ripetizione, naso che cola, bruciore oculare e fotofobia.

Creme solari, al bando due molecole

Eliminati due filtri non sicuri

Migliorare l’efficacia delle creme solari e tutelare la salute della pelle. È questo l’obiettivo che ha portato la Food and Drug Administration (FDA) a rivedere le regole vigenti negli Stati Uniti in materia di protezione solare.

Le direttive precedenti alla revisione risalivano a circa 30 anni fa. E si discostano poco da quelle tutt’ora vigenti in Italia.

Le nuove misure di protezione adottate negli Stati Uniti devono essere di esempio – esordisce il dott. Piergiacomo Calzavara Pinton, Presidente della SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse).