Allenamento a circuito a corpo libero ad alta intensità

Allenamento a circuito a corpo libero ad alta intensità in 15 minuti è l’allenamento che conviene fare di mattina per darsi una scossa e iniziare con piglio la giornata.

Questo allenamento può essere eseguito nella versione facilitata o quella avanzata e si adatta a diversi livelli di allenamento. La modalità di allenamento è la modalità AMRAP.

COSA vuol dire AMRAP?

Il termine, come spesso capita, è preso in prestito dal crossfit ed è l’acronimo di As Many Rep As Possible, ovvero quante più ripetizioni possibili. L’allenamento a circuito a corpo libero infatti consiste nel dover eseguire tutte le ripetizioni assegnate per esercizio nell’ordine stabilito, quante più volte possibile.

Essendo un allenamento ad alta intensità, ti consigliamo di verificare di essere nelle condizioni di fitness e di salute adatte per eseguire l’allenamento

Allenamento a circuito a corpo libero ad alta intensità in 15 minuti

Per eseguire l’allenamento a circuito a corpo libero, avrai bisogno di:

  • un timer
  • un tappetino
  • una bottiglietta d’acqua

Versione facilitata

15 Push up facilitato

  • Posizionati davanti ad una sedia (fissandola al muro) o ad un divano, poggia le mani sulla seduta e distendi il corpo indietro
  • Gambe distese, punte dei piedi a terra e palmi delle mani all’altezza del petto. Gomiti in alto.
  • Mantenendo il corpo in linea retta, sollevalo distendendo le braccia e attivando l’addome
  • Fai attenzione a non inarcare la schiena, collassare i fianchi e non tenere il sedere sollevato
  • Ritorna con un movimento controllato verso il basso senza toccare il pavimento e ristendi le braccia portando in alto tutto il corpo.

15 V-sit

  • Sdraiata a pancia all’aria, distendi gambe e braccia
  • Con un movimento rapido solleva contemporaneamente busto, braccia e gambe portando le gambe verso il petto e abbracciandole
  • Torna in maniera controllata posizione di partenza e ripeti in maniera fluida l’esercizio

30 Affondi indietro

  • Piedi uniti porta indietro la gamba destra
  • Fai in modo che il ginocchio tocchi per terra, senza sbatterlo
  • Mentre la gamba sinistra forma un angolo di 90°
  • Cerca di non inarcare la schiena o buttarti in avanti
  • Riporta la gamba destra in avanti ritornando in posizione di partenza
  • Esegui il movimento dal lato opposto.

Leggi anche Affondi Indietro per gambe snelle e toniche

15 Push up

  • Sdraiati a pancia sotto sul pavimento
  • Gambe distese, punte dei piedi a terra e palmi delle mani all’altezza del petto. Gomiti in alto.
  • Mantenendo il corpo in linea retta, sollevalo distendendo le braccia e attivando l’addome
  • Fai attenzione a non inarcare la schiena, collassare i fianchi e non tenere il sedere sollevato
  • Ritorna con un movimento controllato verso il basso senza toccare il pavimento e ristendi le braccia portando in alto tutto il corpo.

15 V-up

  • Sdraiata a pancia all’aria, distendi gambe e braccia
  • Con un movimento rapido solleva contemporaneamente busto, braccia e gambe facendo si che le mani tocchino le punte dei piedi
  • Torna in maniera controllata posizione di partenza e ripeti in maniera fluida l’esercizio
  • 15 Affondi saltati

    • Posiziona la gamba destra in avanti e la gamba sinistra indietro, e assumi la posizione di affondo statico
    • Con uno slancio, porta la gamba destra indietro e la gamba sinistra avanti
    • Esegui il movimento in maniera fluida facendo molta attenzione alla forma

    L’articolo Allenamento a circuito a corpo libero ad alta intensità sembra essere il primo su Fit In Hub.

    Benessere quotidiano: cos’è il CBD?

    DISCLAIMER: Prima di prendere integratori, consulta sempre il tuo medico curante. I prodotti a base di CBD legali devono contenere fino o.o5% di THC e non possono essere venduti o utilizzati da persone sotto i 18 anni. Sono sconsigliati durante la gravidanza, allattamento, condizioni di salute compromesse e nel caso si utilizzino altri integratori o altre medicine. Il prodotto non ha come finalità quella di prevenire, curare o trattare malattie di topo fisico e mentale. 

    Correva l’anno 2017, la quarantena non era neanche a numero, e la nostra maggiore preoccupazione era realizzare ricette dolci a base di semi di Chia. Poi ecco il 2018, con gli frullati alla curcuma e gli integratori sportivi, seguiti dalle creme a base di bava di lumache nel 2019, e ora il CBD!

    Cos’è il CBD?

    Ogni anno parrebbe ci troviamo davanti ad un nuovo trend benessere – molti effettivamente utili, alcuni solo frutto di marketing mirato. Il CBD, per fortuna, rientra nei primi. Gli studi sul il CBD (o cannabidiolo) un componente della canapa industriale, risalgono al 1940.

    Se la parola canapa ti spaventa, non sei sola… ma non preoccuparti! – la canapa industriale non ha niente a che vedere con la marijuana, che e’ l’erba che provoca lo ‘sballo’, ed e’ anche illegale nella maggior parte dei paesi del mondo. Sebbene provengano entrambe dalla famiglia della Cannabis Sativa, possono essere considerate cugine di primo grado al massimo: infatti, la Marijuana puo contenere fino al 30% di THC (l’elemento che provoca alterazioni) mentre la canapa industriale ne contiene al massimo lo 0.3%.

    Leggi anche Ricetta torta light con farina di canapa e mele

    Per la mia esperienza personale, il CBD ha due utilizzi’ fondamentali:
    • quella di mantenermi in salute quando sto bene, come altri integratori grazie alle sue proprieta’ anti-infiammatorie e immuno-stimolanti,
    • quello di aiutarmi in periodi ansiosi o insonni, grazie alle sue proprieta rilassanti e ansiolitiche.

     

     

    Visualizza questo post su Instagram

     

    Perfect skin with CBD? Really tho?! 🤯 Studies published on the Journal of Clinical investigation show that #CBD can help regulate overactive sebum glands and reduce the production of all that delicious white gunk that’s only ever fun on #DrPimplePopper. Check out more on this with our link in bio #CBDforAcne #CBDForSkin

    Un post condiviso da Moxmilk (@moxmilkcbd) in data:

    A cosa serve e come funziona il CBD?

    Il CBD e’ uno dei componenti più importanti della canapa, studiato da anni da organizzazioni di fama mondiale tra cui l’Universita di Harvard e il National Institute of Health, per i suoi effetti (supportati da alcuni studi) anti infiammatori, antidolorifici, intestinali, rilassanti e ansiolitici. Leggi anche le informazioni sugli endocannabinoidi

    In parole povere, svolgerebbe un ruolo importanti nel modulare funzioni come sonno, dolore, fame, umore, memoria e appetito sessuale. Il CBD risulta essere un valido supporto per mantenere e regolare  questi processi, favorendo anche il controllo e la gestione di problemi di natura psicologica, come ansia e depressione.

    Chi può prendere prodotti a base di CBD?

    Il CBD e’ legale in italia, come nella maggior parte del mondo, ed e’ indicato per chiunque voglia aggiungere una dose di benessere alla propria giornata, o darsi una mano in periodi bui. Io, avendone verificato i benefici, ed essendomi assicurata di poterlo prendere, ne faccio uso regolare, specialmente in questi periodo particolarmente stressanti.
    Consulta il tuo medico se sei incinta o hai patologie che potrebbero essere aggravate dal prodotto. 

    L’articolo Benessere quotidiano: cos’è il CBD? sembra essere il primo su Fit In Hub.

    Fiore di Bach Scleranthus: per gli eterni indecisi

    Il fiore di Bach Scleranthus è ottenuto dal fiore secco, un nome particolare come il suo aspetto. Dall’aspetto è filiforme, duro, di un colore verde sbiadito e si nasconde tra le foglie. In pratica questo fiore appartenente alla famiglia delle Cariofillacee viene considerato di solito un’erbaccia. Venne scoperto da Edward Bach all’interno di un campo di stoppe. […]

    L’articolo Fiore di Bach Scleranthus: per gli eterni indecisi proviene da Vivere in Benessere.

    Kefir

    Curiosità, informazioni, consigli per l’utilizzo di un alimento straordinario e tante gustose ricette sono tutte cose da scoprire nel nuovo libro di Liana Zorzi, sociologa e giornalista scientifica, direttrice di Sani per Scelta, che stavolta ci porta a conoscere il kefir. Il kefir, noto anche come “bevanda fermentata” o “latte fermentato”, è un superfood antichissimo, entrato a far parte della dieta dei nostri antenati circa 2000 anni fa. Considerato un elisir di lunga vita, il kefir è ricchissimo di probiotici, microrganismi amici della nostra salute, vitamine, proteine derivanti dal latte, sali minerali, come il calcio, ed enzimi.  Il kefir è un alimento capace di cambiare completamente il modo in cui ci sentiamo, aumentando il nostro benessere. Consumato con regolarità, ha così tanti benefici per la salute che vale la pena provarlo e inserirlo nella nostra dieta, specie oggi che possiamo acquistarlo già pronto e portarlo sempre con noi. 

    Clicca qui per acquistare il libro > 

    L’articolo Kefir proviene da Sani per Scelta.

    Coronavirus, alcuni pazienti restano contagiosi

    Virus nell’organismo a distanza di 8 giorni dalla scomparsa dei sintomi

    Alimentazione_14336.jpg

    La scomparsa dei sintomi associati al nuovo coronavirus non è elemento sufficiente per garantire la non contagiosità di un soggetto. Secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, circa la metà dei pazienti trattati con sintomi lievi di coronavirus mostra la presenza del virus nell’organismo ancora 8 giorni dopo la scomparsa dei sintomi.

    Lo studio, realizzato da scienziati del Treatment Center of PLA General Hospital di Pechino insieme a colleghi della Yale School of Medicine, è a prima firma di Lixin Xie, che spiega:

    “Se hai manifestato una lieve sintomatologia respiratoria causata dal COVID-19 estendi la tua quarantena per altre due settimane dalla scomparsa dei sintomi, per essere sicuro di non contagiare altre persone”.

    Rigenerazione del muscolo, il ruolo della proteina Nfix

    Regolare il processo infiammatorio attraverso Nfix

    Varie_2816.jpg

    Il gruppo guidato da Graziella Messina del dipartimento di Bioscienze dell’Università degli Studi di Milano ha appena pubblicato sulla rivista Cells, del gruppo editoriale MDPI, uno studio sulla funzione del fattore di trascrizione Nfix nella biologia dei macrofagi durante la risposta infiammatoria a seguito di un danno acuto del muscolo scheletrico.

    L’infiammazione è un processo indispensabile alla rigenerazione tissutale e, in particolare, del muscolo scheletrico. In seguito ad un danno, infatti, il tessuto muscolare viene infiltrato di una popolazione di macrofagi pro-infiammatori che fagocitano i detriti cellulare e stimolano la proliferazione delle cellule miogeniche. Successivamente alla fagocitosi, i macrofagi perdono il fenotipo infiammatorio e adottano un fenotipo anti-infiammatorio.

    Perché gli italiani si ostinano ad andare in giro? NO USCITE

    Mappa interattiva per seguire contagi e decessi

    Varie_14321.jpg

    I numeri in continuo aumento sia dei contagi che delle morti (ora arrivate a quasi 500 al giorno) non riescono a convincere gli italiani che bisogna stare a casa.

    Neanche le file dei camion militari che portano via le bare riescono a convincere i nostri vicini. Purtroppo vige la sindrome del “non toccherà a me, oppure prende solo gli anziani”, come se non avessimo ognuno di noi gli affetti più cari nella fascia 70-90 anni.

    Solo ora iniziano a circolare le foto dei ventenni ricoverati.

    La colpa è dei messaggi incoraggianti che sono stati diffusi dai media e dai politici all’inizio dell’epidemia, che hanno fatto presa sulla popolazione. Come non ricordare “Milano non si ferma”, “Un aperitivo a Milano, ho raccolto l’appello lanciato dal sindaco  Sala dal Pd Milano. Non perdiamo le nostre abitudini, non possiamo fermare Milano e l’Italia.

    Coronavirus, perdita di olfatto e gusto fra i sintomi

    I sintomi sembrano però annunciare la fine dell’infezione

    Anoressia e Bulimia_7920.jpg

    Quando si ha un’influenza spesso manca la voglia di mangiare, anche perché il cibo non ha più sapore. Sembra accadere lo stesso per Covid-19, l’infezione da nuovo coronavirus che sta piagando Italia ed Europa, ma in misura maggiore.

    A testimoniarlo è Hendrik Streeck, virologo di Bonn che si occupa di tracciare il corso del focolaio dell’area di Heinsberg, cittadina del Land Nordreno-Vestfalia dove si è concentrata finora l’epidemia in Germania. Intervistato dalla Frankfurter Allgemeine, Streeck afferma di aver riscontrato questi sintomi nella maggior parte dei pazienti risultati positivi al test.

    Di quasi tutte le persone infette che abbiamo intervistato (circa un centinaio), almeno i due terzi hanno riferito di aver perso il senso dell’olfatto e del gusto per più giorni.