Linfoma B del cane, scoperte nuove mutazioni

Buon modello di studio per l’analoga patologia umana

Linfoma_9708.jpg

Ricercatori e ricercatrici di un team europeo coordinato dal Prof. Luca Aresu del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino hanno identificato per la prima volta le mutazioni genetiche presenti nel Linfoma a grandi cellule B (DLBCL) del cane. Tale risultato rappresenta la prima descrizione del profilo genetico di questo tumore del cane.
Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista di Nature, Lab Animal, in collaborazione con l’Università di Bologna (Prof.ssa Laura Marconato) e l’Institute of Oncology Research di Bellinzona (Prof. Francesco Bertoni), rappresenta un enorme passo avanti nella comprensione dei meccanismi patogenetici del DLBCL e identifica nuovi marker prognostici e terapeutici per il monitoraggio della malattia.
Il DLBCL infatti è uno dei tumori più frequenti nel cane, ma soprattutto da anni viene considerato anche come un buon modello per studiare …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | linfoma, cane, Dna,

Nuovo marcatore per il tumore del pancreas

Il ruolo chiave svolto da PI3K-C2γ

Tumore pancreas_9025.jpg

Uno studio preclinico, svolto al Centro di Biotecnologie Molecolari “Guido Tarone” dell’Università di Torino, ha reso possibile la scoperta di una nuova terapia focalizzata per un sottogruppo di pazienti affetti da neoplasia maligna del pancreas. Il gruppo di ricerca guidato dalla Prof.ssa Miriam Martini e dal Prof. Emilio Hirsch ha dimostrato che la proteina PI3K-C2γ gioca un ruolo chiave nello sviluppo del tumore al pancreas. L’indagine scientifica ha permesso di far luce sui meccanismi di sviluppo di questo tumore e potrebbe consentire, in futuro, di massimizzare l’efficacia delle attuali opzioni terapeutiche di uno dei tumori attualmente più aggressivi.
In Italia, ogni anno vengono diagnosticati circa 13.000 nuovi casi di tumore al pancreas e la percentuale di sopravvivenza a 5 anni è meno del 10%. Si prevede che, entro il 2030, il tumore al pancreas diventi la seconda causa di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | pancreas, tumore, proteina,

Salgono ancora i contagi, terapie intensive stabili

Ora è il momento di essere responsabili, non è liberi tutti

Varie_14317.jpg

I nuovi casi sono 62.704.
I decessi sono 62, portando il totale a 167.738.
I tamponi sono 292.345, per un tasso di positività del 21,4%, in rialzo rispetto al 20,9% di ieri.
I ricoverati sono 4.803 (+405), mentre le terapie intensive scendono a 206 (-3), con 26 nuovi ingressi.
Risale l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 310 ogni 100.000 abitanti, contro 222 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente. Scende invece l’indice di trasmissione Rt: nel periodo 10-16 giugno 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,83.
I vaccinati sono 48.646.384, il 90,1% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre il 91,5% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 39 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose.
I bambini immunizzati con la prima dose sono al momento 1.395.317, il 38,1% della fascia 5-11 anni.
In totale, sono state …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Un nesso fra danno renale acuto e demenza

Chi soffre per i reni è ad alto rischio della malattia neurodegenerativa

Varie_3189.jpg

C’è un nesso evidente fra il danno renale acuto e la possibilità di soffrire anche di demenza. lo segnala uno studio pubblicato sull’American Journal of Kidney Diseases da un team della Johns Hopkins University di Baltimora guidato da Sarah Tung, che spiega: «Il danno renale acuto provoca cambiamenti biochimici nel cervello nei modelli animali ed è associato a complicanze neurologiche avverse nei pazienti ricoverati in ospedale. L’obiettivo di questo studio era di testare l’associazione tra danno renale acuto e demenza incidente in una coorte basata sulla comunità».
Servendosi dei dati di una coorte di partecipanti allo studio Atherosclerosis Risk in Communities, gli scienziati hanno calcolato la propensione alla demenza per i pazienti con danno renale acuto ricoverati in ospedale, confrontandoli con quelli ricoverati per altra causa. Così hanno analizzato l’associazione del danno renale …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | danno, renale, demenza,

Long Covid, a rischio l’intestino

Studio italiano sottolinea i sintomi a carico dell’apparato gastrointestinale

Varie_3365.jpg

Il Long-Covid colpisce anche l’intestino. Con sintomi come nausea o diarrea più frequenti nel breve periodo e disturbi da intestino irritabile nel lungo termine. Questo significa che, visto il numero di persone che si sono ammalate di Covid in Italia, “nei prossimi anni avremo oltre mezzo milione persone da curare per patologie gastroenterologiche”.
È la conclusione a cui giugne lo studio denominato ‘GI-COVID19’ e condotto dalla Medicina interna e Gastroenterologia dell’Irccs-Policlinico Sant’Orsola di Bologna. La ricerca ha incluso più di 2.000 pazienti ricoverati per Covid in 36 centri di 12 nazioni europee e i dati relativi alla fase acuta sono stati da poco pubblicati dalla rivista ‘The American Journal of Gastroenterology’.
Il COVID-19 colpisce principalmente le vie respiratorie, ma è ormai noto l’interessamento anche del tratto gastrointestinale. Diversi studi hanno riportato …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, intestino, sintomi,

I farmaci per l’emicrania non sono rischiosi in gravidanza

Non sembrano aumentare il rischio di ADHD

Mal di testa_9070.jpg

Si possono utilizzare i farmaci per l’emicrania in gravidanza. Non ci sarebbe infatti il rischio di aumentare le probabilità di ADHD nel futuro bambino, secondo uno studio dell’Università di Oslo pubblicato su Jama Network Open.
Lo studio ha coinvolto un campione di migliaia di bambini e ragazzi con diagnosi di ADHD, con sintomi compatibili con il disturbo o senza sintomi.
In passato, l’esposizione ai triptani è stata associata a problemi del neurosviluppo fetale, ma le informazioni sulla sicurezza a lungo termine dei farmaci sono limitate ed è difficile trarre conclusioni certe.
Nel presente studio, gli scienziati hanno esaminato l’associazione fra uso materno di triptani durante la gravidanza e diagnosi e presenza dei sintomi del Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) nei bambini. I bambini esposti ai triptani nella vita intrauterina sono stati messi a confronto …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | emicrania, cefalea, farmaci,

Covid-19, efficaci monoclonali e antivirali

Anche contro le nuove sottovarianti di Omicron

Varie_14321.jpg

I mesi estivi stanno portando un costante abbassamento dei casi di contagio e a un’abolizione quasi completa delle misure di contenimento della pandemia. Segno di un passaggio alla convivenza con il virus, ma non della sua scomparsa. Una sua possibile recrudescenza nel prossimo autunno rende fondamentale avere degli strumenti terapeutici efficaci da poter utilizzare per prevenire nei soggetti fragili un peggior decorso dell’infezione da SARS-CoV-2. Proprio per questo diventa necessario affrontare gli aggiornamenti di anticorpi monoclonali e antivirali diretti oggi disponibili.
Gli anticorpi monoclonali sono molecole prodotte in laboratorio modificando gli anticorpi prodotti in riposta all’infezione naturale. La selezione avviene sulla base dell’affinità di legame fra l’anticorpo e la proteina spike che il virus utilizza come chiave per entrare nelle cellule. L’anticorpo blocca l’ingresso …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, influenza, pandemia,

Ipertensione, 3 grammi al giorno di Omega-3 aiutano

Dose ottimale per ridurre i valori pressori

Ipertensione_8768.jpg

3 grammi al giorno di acidi grassi omega-3 costituiscono la dose ottimale per ridurre in maniera naturale i valori della pressione sanguigna. Lo dice uno studio pubblicato sul Journal of American Heart Association da un team della Macau University of Science and Technology di Pechino.
Xinzhi Li, coordinatore della ricerca, spiega: «Anche se alcuni studi suggeriscono che il consumo di acidi grassi omega-3 possa abbassare la pressione sanguigna, il dosaggio ottimale per avere questo risultato non è stato chiarito».
Per questo, i ricercatori cinesi hanno analizzato i dati di 71 studi clinici pubblicati dal 1987 al 2020 che esaminavano il nesso fra la pressione sanguigna e gli acidi grassi omega-3 DHA ed EPA in persone dai 18 anni in su, con o senza ipertensione o disturbi del colesterolo, per un totale di quasi 5.000 soggetti.
Per 10 settimane, in media, i soggetti hanno assunto fonti …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | ipertensione, pressione, omega,

Malaria, nuove molecole che bloccano la trasmissione

Identificate tre strutture molecolari mai scoperte in passato

Viaggi_5850.jpg

Una collaborazione tra ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, dell’IRBM e del CNR ha identificato grazie a una combinazione di metodi innovativi nuove molecole che bloccano la trasmissione del parassita della malaria dalla persona infetta alla zanzara, primo passo per sviluppare nuovi farmaci per eliminare questa grave malattia infettiva.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Communications Biology.
Rispondendo alla indicazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di attaccare il plasmodio della malaria su più fronti, i ricercatori hanno collaborato negli ultimi anni alla ricerca di nuove molecole capaci di bloccare la trasmissione del più pericoloso dei parassiti malarici, il Plasmodium falciparum, in un progetto finanziato dal consorzio pubblico-privato CNCCS formato da CNR, ISS e IRBM.
In questo lavoro sono state identificate sette strutture molecolari …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | malaria, molecole, zanzare,

Numeri stabili, sale il tasso di positività

Ora è il momento di essere responsabili, non è liberi tutti

Varie_14317.jpg

I nuovi casi sono 23.042.
I decessi sono 84, portando il totale a 167.253.
I tamponi sono 179.127, per un tasso di positività del 12,9%, in rialzo rispetto all’11,9% di ieri.
I ricoverati sono 4.234 (-62), mentre le terapie intensive scendono a 197 (-2), con 31 nuovi ingressi.
Scende l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 207 ogni 100.000 abitanti, contro 261 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente. Scende anche l’indice di trasmissione Rt: nel periodo 10-23 maggio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,82.
I vaccinati sono 48.637.037, il 90,1% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre il 91,4% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 39 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose.
I bambini immunizzati con la prima dose sono al momento 1.392.957, il 38,1% della fascia 5-11 anni.
In totale, sono state …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,