Long Covid, sintomi anche a un anno dalla guarigione

Molti i pazienti che continuano ad accusare distress respiratorio

Varie_1467.jpg

A un anno dall’uscita della terapia intensiva una buona percentuale di pazienti accusa ancora problemi respiratori. A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Thorax da un team di ricercatori del Centro di Ricerca Universitario “Alessandra Bono” dell’Università degli Studi di Brescia e del Centro per il follow-up dei pazienti dimessi dalla terapia Intensiva dell’ASST Spedali Civili di Brescia.
Si tratta dei primi dati al mondo sugli esiti nei pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) associata a COVID-19, a un anno dalla terapia intensiva.
Lo studio riporta gli esiti di 114 pazienti affetti da sindrome da distress respiratorio acuto associato a Covid-19 valutati a 3, 6 e 12 mesi dopo la dimissione dall’unità di terapia intensiva con valutazione dei disturbi fisici, mentali e cognitivi (perdita di massa e forza muscolare, complicanze neuro-psicologiche, dolore e altre …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, sintomi, respiratorio,

81 per cento di vaccinati, calo deciso dei decessi

Continua il lento declino della curva epidemica

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 2.983. Il totale delle persone infettate è così di 4.715.464. Sono stati effettuati 472.535 tamponi, il che produce un tasso di positività dello 0,6%, in rialzo rispetto allo 0,5% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati rregistrati 14 decessi, cifra che porta il totale a 131.517 vittime da inizio pandemia. Il totale dei ricoverati è di 2.371 per effetto di una riduzione di 74 posti nella giornata di ieri. Scendono anche le terapie intensive: ora i malati più gravi sono 352, 5 meno di ieri, con 12 nuovi ingressi.
I vaccinati sono 43.781.651, l’81,05% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’85,5% ha avuto almeno la prima dose. 556.443 persone hanno già ricevuto la terza dose. In totale, sono state somministrate oltre 87 milioni di dosi.
I non vaccinati contro il coronavirus finiscono in ospedale per le complicazioni da Covid-19 sette volte …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Continua il calo, meno di 2.500 ricoverati

Continua il lento declino della curva epidemica

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 2.668. Il totale delle persone infettate è così di 4.709.753. Sono stati effettuati 324.614 tamponi, il che produce un tasso di positività dell0 0,8%, in calo rispetto all’1% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 40 decessi, cifra che porta il totale a 131.461 vittime da inizio pandemia. Il totale dei ricoverati è di 2.479 per effetto di una riduzione di 73 posti nella giornata di ieri. Scendono anche le terapie intensive: ora i malati più gravi sono 359, 8 meno di ieri, con 22 nuovi ingressi.
I vaccinati sono 43.584.497, l’80,7% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’85,1% ha avuto almeno la prima dose.
460.083 persone hanno già ricevuto la terza dose. In totale, sono state somministrate oltre 86 milioni di dosi.
I non vaccinati contro il coronavirus finiscono in ospedale per le complicazioni da Covid-19 sette volte di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Ricoveri e tasso di positività di nuovo in calo

Continua il lento declino della curva epidemica

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 2.494. Il totale delle persone infettate è così di 4.704.318. Sono stati effettuati 315.285 tamponi, il che produce un tasso di positività dello 0,8%, in calo rispetto all’1,3% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 49 decessi, cifra che porta il totale a 131.384 vittime da inizio pandemia. Il totale dei ricoverati è di 2.665 per effetto di una riduzione di 23 posti nella giornata di ieri. Scendono anche le terapie intensive: ora i malati più gravi sono 370, 4 meno di ieri, con 21 nuovi ingressi.
I vaccinati sono 43.409.446, l’80,4% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’84,9% ha avuto almeno la prima dose.
368.787 persone hanno già ricevuto la terza dose. In totale, sono state somministrate oltre 86 milioni di dosi.
I non vaccinati contro il coronavirus finiscono in ospedale per le complicazioni da Covid-19 sette volte di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Nuovo farmaco contro la Dengue

Il composto è risultato efficace su modello murino

Varie_5024.jpg

Un nuovo composto in fase sperimentale ha dimostrato di poter inibire la replicazione del virus che causa la Dengue, malattia infettiva che colpisce quasi 100 milioni di persone ogni anno.
Lo studio, pubblicato su Nature, mostra in azione un nuovo meccanismo antivirale per lo sviluppo futuro di farmaci contro la malattia. Per la Dengue, che viene trasmessa attraverso le punture delle zanzare, non ci sono al momento trattamenti specifici, anche per la presenza di più varianti della malattia.
L’ultima ricerca, guidata dal virologo Johan Neyts e dai suoi colleghi dell’Università di Leuven, in Belgio, ha selezionato una serie di composti per l’inibizione del virus, scegliendo alla fine quello più promettente, ribattezzato JNJ-A07, efficace contro tutti i sottotipi di Dengue.
Il composto si è mostrato sicuro ed efficace, garantendo la riduzione della carica virale nei modelli murini di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | virus, Dengue, antivirale,

Osteomielite pediatrica, come curarla

Nuove indicazioni per trattare l’infezione delle ossa

Infezioni_2602.jpg

È un’infezione batterica che si insinua nelle ossa dei bambini, 4 ogni 100.000. Se non ben curata, può avere esiti anche molto gravi. È l’osteomielite ematogena acuta non complicata, per la cui cura, fino ad oggi, erano disponibili solo indicazioni frammentarie e molto eterogenee. Da uno studio coordinato dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù arriva un nuovo strumento per i pediatri. I maggiori esperti italiani, analizzando la letteratura scientifica esistente, hanno individuato le terapie più efficaci per evitare ricoveri inutili, prolungati e soprattutto la degenerazione della malattia. Lo studio, pubblicato sull’Italian Journal of Pediatrics, è open access e contiene una serie di tabelle con la classificazione dei batteri che causano l’infezione, gli antibiotici più adatti al caso, dosaggi, tempi e modalità di somministrazione.
L’osteomielite ematogena è un’infezione causata da un gran …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | osteomielite, infezione, ossa,

Covid, un gene protegge dalle forme gravi

Si chiama OAS1 e fa parte del sistema dell’interferone

Varie_3339.jpg

Il gene Oas1 rende più complicata la vita di Sars-CoV-2 all’interno dell’organismo umano. A scoprirlo è un team di ricercatori dell’Università di Glasgow guidati da Arthur Wickenhagen, che hanno pubblicato su Science i risultati di uno studio su questo gene che fa parte del circuito dell’interferone.
“Oas1 è un gene, che sotto l’induzione dell’interferone attiva un altro enzima che taglia l’Rna. In sostanza attiva le ‘forbici’ che fanno a pezzi i virus a Rna, come quello del Covid”, spiega all’Ansa il genetista Giuseppe Novelli, che da mesi sta studiando il coinvolgimento dell’interferone nel Covid-19. “Un gene può produrre molte forme di proteine. Oas1 produce due forme di proteina, una delle quali ha attaccato un pezzetto di lipidi, cioè grasso, che gli consente di navigare meglio nella cellula”, continua Novelli.
Alcune persone mostrano una maggior quantità di questo tipo di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, Oas1, interferone,

Latte materno, scudo per la vita anche contro Covid-19

Gli anticorpi anti-Sars-CoV-2 sono trasmessi dalla madre al neonato

Alimentazione_8348.jpg

Un farmaco salvavita per i neonati prematuri, il nutrimento ideale per crescere e svilupparsi in salute: il latte materno è parte integrante del processo riproduttivo, con notevoli implicazioni positive per la salute del neonato e della madre e rappresenta per i bambini uno scudo per la vita.
Tra gli indiscutibili benefici, è riconosciuto l’effetto protettivo del latte materno contro le infezioni, dovuto al passaggio di immunoglobuline e a fattori bioattivi.
In occasione della Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno (SAM), che si celebra dall’1 al 7 ottobre, la Società Italiana di Neonatologia (SIN) mette in luce un altro importante quanto attuale aspetto: anche gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 sono trasmessi dalla madre al neonato durante l’allattamento, a seguito dell’infezione naturale o della vaccinazione.
Da recenti studi è emerso che, in seguito all’infezione da …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | latte, anticorpi, Covid,