Coronavirus, 15.887 morti. State a casa


Ma la curva rallenta

Varie_14317.jpg

128.948 contagi. Il numero di malati è aumentato di 4.316 unità rispetto a ieri e altri 525 morti.
Primi segnali di rallentamento dei contagi, ma è necessario mantenere alta l’attenzione.
Il paese intero è zona rossa.
Numerose le misure adottate:
a) evitare ogni spostamento delle persone in entrata e uscita dai territori individuati e negli stessi territori, anche se la mobilità è consentita «per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità per motivi di salute», anche se «è consentito il rientro presso il domicilio, abitazione o residenza»;
b) in caso di infezioni respiratorie e e febbre (superiore a 37.5°) è «fortemente raccomandato» di restare a casa e stare in quarantena;
c) divieto assoluto di mobilità per le persone in quarantena;
d) sono sospesi eventi e competizioni sportive;
e) si raccomanda ai datori di lavoro pubblici e privati di permettere ai …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Coronavirus, i polmoni dei fumatori sono più a rischio

Potrebbe spiegare la differenza di genere nei contagi

Varie_4273.jpg

Il nuovo coronavirus predilige gli uomini, questo è un dato di fatto. I dati raccolti finora indicano un tasso di contagio e di mortalità molto più elevato nella popolazione maschile. Una delle ragioni potrebbe risiedere nell’abitudine o meno a fumare.

Se nelle fasce d’età più giovani, fumare è un’attività che non ha distinzioni di genere a livello statistico, ciò non avviene fra gli over 65, dove si registra una netta prevalenza di fumatori uomini. Ed è proprio questa la fascia d’età più colpita dal virus.

Giorgio Scagliotti, direttore dell’Oncologia all’Università di Torino, commenta:

Impossibile dirlo ora. Siamo talmente impegnati a contrastare quest’epidemia negli ospedali, a cercare posti letto, a creare nuove terapie intensive, a salvare vite umane e — se riusciamo — a salvarci anche noi, che non c’è tempo per analisi statistiche approfondite in questo momento.

Coronavirus nei bambini, i sintomi sono lievi

Ma possono rappresentare un formidabile veicolo di infezione

Varie_14335.jpg

Può colpire anche i bambini. Ma i nostri figli sembrano i più «forti» al cospetto del Coronavirus. Nel corso dell’emergenza sanitaria più grave dell’ultimo secolo, c’è anche qualche notizia meno drammatica.

A ormai tre mesi dallo scoppio del primo focolaio epidemico in Cina, è un dato di fatto che i più piccoli sono sia i meno contagiati sia coloro che rischiano meno di tutti di sviluppare le complicanze più gravi dell’infezione.

Ovvero la polmonite interstiziale, che nelle forme più avanzate richiede il ricovero in terapia intensiva.

«Tra le poche certezze disponibili, possiamo dire che il Covid-19 non è un’emergenza pediatrica», afferma Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria.

Geni Brca, meglio asportare il seno o la sorveglianza?

Uno studio fa luce sulla variante che può causare il cancro del seno

Tumore mammario_6576.jpg

Nella gran parte dei casi, il tumore del seno non è letale, ma può essere efficacemente curato se individuato precocemente.

Esiste tuttavia una percentuale di tumori – circa il 7% – legati a una variante dei geni BRCA-1 e BRCA-2 (quelli divenuti famosi per la scelta dell’attrice Angelina Jolie di asportare il seno) che causa un aumento del rischio di cancro al seno del 12% in media. In questi casi, inoltre, i tumori sono più difficilmente trattabili.

A una donna che presenta una mutazione di questo tipo vengono offerte due opzioni: la mastectomia bilaterale o una sorveglianza attiva fatta da visite, ecografie e mammografie a distanza ravvicinata. Le statistiche finora avevano evidenziato un vantaggio, in termini di sopravvivenza, per le donne che decidevano di sottoporsi all’operazione rispetto a quelle che optavano per la vigile attesa.

Coronavirus, 1441 vittime e 21157 positivi


Misure radicali di contenimento, tutta Italia è zona rossa

Varie_14317.jpg

Il numero di malati è aumentato di 3.497 unità rispetto a ieri e altri 175 morti, una progressione che sembra al momento inarrestabile. Per questo, il governo ha emanato un nuovo decreto che equipara il resto d’Italia a Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, trasformando di fatto il paese intero in zona rossa.
Numerose le misure adottate:
a) evitare ogni spostamento delle persone in entrata e uscita dai territori individuati e negli stessi territori, anche se la mobilità è consentita «per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità per motivi di salute», anche se «è consentito il rientro presso il domicilio, abitazione o residenza»;
b) in caso di infezioni respiratorie e e febbre (superiore a 37.5°) è «fortemente raccomandato» di restare a casa e limitare i contatti;
c) divieto assoluto di mobilità per le persone in quarantena;
d) sono sospesi eventi e competizioni …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Gli antipertensivi favoriscono il coronavirus?

Rimane importante l’aderenza terapeutica per contrastare l’ipertensione

Ipertensione_2756.jpg

In questi giorni si sono diffuse notizie sul presunto ruolo dei farmaci per l’ipertensione (Ace inibitori e Sartani) quali facilitatori dell’infezione da COVID 19.

In merito a questo tema, la SIMG condivide la posizione, scientificamente rigorosa, espressa dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa – SIIA:

Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, la suddetta relazione rappresenta solamente un’ipotesi di lavoro e di ricerca, che non deve assolutamente portare il paziente iperteso a sospendere la terapia antipertensiva.

Come tutte le ipotesi, tale presunta relazione dovrà essere sottoposta al vaglio della ricerca clinica, che la SIIA e la SIMG sosterranno con vigore e determinazione in ambito sia nazionale che internazionale attraverso collaborazioni con i Centri di Ricerca Scientifica, con l’obiettivo di raccogliere dati scientificamente.

Coronavirus, 197 vittime e 4636 positivi. Evitare contatti.

Misure radicali di contenimento, attenersi alla distanza di sicurezza

Varie_14317.jpg

I dati parlano di 4636 positivi, dei quali 197 morti.

Ciascuno deve limitare il più possibile le occasioni di contagio e chi è anziano (o fragile) deve restare in casa.

Intanto il virus ha iniziato a colpire in maniera dura anche altri paesi europei e gli Stati Uniti, dove è stata registrata la prima vittima. In Francia e Germania, fino a pochi giorni fa praticamente estranee al contagio, gli infettati hanno superato quota 1000 e sono in sensibile aumento, così come in Spagna. Infettato anche lo scrittore cileno Luis Sepulveda, che ha accusato i sintomi di ritorno da un festival letterario in Portogallo.

Il Consiglio dei ministri ha varato un decreto legge il 23 febbraio 2020 con misure per il divieto di accesso e allontanamento nei comuni dove sono presenti focolai e la sospensione di manifestazioni ed eventi.

Coronavirus, 52 vittime e 1835 positivi

Misure radicali di contenimento

Varie_14317.jpg

Primo rallentamento nel numero dei nuovi contagiati dal coronavirus in Italia. Alle 18 del 2 marzo, i positivi risultano 1835, cui vanno aggiunte 149 persone già guarite e 52 vittime, per un totale di 2036 soggetti colpiti da Covid-19.

Tutte le vittime erano anziane e avevano problemi pregressi di salute: malattie cardiovascolari, tumori e problemi respiratori.

Intanto il virus ha iniziato a colpire in maniera dura anche altri paesi europei e gli Stati Uniti, dove è stata registrata la prima vittima. In Francia e Germania, fino a pochi giorni fa praticamente estranee al contagio, gli infettati hanno superato quota 100 e sono in sensibile aumento, così come in Spagna. Infettato anche lo scrittore cileno Luis Sepulveda, che ha accusato i sintomi di ritorno da un festival letterario in Portogallo.