Il punto sulle Infezioni Sessualmente Trasmesse


Calano nel 2020 le infezioni confermate

Cala tra il 2019 e il 2020 il numero delle persone con una infezione sessualmente trasmessa (Ist) confermata, per la prima volta dal 2004. Inoltre si registra nel 2020 una riduzione importante (-30% dal 2018) del numero di casi di condilomi ano-genitali, molto probabilmente riconducibile all’efficacia delle campagne vaccinali anti-HPV in femmine e maschi. Sono alcuni dei risultati del rapporto annuale sulle Ist appena pubblicato dal Centro Operativo Aids (COA) dell’Iss.
Dal 2017, spiegano gli autori, si rileva una diminuzione del numero delle persone con una IST confermata, invertendo un trend che era in costante aumento dal 2004. In particolare, tra il 2019 e il 2020 la riduzione è stata del 22,9%. Questa riduzione è molto evidente tra le donne che sono andate incontro a un decremento del 29,1% dei casi annui di IST segnalati nel 2020 rispetto al 2019, mentre negli uomini eterosessuali …  (Continua) leggi la 2° pagina

Keywords | infezioni, sessuali, diagnosi,

I consigli contro i tumori cutanei e i melanomi

I suggerimenti degli esperti per godersi il sole senza rischiare

Melanoma_9088.jpg

Estate è sinonimo di vacanze e abbronzatura, ma se da un lato il sole rappresenta un importante alleato della nostra salute perché fonte di vita e di molteplici benefici, come la produzione di vitamina D, fondamentale per le difese immunitarie, dall’altro può risultare un nemico insidioso per la nostra pelle quando preso senza la giusta consapevolezza.
Per questo motivo, ogni anno con l’inizio della stagione estiva, la LILT – Lega Italiana per la lotta contro i tumori promuove una campagna di informazione e sensibilizzazione che ha l’obiettivo di alzare il livello di guardia e diffondere suggerimenti utili per un’adeguata protezione dal sole, in modo da prevenire i tumori cutanei e i melanomi.
I danni dell’eccessiva esposizione solare possono essere di tre tipi: immediati, come le ustioni; a media distanza, come le lentiggini, le macchie solari e i nei; a grande distanza, con il …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | abbronzatura, sole, pelle,

Nuova terapia per i tumori con mutazione BRAF600E

Uso combinato di dabrafenib e trametinib

Tumori_9131.jpg

È stata approvata una nuova combinazione per il trattamento dei tumori solidi con mutazione BRAF V600E. Si tratta dell’uso combinato di dabrafenib (Tafinlar) e trametinib (Mekinist) per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici di età pari o superiore a 6 anni.
Le mutazioni BRAF rappresentano un fattore trainante di crescita in oltre 20 tipi di tumori solidi. “Oggi sappiamo – afferma Giuseppe Palmieri, professore ordinario di Oncologia medica all’Università di Sassari – che la variante V600E è responsabile fino al 90% dei tumori con mutazione BRAF”.
In questo contesto dabrafenib/trametinib è la prima e unica combinazione di inibitori BRAF/MEK ad essere approvata con indicazione tumore-agnostica ed è l’unica combinazione di inibitori BRAF/MEK approvato per l’uso in pazienti pediatrici.
“Una decisione storica”, commenta Palmieri che aggiunge: “nei nostri studi abbiamo sempre …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Braf, dabrafenib, trametinib,

Cancro del polmone, approvato capmatinib

Per i tumori NSCLC con mutazione dell’esone 14 di MET

Tumore al polmone_288.jpg

I pazienti affetti da cancro del polmone avranno a disposizione una nuova opzione terapeutica. La Commissione europea ha infatti approvato l’uso del farmaco capmatinib per il trattamento di adulti con tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) localmente avanzato o metastatico che presentano una mutazione dell’esone 14 di MET (METex14). Sviluppato da Novartis sarà messo in commercio con il marchio Tabrecta.
L’inibitore orale di MET è stato approvato sia per i pazienti non trattati in precedenza e quindi come prima linea sia per quelli precedentemente trattati, indipendentemente dal tipo di trattamento precedente.
Si tratta di un inibitore di MET potente e selettivo attivo per via orale e sarà la prima terapia ad affrontare specificamente questa mutazione. Il METex14 è presente in circa il 3-4% dei nuovi casi di NSCLC metastatico, il che equivale a circa 4.000-5.000 pazienti negli …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | polmone, cancro, capmatinib,

Tasso di positività oltre il 20 per cento

Ora è il momento di essere responsabili, non è liberi tutti

Varie_14317.jpg

I nuovi casi sono 16.571.
I decessi sono 59, portando il totale a 167.676.
I tamponi sono 79.375, per un tasso di positività del 20,9%, in rialzo rispetto al 19% di ieri.
I ricoverati sono 4.398 (+67), mentre le terapie intensive salgono a 209 (+10), con 23 nuovi ingressi.
Risale l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 310 ogni 100.000 abitanti, contro 222 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente. Scende invece l’indice di trasmissione Rt: nel periodo 10-16 giugno 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,83.
I vaccinati sono 48.646.384, il 90,1% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre il 91,5% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 39 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose.
I bambini immunizzati con la prima dose sono al momento 1.395.317, il 38,1% della fascia 5-11 anni.
In totale, sono state somministrate …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Un vaccino per la leishmaniosi

Sicuro e in grado di stimolare la risposta immunitaria

Varie_6043.jpg

Un nuovo vaccino per la leishmaniosi cutanea potrebbe essere presto disponibile. Lo annunciano i ricercatori della Hull York Medical School, che hanno pubblicato su Molecular Therapy il trial di sperimentazione.
Sarebbe il primo vaccino per la prevenzione dell’infezione, una malattia parassitaria che si diffonde attraverso il morso dei pappataci, insetti simili alle zanzare.
Il team diretto da Paul Kaye, docente di Immunologia nell’ateneo inglese, ha sviluppato il vaccino grazie ai finanziamenti del Wellcome Trust Translation Award.
«Abbiamo sempre pensato che i vaccini dovrebbero essere la nostra più grande arma contro le diverse forme di leishmaniosi, ma per quello che ha portato a sviluppare vaccini da testare in clinica è stato un lungo viaggio», spiega l’immunologo, che si dichiara fiducioso sull’efficacia del vaccino.
Ora i ricercatori testeranno il composto – chiamato …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | leishmaniosi, infezione, vaccino,

Curva in risalita, decessi stabili

Ora è il momento di essere responsabili, non è liberi tutti

Varie_14317.jpg

I nuovi casi sono 10.371.
I decessi sono 41, portando il totale a 167.432.
I tamponi sono 74.636, per un tasso di positività del 13,9%, in calo rispetto al 14,6% di ieri.
I ricoverati sono 4.210 (+92), mentre le terapie intensive salgono a 193 (+10), con 14 nuovi ingressi.
Risale l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 222 ogni 100.000 abitanti, contro 207 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente. Scende invece l’indice di trasmissione Rt: nel periodo 3-9 giugno 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,75.
I vaccinati sono 48.637.037, il 90,1% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre il 91,4% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 39 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose.
I bambini immunizzati con la prima dose sono al momento 1.392.957, il 38,1% della fascia 5-11 anni.
In totale, sono state somministrate …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Risale l’incidenza, Rt ancora in calo

Ora è il momento di essere responsabili, non è liberi tutti

Varie_14317.jpg

I nuovi casi sono 21.554.
I decessi sono 52, portando il totale a 167.305.
I tamponi sono 170.097, per un tasso di positività del 12,7%, in calo rispetto al 12,9% di ieri.
I ricoverati sono 4.162 (-72), mentre le terapie intensive scendono a 196 (-1), con 24 nuovi ingressi.
Risale l’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 222 ogni 100.000 abitanti, contro 207 ogni 100.000 abitanti della settimana precedente. Scende invece l’indice di trasmissione Rt: nel periodo 3-9 giugno 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,75.
I vaccinati sono 48.637.037, il 90,1% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre il 91,4% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 39 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose.
I bambini immunizzati con la prima dose sono al momento 1.392.957, il 38,1% della fascia 5-11 anni.
In totale, sono state somministrate …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Drenante per sgonfiare: funziona davvero?

Il drenante per sgonfiare è senz’altro un topic che raggiunge il picco del numero di conversazioni online prima e durante il periodo estivo. Ma cerchiamo di capire di cosa parliamo quando parliamo di drenante per dimagrire. 

Cos’è il drenante per sgonfiare?

Che si tratti di eliminazione dei liquidi in eccesso o semplice volontà di sbarazzarsi della buccia d’arancia, il drenante per dimagrire è considerato a tutti gli effetti un integratore. La sua azione si concentra principalmente sul sistema linfatico a cui si aggiunge un’azione depurativa che favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso tramite diuresi.

Come sempre, vi suggeriamo di rivolgervi in primis ad uno specialista per capire il livello di problematica presente e di conseguenza comprendere quale tipologia di prodotto è più adatto alle vostre specifiche e individuali esigenze.

Quanti chili si perdono con il drenante per sgonfiare?

Esiste, come di voi senz’altro sapranno, la cosiddetta Dieta Drenante. Tuttavia l’inizio di un percorso di perdita di peso in eccesso, dovrebbe essere consigliato solo ed esclusivamente da uno specialista. Per tanto ti suggeriamo di non focalizzarti solo ed esclusivamente sul dimagrimento quando ti accingi ad utilizzare un integratore drenante. 

Quali sono gli integratori drenanti per sgonfiare naturali?

Come sempre capita la natura è nostra amica. Esistono infatti in natura degli alimenti che possono essere considerati dei drananti naturali, proprio per le loro caratteristiche. Vediamo quali sono i più comuni.

  • Ananas. In estate è un must. Con questo non vogliamo dire di andare di Pina Colada tutte le sere. Tuttavia l’ananas contiene la bromelina e ha una serie di proprietà depurative.
  • Aloe Vera. La piata delle mille proprietà e benefici. Sembra che tra le sue caratteristiche principali ci siano quella di depurare e sgonfiare. 
  • Ortica e betulla. Quante di voi preparano infusi con queste due erbe? Se siete nel club, allora sapete di certo che azione depurativa, drenante e diuretica sono le caratteristiche fondamentali. 

La lista sarebbe da continuare anche con tarassaco, spirulina, finocchio e tè verde. 

Drenante per sgonfiare: funziona davvero?
Drenante per sgonfiare: funziona davvero?

Per quanto riguarda i drenanti confezionati?

Anche quando si tratta di prodotti confezionati, si può pensare a prodotti che abbiano una buona riuscita in termini di risultati. Ecco in nostri preferiti.

  • L’Angelica Integratore Drenante Anticellulite con Gambo d’Ananas, Favorisce la Digestione, Contrasta la Ritenzione Idrica e gli Inestetismi della Cellulite, 12 Bustine https://amzn.to/3O6NPOa
  • Goovi GIVE ME DETOX Linfa Donna Integratore Alimentare Azione drenante, Formato da 50 ml https://amzn.to/3aQQptz
  • Yamamoto Research Diuricell Arancia e Limone – 1000 ml https://amzn.to/3Q8Wxxt 

Noduli tiroidei, linee guida per la gestione

Nei casi di noduli benigni causa di sintomi locali

Disturbi tiroide_11648.jpg

È una delle patologie endocrine più comune. Il nodulo tiroideo colpisce circa il 5-7% della popolazione adulta, in particolare donne, con un’incidenza in aumento con l’avanzare dell’età.
Lo sviluppo di malattie tumorali si verifica dal 5 al 15% dei casi. “Spesso la loro scoperta crea ansia e preoccupazione” riferisce Enrico Papini, Coordinatore nazionale della Commissione Scientifica dell’Associazione Medici Endocrinologi ETS “Negli ultimi anni, con l’avvento di Internet e la grande disponibilità di notizie mediche in rete, il cittadino è venuto a conoscenza di informazioni riguardanti il nodulo tiroideo non sempre corrette e le notizie scaricate in rete creano solitamente ansia e preoccupazione”, aggiunge Papini.
“Nel corso degli ultimi anni, con lo scopo di guidare il clinico verso la migliore decisione terapeutica ritagliata sul singolo paziente, le società scientifiche hanno …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | nodulo, tiroideo, gestion,