Carcinoma uroteliale, la cistatina-C è un fattore predittivo

La sua presenza ad alti livelli è associata agli esiti peggiori

Tumori_3939.jpg

Già segnalata come biomarcatore prognostico in vari tumori, la cistatina-C (Cys-C) svolge un ruolo predittivo anche in caso di carcinoma uroteliale del tratto superiore (UTUC).

I ricercatori del West China Hospital di Chengdu, in Cina, hanno esaminato l’impatto della Cys-C sui risultati di sopravvivenza in pazienti sottoposti a nefroureterectomia radicale (RNU).

Allo studio hanno partecipato 538 pazienti con UTUC sottoposti a RNU fra il 2005 e il 2014.

Il metodo Kaplan-Meier e le analisi di regressione di Cox sono state eseguite per valutare la relazione tra Cys-C e gli esiti di sopravvivenza utilizzando SPSS versione 22.0. Il valore di cutoff di Cys-C è stato impostato come 1,4 mg l-1 utilizzando le curve caratteristiche di funzionamento del ricevitore (ROC) e l’indice di Youden.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *