Cellule pac-man per prevenire l’infarto

Le nanoparticelle stimolano i macrofagi a “mangiare” le placche aterosclerotiche

Un team di ricercatori americani ha messo a punto delle nanoparticelle in grado di stimolare i macrofagi a “mangiare” le cellule morte alla base delle placche aterosclerotiche nelle arterie.

Una scoperta che apre la strada a una terapia potenzialmente in grado di prevenire l’infarto. Gli scienziati dell’Università Statale del Michigan hanno collaborato con i colleghi dell’Università di Stanford sotto il coordinamento del prof. Bryan Ronain Smith.

Le nanoparticelle sono state create grazie a nanotubi di carbonio a parete singola, caricati con uno specifico inibitore chimico dell’asse di segnalazione anti-algocitico chiamato CD47-SIRPα.

Messe in circolo, le nanoparticelle si accumulano all’interno delle placche aterosclerotiche, stimolando i macrofagi a divorare le cellule morte precursori dell’infiammazione e dell’aterosclerosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *