Cellulite, un aiuto dalle calze a compressione

Studio dimostra il miglioramento della circolazione

Cellulite_7238.jpg

La cellulite, come noto, non è solo un problema estetico, ma una condizione specifica che andrebbe affrontata non solo d’estate.

La pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica colpisce 8 donne su 10 e tende a comparire anche prima dei 20 anni localizzandosi soprattutto all’esterno delle cosce, sui fianchi e sui glutei.

A causarla è l’azione degli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili, che favoriscono la ritenzione dei liquidi e innescano un aumento di volume e poi la rottura delle cellule del pannicolo adiposo, le quali diffondono il loro contenuto di trigliceridi fra le cellule vicine, provocando malfunzionamenti nel microcircolo e rigonfiamenti del tessuto adiposo.

Tanti sono i miracolosi rimedi promessi, che spaziano dall’alimentazione all’utilizzo del laser. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine suggerisce invece l’uso di calze a compressione graduata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *