Colangiocarcinoma, lo cura pemigatinib

Risultati positivi di uno studio di fase II

Tumore al fegato_7282.jpg

Pemigatinib sembra efficace nella terapia contro il colangiocarcinoma in stadio localmente avanzato o metastatico già trattato in precedenza.
Lo annuncia la casa farmaceutica Incyte, che ha presentato i dati relativi allo studio di fase II FIGHT-202.

Nei pazienti che presentavano fusioni o riarrangiamenti di FGFR2 (Coorte A), la monoterapia con pemigatinib ha determinato un tasso di risposta globale (ORR, overall response rate) del 36% (endpoint primario) e una sopravvivenza mediana libera da progressione (PFS, progression free survival) di 6,9 mesi (endpoint secondario), con follow-up mediano di 15 mesi. Pemigatinib è stato generalmente ben tollerato.

Questi risultati sono stati presentati al Congresso 2019 della European Society for Medical Oncology (ESMO), che si tiene a Barcellona in questi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.