Coronavirus, cosa si sa della variante brasiliana

Seconda per prevalenza in Italia, facilita la reinfezione

Varie_6396.jpg

L’analisi resa nota dall’Istituto superiore di sanità ha evidenziato la progressiva diffusione della variante inglese di Sars-CoV-2, arrivata al 54%.

Tuttavia, si fa strada anche la variante brasiliana, che in totale è al 4,3%, ma con punte del 30% in alcune zone del paese, prima fra tutte l’Umbria.
Variante brasiliana e sudafricana condividono una caratteristica preoccupante, la mutazione E484K che rende più facile l’elusione degli anticorpi e la reinfezione.

La variante brasiliana deve il proprio nome al fatto che si è diffusa in Amazzonia, nella zona di Manaus, una delle più colpite durante la prima ondata. La diffusa immunità sviluppata a caro prezzo dalla città non è servita a evitare una seconda ondata basata appunto sulla variante P.1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.