Coronavirus, i Pfas possono indebolire il vaccino

Studio suggerisce il possibile effetto negativo delle sostanze

Varie_14391.jpg

Il vaccino o meglio i vaccini per il coronavirus tanto agognati stanno arrivando, ma un nuovo studio potrebbe gelare gli entusiasmi. I ricercatori della Harvard School of Public Health hanno infatti avanzato l’ipotesi che i Pfas – i composti chimici da tempo sotto accusa per i loro molteplici effetti negativi sulla salute e purtroppo molto diffusi in tanti oggetti di uso comune, in particolare le confezioni che si usano per il cibo da asporto – potrebbero ridimensionare l’efficacia dei vaccini anti-Covid.

I Pfas sono stati già accusati di aumentare il rischio di danni al fegato, quello di insorgenza del cancro e di ridurre la fertilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *