Coronavirus in Europa, è partito dalla Germania

Sorprendente svolta data dall’analisi dell’epidemia

Varie_14318.jpg

Con ogni probabilità, è un uomo di 33 anni di Monaco di Baviera il paziente zero europeo. A rivelarlo è un articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine da ricercatori tedeschi.

Secondo l’analisi, l’uomo ha manifestato sintomi respiratori e febbre alta già il 24 gennaio, ben prima che si manifestasse il focolaio nel nord Italia. L’uomo è guarito spontaneamente nel giro di pochi giorni.

È plausibile che il focolaio tedesco abbia alimentato i contagi in altri paesi europei e non: “Dal primo febbraio circa un quarto delle nuove infezioni in Messico, Finlandia, Scozia e Italia, come i primi casi in Brasile, appaiono geneticamente simili al focolaio di Monaco”, spiega Trevor Bedford, fondatore del sito Nextstrain, dove viene ricostruito una sorta di albero genealogico del virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.