Covid, il caso dei gemelli con effetti opposti

Stessa carica virale, ma conseguenze diametralmente opposte

Varie_7300.jpg

Due fratelli di 60 anni, gemelli omozigoti, vivono nello stesso caseggiato, in un comune del piacentino, e lavorano insieme nella carrozzeria di famiglia: una vita in totale simbiosi.

La scorsa primavera si ammalano insieme, contagiati da Sars-CoV-2. Ricoverati nello stesso ospedale e seguiti dalla stessa équipe medica, sviluppano all’inizio gli stessi sintomi e sono curati con il medesimo protocollo. Risalendo al primo tampone, anche la carica virale risulta essere pressoché identica.

A un certo punto, però, il decorso clinico prende strade diverse: uno dei due viene dimesso dopo un paio di settimane, senza particolari complicazioni; il fratello invece peggiora progressivamente, tanto da essere costretto al ricovero in terapia intensiva, in condizioni che si fanno persino critiche, salvo poi migliorare lentamente, fino alla successiva guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.