Covid, malattia renale complicanza più rischiosa

Principale fattore di rischio per il ricovero

Varie_10178.jpg

Maggior rischio di infettarsi e letalità più elevata. È il risultato del rapporto fra Covid-19 e malattia renale cronica. I pazienti con problemi renali sono particolarmente fragili e a rischio, di conseguenza andrebbero protetti prima degli altri con il vaccino, a prescindere dall’età.

È la richiesta espressa da Piergiorgio Messa, presidente Sin e direttore di Unità operativa complessa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto renale – Policlinico di Milano e docente di Nefrologia all’Università degli studi di Milano:

A preoccupare sono soprattutto i pazienti in dialisi», ha spiegato, «in quanto hanno un rischio di infezione oltre 5 volte superiore a quello della popolazione generale, dovuto a mezzi di trasporto comuni, così come le sale di attesa e le sale di trattamento dialitico, e ai contatti con lo staff medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *