I colpi di testa aumentano il rischio di demenza

Le malattie neurodegenerative sono più comuni fra i calciatori

Varie_14307.jpg

I colpi di testa ripetuti nel corso di anni aumentano il rischio di sviluppare demenza fra i giocatori di calcio. Lo dice uno studio pubblicato su New England Journal of Medicine da un team dell’Università di Glasgow realizzato su 7676 ex calciatori professionisti scozzesi.

“Tra i calciatori professionisti c’è una mortalità più bassa rispetto alla popolazione generale per cause non neurologiche, ma più alta per le malattie neurodegenerative, e un rischio più elevato di sviluppare demenza o Alzheimer”, spiegano i ricercatori.

Sarebbero proprio i colpi di testa i responsabili di questo rischio maggiore. Lo studio ha analizzato retrospettivamente i casi di 7676 ex calciatori, confrontandone la mortalità per malattie neurodegenerative con quella di altri 23.028 soggetti che non hanno praticato sport agonistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *