La febbre tifoide è sempre più resistente

I batteri che la causano aggirano gli antibiotici in uso

Varie_5653.jpg

Il tifo è di nuovo una malattia che desta preoccupazione. I batteri che causano la febbre tifoide, infatti, mostrano sempre più spesso segnali di resistenza agli antibiotici in uso.
A lanciare l’allarme è uno studio pubblicato su The Lancet Microbe da un team dell’Università di Stanford guidato da Jason Andrews. I ricercatori hanno realizzato un grande studio di sequenziamento del genoma del batterio Salmonella Typhi, responsabile della malattia, che si trasmette attraverso l’acqua potabile o alimenti (crostacei, gelati, prodotti di pasticceria, salse).
Grazie all’analisi di oltre 7.500 genomi – provenienti in larga parte dall’Asia meridionale – la ricerca mostra che i ceppi resistenti si sono diffusi in altri paesi almeno 197 volte negli ultimi 30 anni.
La febbre tifoide causa 11 milioni di infezioni e oltre 100.000 decessi ogni anno nel mondo, anche se la diffusione maggiore si ha …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | febbre, tifo, vaccino,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.