La macchina “mappa grassi”

Svelati i segreti sulla formazione e l’accumulazione del grasso

Varie_14219.jpg

Un team di ricercatori italiani ha messo a punto una macchina “mappa grassi”.

La ricerca è stata condotta presso la sede di Roma dell’Università Cattolica e della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli – IRCCS in collaborazione con la Hebrew University di Gerusalemme.

La nuova macchina consente di vedere come i lipidi si formano (a partire dai cibi consumati), si immagazzinano nel corpo o vengono bruciati da esso per trarne energia. La metodica, basata su una sonda fluorescente che “illumina” le particelle di grasso (goccioline lipidiche) dentro le cellule potrebbe essere usata sia a scopo diagnostico sia per testare nuovi farmaci contro l’obesità.

Pubblicata sulla rivista “BBA Molecular and Cell Biology of Lipids”, la ricerca è stata condotta presso l’istituto di Fisica della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Cattolica, dal professor Giuseppe Maulucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.