La proteina Frankenstein per guarire le ferite

Facilita la rigenerazione dei tessuti

Varie_2850.jpg

Una proteina ricavata da un mix di segmenti ordinati e disordinati – per questo ribattezzata Frankenstein – potrebbe costituire una svolta per la messa a punto di un biomateriale che faciliti la guarigione dalle ferite.

Un team della Duke University e della Washington University di St. Louis ne ha analizzato gli effetti, dimostrandone l’efficacia nel facilitare la crescita delle cellule e la rigenerazione dei tessuti.

La ricerca, pubblicata su Nature Materials, prende spunto dal crescente interesse verso le proteine intrinsecamente disordinate (Idp). La loro qualità è di poter adottare una varietà di strutture distinte, non in maniera casuale ma sulla base di regole precise. L’incrocio di proteine “ordinate” con le Idp è di grande interesse per i ricercatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.