L’epidemia di Coronavirus era in corso da tempo

Epidemiologi dimostrano la circolazione del virus ben prima del 20 febbraio

Varie_5366.jpg

La sera del 20 febbraio l’Italia ha conosciuto in maniera traumatica il nuovo coronavirus. Mattia, il paziente 1 di 38 anni di Codogno, è stato subito intubato e posto in terapia intensiva, dalla quale è riemerso solo più di 20 giorni dopo.

Nei giorni successivi, in Lombardia si è verificato un aumento vertiginoso dei casi di infezione. Un team di scienziati di vari centri fra cui la Fondazione Bruno Kessler di Trento ha esaminato i primi 5.830 casi di contagio per ottenere la prima catalogazione epidemiologica di Covid-19 in un paese occidentale.

A partire dal 21 febbraio, le autorità sanitarie hanno tracciato tutti i contatti del paziente 1, definito in tal modo perché non aveva viaggiato direttamente in Cina e doveva essere stato di conseguenza infettato da un paziente 0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.