Linfoma di Hodgkin, efficace pembrolizumab

Il farmaco è superiore allo standard di cura brentuximab vedotin

Linfoma_5442.jpg

Presentati i risultati dallo studio KEYNOTE-204 di fase 3 che ha valutato pembrolizumab, terapia anti-PD-1 di MSD, per il trattamento di pazienti adulti con linfoma di Hodgkin classico recidivo o refrattario (cHL).

In questo importante studio, pembrolizumab ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante della sopravvivenza libera da progressione (PFS), uno dei due endpoint primari.

Pembrolizumab ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 35% (HR 0,65; IC 95%: 0,48-0,88; p = 0,00271) e ha mostrato una PFS mediana di 13,2 mesi rispetto a 8,3 mesi nei pazienti trattati con brentuximab vedotin (BV), attualmente uno standard di cura per questa popolazione di pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.