Linfoma mantellare, nuova terapia a base di Car-T

Risultati promettenti in uno studio di fase II

Linfoma_6892.jpg

Il linfoma mantellare potrebbe presto avere una nuova terapia.

Kite, società del gruppo Gilead, ha annunciato infatti i risultati principali di ZUMA-2, studio clinico di fase II, multicentrico, a braccio singolo, condotto in aperto con KTE-X19 – una terapia sperimentale con recettore antigenico chimerico delle cellule T (CAR-T, Chimeric Antigen Receptor T-cell) – in pazienti adulti con linfoma mantellare (MCL, mantle cell lymphoma).

Dopo una singola infusione di KTE-X19, la migliore risposta obiettiva identificata da revisione centrale radiologica indipendente (n = 60 valutabili per analisi di efficacia) è stata del 93%, e il 67% dei pazienti ha raggiunto una risposta completa. Questi risultati sono stati presentati al 61° Congresso Annuale della American Society of Hematology (ASH) di Orlando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.