Morte per Covid, l’Ecg peggiora 2 giorni prima

L’elettrocardiogramma predice l’aggravamento del paziente

Varie_3780.jpg

L’elettrocardiogramma può prevedere l’evoluzione grave di Covid-19 nei pazienti ospedalizzati. Lo dimostra uno studio pubblicato sull’American Journal of Cardiology condotto su 140 pazienti ricoverati per le complicanze dell’infezione da Sars-CoV-2.
I ricercatori del Mount Sinai Hospital hanno confrontato un elettrocardiogramma dei pazienti effettuato al momento del ricovero con un altro precedente all’infezione presente nella cartella clinica dei soggetti. I due esami sono stati messi a confronto poi con un Ecg eseguito alcuni giorni dopo il ricovero. È così emerso che circa 2 giorni prima di un aggravamento il tracciato mostra modifiche significative.
“Il nostro studio mostra che un restringimento delle onde del tracciato dell’elettrocardiogramma durante il Covid-19 può essere uno strumento importante per i medici, consentendo di anticipare cambiamenti clinici e intervenire più …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, elettrocardiogramma, tracciato,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *