Neuroni artificiali contro le demenze

Microchip per riparare i buchi della rete cerebrale

Varie_6512.jpg

Cento miliardi di neuroni costituiscono il nostro patrimonio cerebrale. A volte questa ricchezza viene minacciata da malattie neurodegenerative che finiscono per mettere a repentaglio le connessioni presenti fra i neuroni. Per ovviare ai “buchi” prodotti da malattie come l’Alzheimer i ricercatori lavorano a neuroni artificiali su microchip, che funzionerebbero come ponti in grado di ripristinare le comunicazioni fra le cellule.
Questi dispositivi hanno già un nome – solid state neuron – e gli esperimenti condotti mostrano che possono comportarsi come i neuroni biologici. Sono quadratini di 5 mm2 e hanno bisogno di pochissima potenza per funzionare, appena 140 nanoWatt, circa un miliardesimo del fabbisogno energetico di un microprocessore standard.
Claudio Mariani, presidente ARD Onlus e già professore di neurologia all’Ospedale Sacco di Milano, spiega al Corriere della Sera: «Significa …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | neuroni, cervello, Alzheimer,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *