Parkinson sporadico, una nuova molecola per la sua cura

L’oligosaccaride del GM1 è un potenziale agente terapeutico

Scoperta una molecola potenzialmente in grado di curare la forma sporadica della malattia di Parkinson.

Il gruppo di ricerca guidato da Elena Chiricozzi e Sandro Sonnino del dipartimento di Biotecnologie mediche e medicina traslazionale dell’Università degli Studi di Milano, ha recentemente pubblicato sulla rivista Scientific Reports uno studio su una nuova molecola la cui somministrazione sistemica porta a una riduzione dei sintomi motori tipici della malattia di Parkinson e a un recupero biochimico e funzionale dei neuroni dopaminergici.

La struttura chimica di questa molecola, un oligosaccaride, non presenta fattori critici sul profilo di tossicità ed è in grado di attraversare la barriera ematoencefalica rimanendo metabolicamente invariata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *