Sla, troppo ferro nel cervello

Studio evidenzia l’accumulo anomalo del minerale

Malattie autoimmuni_8024.jpg

C’è un accumulo anomalo di ferro nel cervello dei pazienti colpiti da Sla. A evidenziarlo è uno studio italiano pubblicato su European Radiology.

Fino a non molti anni fa la diagnosi di SLA era affidata a superspecialisti della malattia, spesso escludendo altre patologie degenerative del sistema nervoso, non esistendo analisi specifiche per essa. Oggi, con i progressi della ricerca biomedica, le cose stanno fortunatamente cambiando.

La definizione di biomarcatori utili alla diagnosi della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) rappresenta del resto un obbiettivo determinante per formulare una precoce e sicura diagnosi e avviare al più presto il paziente alla terapia più corretta e personalizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *