Perdita dei capelli nei giovani

Sempre più diffusa anche fra le ragazze

Capelli_4154.jpg

Chi lo ha detto che la perdita dei capelli riguardi solo l’universo maschile? Niente di più falso, soprattutto negli ultimi anni, in cui stiamo assistendo a un preoccupante cambio di paradigma che vede coinvolto anche il mondo femminile. Quello delle adolescenti in primis, con numeri in costante crescita, sebbene il marketing dell’industria del capello continui a rivolgere le proprie attenzioni prevalentemente a quello maschile.
Spesso sono i genitori a notare l’evidente perdita dei capelli nelle proprie figlie che, impreparate culturalmente ad affrontare la problematica, tendono a sottostimarla, a nasconderla o, addirittura, a negarla. Le cause di questa inaspettata impennata sono molteplici. Si va da questioni legate ai cambiamenti ormonali fino a quelle alimentari, senza dimenticare quelle emotive e psicologiche innescate dalla pandemia che, secondo l’Osservatorio nazionale per …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | capelli, perdita, giovani,

Nuovo anticorpo contro Covid-19

Promettenti i risultati di sotrovimab

Varie_6310.jpg

Ancora un anticorpo monoclonale in fase di sperimentazione contro Covid-19. Si chiama sotrovimab ed è stato sviluppato da GlaxoSmithKline e dall’azienda di biotecnologie Vir Biotechnology.
Lo studio di fase III COMET-TAIL ha raggiunto il suo endpoint primario, dimostrando che la somministrazione intramuscolare di sotrovimab non è inferiore alla somministrazione endovenosa per il trattamento precoce di COVID-19 da lieve a moderato in adulti e adolescenti ad alto rischio, non ospedalizzati, di età pari o superiore a 12 anni.
Sotrovimab agisce legandosi a un epitopo (porzione di un antigene legata da un anticorpo specifico) conservato sulla proteina spike del medesimo virus, riducendone la capacità di penetrare nelle cellule dell’organismo.
L’anticorpo va somministrato in via intramuscolare in pazienti ad alto rischio fino a 7 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi. Nella nota congiunta …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | anticorpo, sotrovimab, Covid,

Il mal di schiena nei bambini

Sotto accusa il peso degli zaini a scuola

Mal di schiena_6261.jpg

Il mal di schiena è un problema che affligge tutti senza distinzione d’età. Anche i bambini e gli adolescenti non sono esenti dal problema. Molto spesso la causa alla base del problema è banale e può essere risolta semplicemente, altre volte invece è la spia di una patologia più seria.
Molte volte le mamme e i papà non sanno che con pochi e semplici stratagemmi – come calibrare i pesi degli zainetti o incoraggiare una corretta postura alla scrivania o a tavola, mantenere un peso corporeo adeguato all’età del proprio figlio – è possibile prevenire molti disturbi e doloretti. Il dottor Sergio Sessa, Ortopedico presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma, fa una panoramica delle cause più frequenti del mal di schiena in età pediatrica e indica quali sono i test da fare, i consigli da mettere in pratica nella vita di tutti i giorni per assicurare la salute dell’apparato muscoloscheletrico dei …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | schiena, bambini, peso,

Epifisiolisi dell’anca, cos’è e come si cura

Poco diffusa, ma abbastanza frequente tra gli adolescenti

Varie_4409.jpg

“L’epifisiolisi dell’anca è una malattia relativamente rara (riguarda lo 0,1% di tutti i ricoveri nei reparti di Ortopedia) ma, al contempo, è probabilmente la patologia più frequente fra quelle che colpiscono l’anca in età adolescenziale”.
Lo spiega Renato Maria Toniolo, responsabile dell’Unità operativa di Traumatologia dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e Vicepresidente della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica (SITOP), riunita a Napoli per il 23esimo Congresso nazionale.
La giornata è interamente dedicata all’epifisiolisi dell’anca perché, spiega lo specialista, “l’epifisiolisi rimane un argomento estremamente importante pur essendo un tema già noto, è stata infatti descritta già alcuni secoli fa e da decenni si approfondiscono i suoi aspetti specifici”. “Per gli ortopedici – spiega Toniolo – per confrontare le esperienze dei diversi Centri di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | anca, epifisiolisi, adolescenti,

10 motivi per non saltare la colazione

1 adolescente su 4 ci rinuncia ma non dovrebbe

Alimentazione_14500.jpg

Il “salto” della colazione è l’unico sport non consigliato al mattino, eppure 1 adolescente su 4 (il 25, 5%) non consuma un pasto adeguato al risveglio. Sebbene la prima colazione non dovrebbe mai mancare tra le abitudini alimentari consigliate, anche tra i Millennials (ovvero nella fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni), il fenomeno dei “breakfast skipper” è purtroppo diffuso: 2 su 10 (18%) preferiscono non mangiare nulla appena svegli, esponendosi a gravi conseguenze per la salute e il benessere psico- fisico. Lo conferma la dott.ssa Martina Donegani, biologa nutrizionista, che ha messo a punto un decalogo di buoni motivi per ribadire l’importanza di questo pasto soprattutto per adolescenti e Millennials.
“Al risveglio, dopo il prolungato digiuno notturno, ci troviamo in riserva di carburante: dobbiamo reintegrare tutte le energie spese nella notte, per permettere al nostro corpo …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | colazione, adolescenti, nutrienti,

Rich girl face, da persone a personaggi

Gli adolescenti chiedono al medico estetico di assomigliare ai ricchi e famosi

Chirurgia estetica_14476.jpg

Rich girl face è un nuovo fenomeno che sta progressivamente spopolando tra ragazze e ragazzi molto giovani che frequentano gli studi di medicina estetica per subire una trasformazione della propria immagine e assomigliare sempre di più ai canoni di bellezza percepiti secondo la moda del momento, quella diffusa tra i personaggi più popolari.

La medicina estetica viene vissuta sempre più spesso come una procedura per assomigliare ai personaggi di certi ambienti social, fenomeno che sottende una modificazione dei comportamenti molto importante.

I medici estetici, che vivono la situazione dall’interno, hanno iniziato a porsi delle domande, soprattutto a tutela dei pazienti più giovani, come gli adolescenti e i giovanissimi fino ai 24 anni che sono sempre più condizionati dai social media.

Nuove linee guida per tornare a fare sport

Tengono conto dell’evoluzione della pandemia

Sport_2434.jpg

In tempi di Covid è necessario calibrare ogni attività per cercare di contrastare la diffusione del virus. Per questo, gli esperti dell’American Academy of Pediatrics hanno pensato a un aggiornamento delle linee guida sullo sport.

«Per prima cosa l’AAP invita tutti gli idonei a vaccinarsi contro Covid-19 appena possibile», esordisce Susannah Briskin, professore associato di pediatria alla Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland, nonché autrice principale della guida AAP, spiegando che il documento si applica a bambini e adolescenti che partecipano e/o ritornano all’attività fisica.

«Milioni di ragazzi dai 12 anni in su sono stati vaccinati, con un’efficacia duratura e quasi completa a fronte di un rischio incredibilmente basso, al punto che il rapporto rischio-beneficio in tutto lo spettro di età favorisce fortemente il vaccino».

Il trattamento della rinite allergica nei bambini asmatici

Indicazioni pratiche da uno studio di Real World

Asma_3158.jpg

La rinite allergica colpisce fino al 40% di bambini e adolescenti. È caratterizzata da un’infiammazione di tipo 2 che coinvolge la produzione di IgE allergene-specifiche, infiltrazioni eosinofile e citochine T helper 2-derivate.

L’asma è la malattia cronica più comune durante l’infanzia e l’adolescenza, e rappresenta una sfida quotidiana per la sua gestione clinica. L’asma è una malattia eterogenea, caratterizzata spesso da un’infiammazione cronica delle vie respiratorie.

Asma e rinite allergica condividono meccanismi patogenici e sono frequentemente associate. Nella pratica clinica, il trattamento concomitante delle due condizioni può presentare diversi problemi.

Covid, è utile il vaccino per i bambini?

Campagna fondamentale per ridurre al minimo i contagi

Varie_14436.jpg

Tutti i vaccini contro Covid-19 autorizzati fino a oggi sono stati approvati per la somministrazione a persone di età superiore ai 18 anni.

Fa eccezione il vaccino Pfizer/BioNtech, il cui utilizzo nella fascia di età fra 16 e 18 anni è stato approvato dalle principali agenzie regolatorie, tra cui l’Agenzia Italiana del Farmaco e la Food and Drug Administration, l’ente che disciplina l’approvazione dei medicinali negli Stati Uniti.

Ma mentre la campagna vaccinale entra nel vivo e si estende a persone di età via via più bassa, sorgono spontanee diverse domande: quando sarà possibile vaccinare anche i più piccoli?

Di quali dati disponiamo in merito all’efficacia e alla sicurezza dei vaccini in età pediatrica? È davvero utile vaccinare bambini e adolescenti, dal momento che in queste fasce di età la malattia è raramente grave?

Coronavirus, chi contagia di più in famiglia

Bambini e adolescenti vettori privilegiati del virus

Varie_14417.jpg

Malgrado siano i soggetti che meno devono temere un’infezione da Sars-CoV-2, bambini e adolescenti sono tuttavia quelli più contagiosi all’interno di un nucleo familiare.

Lo dimostra uno studio del Wuhan Center for Disease Control and Prevention firmato da Fang Li, che spiega: «Abbiamo mirato a valutare la trasmissibilità domestica di Covid-19 e i fattori di rischio associati all’infettività e alla suscettibilità alle infezioni a Wuhan studiando le famiglie di tutti i casi di Covid-19 confermati in laboratorio o clinicamente, e le infezioni asintomatiche da Sars-CoV-2 confermate in laboratorio tra il 2 dicembre 2019 e il 18 aprile 2020».

Lo studio, pubblicato su Lancet Infectious Diseases, mostra anche come le persone con maggiore potere infettivo siano quelle che si trovano in una condizione presintomatica.