Mangiare meno per vivere di più

Fondamentale anche il rispetto degli orari

Alimentazione_6522.jpg

Topi da laboratorio sottoposti a un regime alimentare ipocalorico e con orari regolari hanno visto allungare la propria longevità in maniera significativa. A dimostrarlo sono i risultati di uno studio apparso su Science a firma di ricercatori dell’Howard Hughes Medical Institute.
I topi sottoposti a dieta ipocalorica hanno mostrato un aumento della longevità pari al 10%, ma quelli che seguivano la stessa dieta alimentandosi solo nel periodo di massima attività del metabolismo – per i roditori la notte – hanno ottenuto un allungamento del 35% addirittura, pari a 9 mesi in più su una vita media di 2 anni.
Risultati che trasposti sull’essere umano sarebbero fantastici. Lo studio sottolinea il ruolo fondamentale dell’orologio biologico nel potenziamento degli effetti della dieta.
Il coordinatore della ricerca Joseph Takahashi non pensa che il consumo di cibo in determinati momenti della …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | alimentazione, cibi, topi,

Il boom dei disturbi alimentari

La pandemia da Covid ha generato un aumento dei ricoveri

Alimentazione_8156.jpg

L’ansia e l’insicurezza che hanno colpito tutti noi a causa della pandemia da Covid-19 si riflettono anche sui disturbi alimentari, in netta crescita negli ultimi anni. I sintomi sono aumentati del 36% e i ricoveri addirittura del 48% rispetto al periodo pre-pandemia.
I dati provengono da uno studio pubblicato sull’International Journal of Eating Disorder, una metanalisi condotta su 53 ricerche sul tema che hanno coinvolto oltre 36.000 pazienti con età media di 24 anni e nella maggior parte dei casi donne.
La pandemia ha stravolto le abitudini alimentari: innanzitutto si è registrato il fenomeno dell’accaparramento, ovvero l’acquisto di grandi quantità di cibo per il timore irrazionale di una carestia dovuta al lockdown. A questo va aggiunta la tendenza a mangiare di più e in orari non prestabiliti, che ha portato in genere a un aumento di peso.
I dati dello studio sono stati …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, disturbi, alimentari,

La restrizione calorica aiuta a combattere il cancro

Studio italiano dimostra l’efficacia dell’approccio alimentare

Diete_14639.jpg

Un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori (INT) in collaborazione con l’Istituto FIRC di Oncologia Molecolare (IFOM) e con il supporto economico di Fondazione AIRC ha dimostrato che la dieta ipoglicemizzante – ovvero una restrizione calorica severa ciclica – risulta sicura, ben tollerata e associata ad effetti biologici positivi se effettuata sotto supervisione medica in pazienti oncologici. La ricerca è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Cancer Discovery.
I principali protagonisti di questa scoperta sono Filippo de Braud, Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia presso INT e Professore Ordinario presso l’Università di Milano, e Claudio Vernieri, Oncologo Medico presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori e direttore del programma sperimentale di “Riprogrammazione Metabolica …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | restrizione, calorica, cancro,

10 consigli per lo svezzamento

Piccole astuzie per nutrire bene il nostro bambino

Alimentazione_8129.jpg

Essere genitore, oggi, non è facile. Diventarlo, ancora di più. È un po’ come vivere il primo giorno di scuola, che sia un neogenitore o un genitore già “rodato”.
Quando si parla di svezzamento e/o di alimentazione complementare, i genitori si trovano davanti ad alcune difficoltà e prime domande, a cui non sanno rispondere. Silvia Grassini, ostetrica, chiarisce alcuni dubbi proponendo una mini e pratica guida.
“Partendo da fonti certe e autorevoli, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ci dice che dai 6 mesi di vita in poi si può iniziare a proporre ai bambini un’alimentazione complementare al latte, materno o artificiale che sia. Non appena, però, i bimbi stessi iniziano a mostrare interesse e curiosità verso il cibo tradizionale – indicando ciò che sta sulla tavola durante i pasti – mamme e papà significa che è giunto il momento!”
L’ostetrica assicura che, durante questa …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | svezzamento, neonati, alimentazione,

Il digiuno intermittente forse non funziona

Studio cinese mette in dubbio la validità dell’approccio

Diete_1509.jpg

Il digiuno intermittente funziona oppure no? Ci sono pareri discordi sulla reale validità di questo approccio dietetico molto in voga negli ultimi tempi. Il digiuno intermittente si basa sulla restrizione oraria quotidiana, ovvero si può mangiare dalle 8 alle 16, dopodiché bisogna stare 16 ore senza mangiare nulla. Oltre a dimagrire, l’altro effetto di questa particolare dieta sarebbe il contrasto all’invecchiamento cellulare.
Ma uno studio dell’Università di Guangzhou, in Cina, pubblicato sul New England Journal of Medicine mette in dubbio proprio questi vantaggi. La ricerca, realizzata su 139 persone obese seguite per un anno, ha proposto alle donne un regime alimentare ipocalorico fra le 1200 e le 1500 calorie al giorno e agli uomini fra le 1500 e le 1800. I volontari dovevano fotografare ogni piatto consumato e tenere un diario alimentare. Metà dei volontari ha seguito la dieta a …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | digiuno, intermittente, calorie,

Perché mangiare le fragole? Scopri di più 

Ci siamo, è arrivato il momento di mangiare le fragole! Se ancora non sei convito e vuoi saperne di più ecco perché e come mangiare le fragole. 

Cosa sono le fragole?

Dal punto di vista botanico, le fragole sono le estremità allargate della pianta di fragola e le piccole sono in realtà i frutti. Tuttavia l’intero cuore rosso ricoperto di semi gialli è comunemente considerato il frutto. 

Perché mangiare le fragole? 

Da un punto di vista nutrizionale, ecco i dati per 150 grammi di fragole: 

  • 48 calorie
  • 1 g di proteine
  • 1 grammo di grassi
  • 11,5 grammi di carboidrati
  • 3 grammi di fibra
  • 7 grammi di zucchero

Le fragole sono ricche di flavonoidi, folati e antociani, che sono stati correlati ad una migliore salute del cervello

Ricche di vitamine e antiossidanti aiutano a combattere i radicali liberi e danni dello stresso ossidativo, che può portare a problematiche di varia natura in particolare all’apparato cardiovascolare. 

Sono fonte di ferro come altre tipologie di alimenti come gli spinaci e la quinta e per questo importantissime per i vegani e i vegetariani. 

Come mangiare le fragole?

Le fragole ci piacciono sempre e comunque. Al naturale  sono davvero il top. 

Tuttavia ci piace anche variare, e aggiungere le fragole ai piatti che porti in tavola oppure in una box, può alzare il livello di pranzi, cene e spuntini. 

Risotto alle Fragole per una ricetta afrodisiaca. L’abbiamo presentata qualche anno fa, ed è un must per una ricetta con il giusto mix tra romanticismo e passione.

Spuntino. Certo, le fragole sono uno spuntino veramente facile da portare dietro. Tuttavia per uno spuntino veramente equilibrato puoi provare ad abbinarle ad un uovo sodo, così da apportare il giusto mix di nutrienti alla tua pausa.

Frullati ed estratti. In questo caso le fragole sono un vero e proprio jolly. Il trucco numero uno per utilizzare le fragole per frullati ed estratti è quello di congelarle per poi utilizzarle all’occorrenza.

Insalate. Qualcuna forse storcerà il naso, altre già hanno un mente una ricettina, ma il modo migliore è quello di tagliarle a fettine e mixarle ad un po’ di rucola,fiocchi di latte e quinoa. Un po’ di pepe ed olio e il gioco è fatto.

Torte e dolci fit e non. Diciamo che siamo sempre nell’ambito di spuntini e colazioni, però a chi non è mai capitato di fare un tortino fit con aggiunta di fragole? Oppure avete già provato a fare il nostro tiramisù light alle fragole? 

Ricetta tiramisù light alle fragole
Ricetta tiramisù light alle fragole

Uova di Pasqua, missione sicurezza

Acquistare soltanto prodotti sicuri per i bambini

Alimentazione_14630.jpg

Le uova di Pasqua di cioccolato sono un elemento imprescindibile per festeggiare insieme ai bambini. Tuttavia, è bene ricordare che i prodotti devono essere sicuri, come segnalano gli esperti della Società italiana di medicina e urgenza pediatrica.
“Tutti i giocattoli utilizzati dai bambini devono essere conformi alle normative europee previste in materia di sicurezza – spiega Stefania Zampogna, presidente Simeup -. Anche per le sorprese dell’uovo di Pasqua occorre quindi che vengano sempre rispettati i requisiti di qualità, la conformità al marchio CE e verificare l’età minima di gioco scritta sulle confezioni”.
Giocattoli privi degli standard di sicurezza previsti dalle normative europee possono mettere in pericolo i bambini che scartano le uova per abbinare il piacere del cioccolato al divertimento del gioco contenuto. Uno dei rischi più frequenti è legato al pericolo di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | uova, Pasqua, cioccolato,

I dolcificanti potrebbero essere pericolosi

Possibile legame fra il loro uso e l’insorgenza di tumori

Alimentazione_8866.jpg

I dolcificanti finiscono ancora una volta sotto accusa. Secondo un nuovo studio dell’Institut national de la santé et de la recherche médicale (Inserm) di Parigi, pubblicato su Plos One, ci sarebbe un legame fra il consumo di sostanze edulcoranti artificiali e l’aumento del rischio di cancro.
«Anche in questa nuova indagine francese le evidenze che emergono sono, seppur interessanti, relative e non conclusive – commenta al Corriere della Sera Riccardo Caccialanza, direttore dell’Unità Dietetica e Nutrizione Clinica alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia -. Dagli anni Novanta si continuano a portare avanti ricerche che non sono però arrivate a una conclusione definitiva. Quello che sappiamo è che gli additivi chimici in generale non sono salutari e non sono una soluzione vera per tenere il peso sotto controllo. Per limitare le probabilità di sviluppare una neoplasia (così …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | dolcificanti, peso, tumori,

Le mandorle proteggono la pelle dai raggi UVB

Studi mostrano l’effetto benefico del consumo di mandorle sulla pelle

Alimentazione_7584.jpg

Con l’arrivo della bella stagione è naturale sentir crescere il desiderio di uscire e godersi la vita all’aria aperta.
Mentre, grazie all’esposizione alla luce solare, ci assicuriamo una bella ricarica di vitamina D, dobbiamo però adattare la nostra beauty routine per proteggere la pelle. Curioso ma vero, in questo caso uno spuntino a base di mandorle, agendo dall’interno, può essere il complemento ideale per i nostri prodotti di protezione solare preferiti.
Infatti, mentre evitare l’esposizione prolungata al sole e l’uso di creme fotoprotettive rimangono la prima e fondamentale linea di difesa, un recente studio pubblicato sul Journal of Cosmetic Dermatology e sostenuto dall’Almond Board of California, fornisce la prima prova clinica che il consumo di mandorle può contribuire a sostenere la resistenza della pelle ai raggi UVB.
I ricercatori dell’Università della California di Los …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | pelle, UVB, mandorle,

Lo yogurt giusto per la dieta

Evitiamo scelte dettate dal marketing

Diete_14616.jpg

Quando iniziamo una dieta uno dei primi alimenti a cui pensiamo è senz’altro lo yogurt. Base per una colazione equilibrata, ma anche possibile snack spezzafame nei momenti “critici” della giornata.
Tuttavia, è determinante la scelta dello yogurt più adatto. Come per qualsiasi alimento, anche per lo yogurt c’è grande varietà e dobbiamo tenere conto di alcuni aspetti quando decidiamo di acquistarlo.
Lo yogurt si ottiene dalla fermentazione naturale del latte arricchito da ceppi batterici specifici, lo Streptococcus termophilus e il Lactobacillus bulgaricus. La loro azione trasforma il lattosio in acido lattico, dando allo yogurt la cremosità e l’acidità tipiche. Ovviamente, utilizzando particolari tipi di latte o aggiungendo frutta e zucchero si ottengono prodotti dai valori nutrizionali molto diversi.
Per questo, la prima cosa da fare quando ci apprestiamo a comprare uno yogurt è …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | yogurt, dieta, latte,