Vuoi il fisico di Elisabetta Gregoraci? Copia il suo workout

E’ arrivato gennaio e Instagram inizia a popolarsi di workout famosi e meno famosi. Tra quelli famosi, il workout che proprio ieri ha sconvolto “l’internet” è quello di Elisabetta Gregoraci. 

Il fisico di Elisabetta Gregoraci è forse tra i più invidiati del panorama televisivo italiano, e qui a Fitinhub siamo ben liete di constatare che il suo Beach Body non è solo frutto di madre natura, ma è fatto anche di workout e fatica in palestra. 

Vuoi il fisico di Elisabetta Gregoraci? Copia il suo workout su Instagram

Come succede in cucina, anche il workout per avere il fisico di Elisabetta Gregoraci spoilera solo alcuni degli esercizi che la conduttrice televisiva esegue sotto la supervisione del suo trainer.

Ti ricordiamo prima di eseguire qualsiasi allenamento di verificare di essere nelle condizioni di salute e di fitness per per poterlo eseguire. 

Bench Jump Over

Per eseguire l’esercizio avrai bisogno di una panca. 

  • Posiziona le mani sulla panca.
  • Piegati in avanti con le braccia tese
  • Attiva l’addome
  • Fissa la panca e piegando le gambe scavalca con un salto esplosivo 
  • Continua ad eseguire l’esercizio per il numero di ripetizioni indicate

L’esercizio in questione coinvolge femorali e quadricipiti, ma coinvolge anche altri muscoli del corpo come: addominali, polpacci, glutei e flessori dell’anca.

Nel video pubblicato dalla Gregoraci su Instagram, aggiunge alla routine anche una variazione dell’esercizio che prevede un saltello prima di effettuare il salto esplosivo e scavalcare la panca. Inoltre, guardando nel dettaglio, per aumentare la resistenza e la difficoltà dell’esercizio, vengono utilizzate anche delle cavigliere. 

Plyo Jump Box 

Per eseguire l’esercizio avrai bisogno di un box o una panca ben fissata al pavimento

  • Posizionati davanti al box o alla panca
  • Con un salto esplosivo sali sul box o la panca 
  • Esegui un salto per effettuare la fase di discesa
  • Continua ad eseguire l’esercizio per il numero di ripetizioni indicate

Scopri tutti I benefici del Plyo jump Box 

Sit Up con torsione e molleggio 

In verità è la prima volta che vediamo questo esercizio, vi suggeriamo di guardare il video per verificare l’esecuzione 

  • Esegui un sit up
  • Effettua una torsione verso destra molleggiondo per un conteggio 
  • Effettua una torsione verso sinistra molleggiondo per un conteggio 
  • Effettua un crunch 
  • Torna nella posizione di partenza 

Sit Up molleggiati con braccia sollevate

  • Esegui un sit up con gambe piegate in ponte
  • In fase di salita tieni le bracci in alto altezza sguardo
  • Una volta arrivata in posizione molleggia per il numero do volte indicato
  • Torna nella posizione di partenza 

Di seguito trovate il link agli esercizi, eseguiti direttamente da Elisabetta Gregoraci 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Elisabetta Gregoraci (@elisabettagregoracireal)

Come velocizzare i risultati in palestra?

Come velocizzare i risultati in palestra è senz’altro una domanda che ti sei posta alla fine di queste vacanze natalizie ma soprattutto gastronomiche. 

Posto che non esiste una bacchetta magica, senz’altro c’è una strategia da mettere in atto. 

Come velocizzare i risultati in palestra?

Se segui fitinhub, avrai ormai capito che siamo grandissime fan di un certo tipo di allenamento. Ecco, la strategia per velocizzare i risultati in palestra è quella definita “carico progressivo” (progressive overload) che a discapito di quello che pensi, non vuol dire solo aumentare i carichi.  

Il concetto si riferisce al fatto di rendere in maniera graduale più “difficile” il proprio allenamento aumentando i carichi, oppure l’intensità o anche la resistenza, per permetterti di raggiungere gli obiettivi prefissati. 

Ovviamente, non basta solo questo bisogna aggiungere costanza e pianificazione. 

Come velocizzare i risultati in palestra: 4 tattiche.

Come sempre ti ricordiamo di verificare di essere sempre nelle condizioni di fitness e di salute per eseguire gli esercizi e progredire nell’alòenamento. 

Aggiungi resistenza. Ecco questa è la tattica forse più intuitiva. Cerca quindi di usare carichi più pesanti. Soprattutto tienine traccia. Tieni nella borsa della palestra un piccolo quaderno su cui segnare esercizi e carichi. Oppure se sei tra coloro che portano il cellulare in sala, puoi sempre trovare un app che ti permetta tenere traccia dei progressi.

Aumenta le ripetizioni. Certamente aumentare le ripetizioni può essere un modo per mettere alla prova il tuo corpo, se nell’esecuzione di un determinato esercizio di senti troppo a tuo agio. 

Modifica l’intensità. Per esempio se sei abituata ad eseguire squat a corpo libero, prova ad enfatizzare ulteriormente il movimento cercando di scendere quanto più in basso possibile. Oppure prova ad eseguire gli squat isometrici. 

Acquista Elastici fitness su Amazon

Esegui esercizi coinvolgendo un solo lato del corpo oppure aumentando l’instabilità. Questa tattica ti forzerà ad avere un maggiore controllo durante l’esercizio, attivando un numero maggiore di muscoli. Prova il Bosu.

Bosu – Attrezzo per Esercizi di Equilibrio, PRO Balance Trainer

5 consigli per rimanere in forma durante il periodo Natalizio

Rimanere in forma durante il periodo Natalizio, tende ad essere una vera e propria sfida: tra cene, aperitivi e regali di natale, la nostra scala di priorità sembra modificarsi leggermente.

Come rimanere in forma durante il periodo natalizio?

Nessun dramma, è normalissimo prendersi una pausa dalla propria routine quotidiana durante le feste di Natale o le vacanze estive. Tuttavia l’importante è non trascurare questi 5 punti

5 consigli per rimanere in forma durante il periodo Natalizio

Movimento: per quanto tu possa andare in giro per compere natalizi e regali a parenti e amici, ti consigliamo di dare la priorità ad un allenamento programmato, possibilmente la mattina. Non si sa quale contrattempo possa succedere durante il giorno: ad esempio potresti rimanere bloccata nel traffico mentre ti sposti alla ricerca dei regali.

Bastano 10 minuti, per un allenamento blando ma efficace. Ti servirà un timer. Realizza quanti più giri possibile del seguente allenamento:

  • 20 Squat
  • 20 V-Up
  • 20 Push up

In questa maniera avrai attivato tutti i muscoli del corpo e potrai comunque affrontare la giornata con un piglio deciso.

Alimentazione: Beh che Natale sarebbe senza un panettone, un pandoro e vari pranzi e cene, e aperitivi con le amiche? Guai a rinunciarci! Tuttavia crediamo che sia sempre giusto cercare di mantenere un equilibrio. Crediamo molto nel principio della “compensazione”. Mangiato eccessivamente la sera prima? Cerca di compensare il giorno dopo con pasti ricchi di alimenti sani.

Leggi anche Mangiato troppo nel weekend? Come recuperare il giorno dopo

Sonno: Sappiamo quanto può essere elettrizzante il Natale: luci, pacchetti, giocate a casa di amici. Tutto molto WOW! Tuttavia ti suggeriamo di non strafare con le nottate in bianco, anche perchè possono innescare un circolo vizioso di stanchezza/comfort food/pigrizia e via di seguito.

Beauty routine: Importantissima, a nostro avviso, la beauty routine della sera e della mattina. Forse le vacanze di Natale non sono proprio il massimo per lunghe ore davanti allo specchio, ma cerca di portare avanti le tue abitudini beauty prima di uscire e prima di mettere la testa sul cuscino.

Tempo per se stessa: Le vacanze di Natale, spesso sembrano una lunga lista di cose da fare necessariamente: regali, visite ai parenti, preparazione pranzi e cene. Cerca in tutta questa frenesia di non perdere mai di vista il tuo benessere. Il nostro momento di “pace” preferito è leggere un buon libro, sul divano, con una buona tisana rilassante e il cellulare rigorosamente offline.

 

Full Body Workout in 5 movimenti

Il venerdì è il giorno giusto per un full body workout. Come riassunto di tutto quello che è stato fatto in termini di allenamento durante la settimana, è bene mettersi alla prova prima dell’inizio del weekend 

Come eseguire l’allenamento full body workout in 5 movimenti 

L’allenamento va eseguito con due manubri ed è un allenamento ad alta intensità. Ti ricordiamo di essere sempre sicura di poter eseguire l’allenamento. 

Esegui 12 ripetizioni per ogni esercizio e al termine di tutti gli esercizi indicati esegui 1 minuto di burpees.

Come sempre ti serviranno:

  • un timer
  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua
  • pesetti/kettlebell

Squat Overhead 

  • Inizia con i manubri posizionati all’altezza della clavicola. Divarica leggermente le gambe a distanza fianchi.
  • Solleva i manubri verso l’alto stendendo completamente le braccia
  • Esegui uno squat ricordandoti di attivare l’addome e di tenere la schiena dritta.
  • Ritorna in posizione di partenza.
  • Puoi anche fare una piccola pausa tra i due movimenti se pensi che il tutto sia troppo pesante per le tue articolazioni.

Affondi statici alternati con curl bicipiti 

  •  Iniziare in piedi con i piedi alla larghezza delle spalle e posiziona le mani sui fianchi per la stabilità
  • Avanza con una gamba e scendi nella contrazione eccentrica piegando il ginocchio anteriore fino a che non si trova leggermente al di sopra del livello del pavimento
  • Usa il piede posteriore per bilanciare spingendo leggermente in avanti sulle dita dei piedi (tenendo sollevato il tallone)
  • Esegui 12 curl con i manubri
  • Raddrizza la gamba anteriore facendo peso sul tallone. Allo stesso tempo, raddrizza anche la gamba posteriore. Questo ti riporterà alla posizione di partenza; continua per il numero indicato di ripetizioni
Come eseguire affondi indietro a casa senza pesetti
Come eseguire affondi indietro a casa senza pesetti

Row 

  • Impugna due manubri o bottiglie d’acqua e con un movimento a cerniera porta il busto in avanti affinchè sia in parallelo con il pavimento
  • Distendi le braccia verso il basso e porta indietro il gomito destro tenendo la mano rivolta verso l’interno
  • Riporta il braccio destro il posizione di partenza ed esegui il movimento con l’altro braccio
4 esercizi per migliorare il tono muscolare della schiena
4 esercizi per migliorare il tono muscolare della schiena

Triceps dips

  • Posizionati davanti ad una sedia/panca/divano, seduta per terra
  • Posiziona i palmi delle mani sulla sedia di modo che i gomiti siano rivolti verso l’alto
  • Facendo perno sui palmi delle mani tenendo attivi anche addome e glutei, solleva il corpo verso l’alto
  • Ritorna in posizione di partenza e ripeti l’esercizio per il numero di volte indicato.

1 min burpee

  • In piedi, abbassati in squat poggiando le mani al pavimento davanti a te.
  • Con un saltello porta indietro i piedi e raggiungi la posizione di push up e immediatamente porta il petto verso il pavimento, senza toccarlo (eseguendo quindi un push up).
  • Porta il petto in alto e riporta i piedi in avanti ritrovandoti così nuovamente in posizione di squat.
  • Immediatamente esegui uno squat saltato
  • Questa conta come una ripetizione (purtroppo!)

Leggi anche 3 esercizi alternativi ai burpees se non ti piace eseguirli o sei alle prime armi

 

Total body challenge: il workout per mettersi alla prova

Il Lunedì chiama total body challenge. Eh si, perché mentre ci lamentiamo dell’ormai inizio dei “lavori” della settimana, il consiglio che noi di Fitinhub vogliamo dare, è che mettersi alla prova il primo giorno della settimana, ti dà sicuramente la motivazione e la grinta necessaria per affrontare tutta la settimana.

Total body challenge 

L’allenamento total body challenge è un allenamento ad alta intensità. Prevede l’esecuzione di quanti più round possibili nell’arco di 10 minuti, dunque, non prevede pause. Riposati solo quando ne hai bisogno. Ti ricordiamo di verificare sempre di essere sempre nelle condizioni fisiche e di salute per eseguire l’allenamento.

Come sempre ti serviranno:

  • un timer
  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua
  • pesetti/kettlebell

Esegui il numero di set indicati per ogni super set. Per gli esercizi unilaterali il numero di ripetizioni indicato è relativo ad ogni lato. Utilizza il peso che ti permetta di eseguire le ripetizioni in maniera corretta 

12 american swing

  • Per eseguire correttamente l’esercizio è necessario attivare il muscolo grande dorsale, portando indietro le spalle e facendo dondolare il kettlebell in mezzo alle gambe.
  • Ovviamente non mandare in ipertensione la parte posteriore delle ginocchia, ma in ogni caso dovresti stendere le ginocchia completamente, facendo leva sulla contrazione dei quadricipiti.
  • Se non pieghi le ginocchia nella fase di swing, durante il quale il peso e tra le gambe leggermente indietro rispetto al corpo, rischi di porre stress inutile e dannoso sui femorali e sui lombari. Piegare le ginocchia ti permette di caricare in maniera corretta i fianchi.
  • Portare indietro il peso, tenendolo quanto più vicino all’inguine, per facilitare il movimento cerniera/deadlift evitando di eseguire uno squat.

Leggi anche: come eseguire swing senza kettlebell

8 push up inclinati

  • Inizia in posizione di push up Start in push-up (mani sotto le spalle, addominali ingaggiati, schiena dritta e gambe stese all’indietro piedi uniti)  con il dorso dei piedi centrati sulla stability ball.
  • Ritorna in posizione di partenza e abbassati in un push up.
  • Tornare nella posizione di partenza continuando ad eseguire il movimento in maniera fluida per otto ripetizioni
Total Body workout a casa con i Push Up
Total Body workout a casa con i Push Up

10 squat bulgari (10 per gamba)

  • Punta del piede sulla panca posizionato ad altezza ginocchio
  • Porta in busto leggermente in avant
  • Il piede che appoggia per terra ad una distanza piuttosto ampia in modo da tenere il focus sui glutei
  • Scendi verso il basso ricordandoti di piegare le ginocchia
  • Risali in posizione di partenza

12 sumo squat

  • Con i piedi a distanza spalle, punta i piedi a 45° verso l’esterno
  • Inspira mentre porti indietro i fianchi in uno squat, portando le braccia in avanti e tenendo le mani davanti al petto
  • Attiva l’addome e mantieni la spina dorsale neutrale
  • Fai una pausa quando arrivi nella posizione più bassa del movimento e fai attenzione perchè è proprio nel momento in cui i fianchi raggiungono l’altezza delle ginocchia che la forma inizia a venire meno
  • Gli stinchi dovrebbero trovarsi in posizione verticale, e le ginocchia leggermente o in avanti rispetto agli alluci.
  • Butta fuori l’aria quando ritorni verso l’alto, facendo partire la spinta dai talloni.
  • La respirazione è parte fondamentale dell’esercizio soprattutto quando inizi ad eseguire l’esercizio con i carichi elevati.

15 mountain climbers 

  • Inizia in posizione plank con braccia tese ed entrambe i piedi per terra
  • porta il ginocchio destro verso il petto
  • porta il ginocchio indietro e torna in posizione di partenza
  • ripeti il movimento con il ginocchio sinistro

30 secondi di plank 

  • Una volta raggiunta la posizione corretta inspira attraverso il naso.
  • Dovresti sentire tutti i muscoli del corpo che si attivano.
  • Addome, glutei e muscoli delle gambe sono tutti attivi durante l’esecuzione dell’esercizio.
  • Espira buttando fuori l’aria dalla bocca.
  • L’obiettivo è quello di attivare tutti i muscoli coinvolti, e naturalmente rilassarli quando butti fuori l’aria.
  • Prosegui quindi con la respirazione per tutta la durata dell’esercizio.

Glutei Super : l’allenamento superset da fare

Per glutei super non puoi non fare l’allenamento superset! Giochi di parole a parte, qui in FitinHub siamo grandissime fan degli allenamenti in superset. Il motivo è semplice: riducono notevolmente il tempo trascorso massimizzando lo sforzo.

Leggi anche Allenamento superset : maggiore intensità e meno tempo in palestra

Glutei Super : l’allenamento superset da fare

L’allneamento glutei super in superset è un allenamento che ti metterà senz’altro alla prova. Ricordiamo sempre che la cosa importante è muoversi, ascoltando il proprio corpo.

Come sempre ti serviranno:

  • un timer
  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua
  • panca/sedia
  • pesetti/bilanciere 

Esegui il numero di set indicati per ogni super set. Per gli esercizi unilaterali il numero di ripetizioni indicato è relativo ad ogni lato. Utilizza il peso che ti permetta di eseguire le ripetizioni in maniera corretta 

Superset 1: 3 set

10 Squat Bulgaro (10 ripetizioni per gamba)

  • Punta del piede sulla panca posizionato ad altezza ginocchio
  • Porta in busto leggermente in avant
  • Il piede che appoggia per terra ad una distanza piuttosto ampia in modo da tenere il focus sui glutei
  • Scendi verso il basso ricordandoti di piegare le ginocchia
  • Risali in posizione di partenza
Come eseguire affondi per un allenamento gambe e glutei efficace
Come eseguire affondi per un allenamento gambe e glutei efficace

10 jump squats 

  • In piedi con le gambe divaricate, esegui uno squat e con un movimento esplosivo salta verso l’alto avendo cura di sollevare i talloni da terra.
  • Nella fase di atterraggio esegui nuovamente lo squat e prosegui nell’esecuzione del movimento per il numero di ripetizioni indicato.

fitinhub - glutei super

Superset 2: 2 set 

12 Hip thurst

  • Far partire il movimento dai talloni e sollevare la zona pelvica dal pavimento ricordandosi di “strizzare” i glutei e attivare gli addominali.
  • Le spalle vanno tenute basse senza sforzare il collo.

12 walking lunges 

  • E’ la variante più “funzionale” degli affondi, tuttavia è un esercizio difficile da eseguire, quindi parti dagli affondi alternati, per poi arrivare all’esecuzione di questo esercizio.
  • Come nelle precedenti varianti il movimento deve essere controllato, spina dorsale dritta, peso sui talloni.
  • Abbassa il corpo fino a che sia la gamba destra che quella sinistra formino un angolo di 90°. Tieni la posizione e fai un passo in avanti.

Leggi anche: Come eseguire affondi perfetti. Le varianti più popolari.

Superset 3: 1 set 

20 sumo squat 

  • Con i piedi a distanza spalle, punta i piedi a 45° verso l’esterno
  • Inspira mentre porti indietro i fianchi in uno squat, portando le braccia in avanti e tenendo le mani davanti al petto
  • Attiva l’addome e mantieni la spina dorsale neutrale
  • Fai una pausa quando arrivi nella posizione più bassa del movimento e fai attenzione perchè è proprio nel momento in cui i fianchi raggiungono l’altezza delle ginocchia che la forma inizia a venire meno
  • Gli stinchi dovrebbero trovarsi in posizione verticale, e le ginocchia leggermente o in avanti rispetto agli alluci.
  • Butta fuori l’aria quando ritorni verso l’alto, facendo partire la spinta dai talloni.
  • La respirazione è parte fondamentale dell’esercizio soprattutto quando inizi ad eseguire l’esercizio con i carichi elevati.
Sumo Squat - Squat Challenge
Sumo Squat – Squat Challenge

20 donkey kicks 

  •  Sul materassino, mettiti in posizione quadrupedica
  • Posiziona i palmi delle mani perpendicolarmente alle spalle, e le ginocchia sotto i fianchi
  • Inizia il movimento sollevando la gamba destra, piegata a 90° e il piede flesso.
  • La posizione di arrivo prevede la distensione della gamba.
  • Mentre esegui l’esercizio presta moltissima attenzione a non esasperare il movimento, sforzando o inarcando la schiena. Inoltre evita di girare i fianchi.
  • Ritorna verso il basso, quasi come se volessi raggiungere nuovamente la posizione quadrupedica, ma questa volta senza permettere al ginocchio di toccare terra.
  • Continua ad eseguire questo movimento in maniera fluida per il numero di ripetizioni consigliato e una volta terminato cambia gamba.

Leggi anche: Glutei tondi e pieni con il donkey kick

6 consigli per non rinunciare al fitness

Come mantenere uno stile di vita attivo senza annoiarsi

Fitness_14487.jpg

L’anno passato ci ha insegnato senza dubbio l’importanza di mantenere uno stile di vita sano e attivo. L’arrivo della pandemia ha portato le persone a doversi reinventare e trovare modi di allenarsi alternativi.
A seguire sono riportati alcuni consigli su come mantenere uno stile di vita attivo a prescindere da dove si vive:
– Ridefinire il modo in cui si pensa all’allenamento
Allenarsi non deve per forza essere noioso. Juggy Sidhu, esperto di nutrizione e salute sottolinea l’importanza di ridefinire il modo in cui si concepisce l’esercizio fisico. “Quando si menziona il concetto di esercizio fisico, in moltissimi hanno un blocco mentale che riguarda tutte le attività che questo concetto implica, dal correre al partecipare ad una lezione in palestra. Tutte queste attività sembrano molto complicate dalla prospettiva di un principiante: a primo impatto risultano dispendiose e fuori …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | fitness, allenamento, consigli,

Squat Challenge. Ripartiamo con l’allenamento!

La squat challenge. Quale modo migliore per riprendere gli allenamenti? Personalmente trovo una forte motivazione nell’allenamento della parte bassa del corpo. In primis perchè, in quanto donna, lo trovo più semplice e in secondo luogo, lo trovo anche più divertente.

Visto e considerato che per quanto adori allenarmi, la ripresa è davvero difficile (soprattutto quando il caldo ancora impazza) preferisco partire da qualcosa di semplice che mi faccia divertire!

Squat Challenge. Ripartiamo con l’allenamento!

La squat challenge è un allenamento di media intensità. Ricordiamo sempre che la cosa importante è muoversi, ascoltando il proprio corpo. L’allenamento non prevede pause, per cui quando ne senti il bisogno prenditi il tuo tempo.

Come sempre ti serviranno:

  • un timer
  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua

Esegui l’allenamento per 5 round consecutivi per il numero di ripetizioni indicate per esercizio.

10 Sumo squat

  • Divarica le gambe con le punte dei piedi rivolte all’esterno ed in maniera tale che le ginocchia non superino la punta dei piedi
  • Porta il busto verso il basso, mentre strizzi i glutei.
  • Ritorna in posizione di partenza ed esegui l’esercizio in maniera fluida per il numero di ripetizioni indicato.
Sumo Squat - Squat Challenge
Sumo Squat – Squat Challenge

10 Jumping Jacks

  • In piedi con un saltello divarica le gambe e contemporaneamente porta in alto le braccia
  • Ritorna in posizione di partenza con un saltello chiudendo le gambe e contemporaneamente portando in passo le braccia
  • Ripeti l’esercizio eseguendolo quanto più possibile in maniera fluida

Leggi anche Jumping Jack l’esercizio cardio per tutti

Jumping Jack - Squat Challenge
Jumping Jack – Squat Challenge

Prisoner Squats

  • Inizia in posizione squat, mantieni il peso sui talloni.
  • Porta i fianchi indietro e successivamente riportali in avanti fino a rimanere in piedi.
  • Porta in avanti la gamba destra e performa un affondo.
  • Ritorna al centro, e porta la stessa gamba indietro in un affondo inverso.
  • Attiva gli addominali, ritorna al centro e performa uno squat, poi ripeti la stessa sequenza di affondi.
  • Esegui il tutto per 10 volte, poi cambia gamba


20 Butt Kickers 

  • In piedi, scalciando indietro, portare in maniera alternata i piedi all’altezza dei glutei.
  • Eseguire le ripetizioni indicate in maniera fluida e continua

10 Split Squat (per gamba)

  • Inizia in posizione squat, mantieni il peso sui talloni.
  • Porta i fianchi indietro e successivamente riportali in avanti fino a rimanere in piedi.
  • Porta in avanti la gamba destra e performa un affondo.
  • Ritorna al centro, e porta la stessa gamba indietro in un affondo inverso.
  • Attiva gli addominali, ritorna al centro e performa uno squat, poi ripeti la stessa sequenza di affondi.
  • Esegui il tutto per 10 volte, poi cambia gamba

20 Mountain Climbers 

  • Inizia in posizione plank con braccia tese ed entrambe i piedi sugli slider
  • porta il ginocchio destro verso il petto
  • porta il ginocchio indietro e torna in posizione di partenza
  • ripeti il movimento con il ginocchio sinistro

Leggi anche 6 esercizi per allenare gli addominali

Running: lo sport per chi ama correre

Il running è lo sport perfetto per chi ama cimentarsi in corse e prestazioni fisiche che mirano ad attività cardio. 

Il runner, ovvero chi fa running, punta a migliorare ogni giorno le proprie performance, magari riducendo al massimo i tempi sui famosi 10000 metri, un obiettivo molto ambito per gli amanti di questo sport.

Gli appassionati amano partecipare anche a maratone, un motivo in più per allenarsi con costanza tutto l’anno e andare alla ricerca dei giusti strumenti per farlo.

L’abbigliamento giusto per fare running

Una buona performance di corsa è permessa sia dalle abilità dello sportivo che dall’abbigliamento utilizzato.

Prima di scoprire quale sia il giusto abbigliamento running per eventi, per vestire team o semplicemente per andare a correre su strada in solitaria, è necessario sottolineare quali sono i materiali da prediligere e quali da evitare.

Chiunque, nel proprio armadio, ha almeno una t-shirt o una canotta di cotone e quando andiamo a fare sport siamo tentati ad indossarla. 

Sbagliato!

Il cotone sul corpo funziona come una spugna, trattenendo l’umidità del sudore evitando alla pelle di mantenere temperature adeguate. Il sudore inoltre, a contatto con il cotone, dopo qualche minuto di pausa dall’attività fisica tende a raffreddarsi, specialmente d’inverno. In estate invece tende a surriscaldarsi, rendendo le prestazioni sportive veramente molto scomode. 

L’abbigliamento perfetto per fare running infatti è realizzato in tessuto tecnico sportivo, che a differenza di altri materiali ha un’ottima traspirabilità, perfetta per far evaporare il sudore e permettere allo sportivo di rimanere fresco e asciutto. La consistenza inoltre è veramente soffice, apporta un senso di leggerezza e veste il corpo senza fasciarlo troppo.

La raccomandazione più grande quindi, è quella di prestare attenzione alla composizione dei materiali, riportata sulle etichette.

Indumenti per fare running: scopriamoli nel dettaglio

Una volta appurato quale sia il tessuto più adatto per fare running, andiamo a vedere nello specifico quali capi non devono mai mancare nel guardaroba di un runner.

Prima di tutto citiamo canotte, maglie, gilet e felpe.

Quest’ultime possono presentare cappucci, zip o esserne prive, il tutto stabilito in base ai propri gusti e alle proprie esigenze.

Completano gli outfit i cosciali, i leggings, gli slip ed i pantaloncini, ovvero i capi che permettono di vestire la parte inferiore del corpo e che per molti costituiscono l’abbigliamento fondamentale, in quanto vestono gli arti più coinvolti nel running.

I leggings in particolare, devono fasciare le gambe in maniera equilibrata, concedendo un senso di contenimento ma non di pressione scomoda e limitante.

In ultimo poi, non dobbiamo tralasciare il lato estetico, in quanto anche l’occhio vuole la sua parte, specialmente durante gli eventi sportivi quando si mira ad essere ben identificati grazie a colori e design e a voler fare la differenza “sul campo”.

Ecco quindi che vi abbiamo parlato di indumenti ideati per garantire il massimo del comfort, permettendo agli sportivi movimenti fluidi e veloci. 

Le cuciture sono in molti casi assenti o fatte in maniera tale da non creare bruciori, abrasioni e fastidi durante la corsa.

Il tai chi aiuta contro l’obesità

Ideale per le persone con mobilità ridotta

Sport_3844.jpg

Non è sempre necessario sbuffare e sudare per perdere i chili di troppo accumulati nel corso degli anni. Uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine da un team dell’Università di Hong Kong rivela l’efficacia anche di pratiche più “rilassanti” come il tai chi, l’antica disciplina cinese a metà fra arte marziale e meditazione.

Allo studio hanno partecipato oltre 500 adulti con oltre 50 anni e obesità di tipo centrale, ovvero con grasso accumulato prevalentemente sulla pancia. Un tipo di ingrassamento associato a maggiori probabilità di sviluppo della sindrome metabolica.

I ricercatori hanno voluto verificare l’efficacia dimagrante del tai chi, pratica molto indicata soprattutto per i più anziani con problemi di mobilità o poca propensione all’attività fisica. La disciplina infatti prevede movimenti lenti, fluidi e costanti.