Cibi che aiutano l’abbronzatura: ecco cosa portare in tavola

Tra i cibi che aiutano l’abbronzatura ci sono sono alimenti che probabilmente non sapevi potessero avere questa funzione. Abbronzarsi naturalmente, non è solo una questione di esposizione ai raggi solari. Come in tutti gli aspetti del nostro benessere quotidiano, anche in questo caso l’alimentazione ha un suo peso specifico. Vediamo quali sono i cibi che aiutano l’abbronzatura

Cibi che aiutano l’abbronzatura

Frutta

Frutta come anguria, fragole, ciliegie, frutti rossi, arance, uva, kiwi, pesche sono fondamentali per un’abbronzatura naturale in quanto oltre ad essere ricchissimi di vitaminici C, sono anche ricchi di antiossidanti che supportano il sistema immunitario e rendono la tua pelle radiosa. Contengono inoltre vitamina A che supportano l’elasticità della pelle e ti aiuta a mantenere la pelle idratata.

Verdura

Tra le verdure troviamo senz’altro le carote, gli spinaci, le patate dolci, i pomodori, broccoli, cavolo riccio, peperoni rossi. Quando associ abbronzatura e alimentazione, il cervello ti fa visualizzare senza troppe esitazioni le carote. Ricche di carotenoidi, sono di fatto, l’alimento più efficace per raggiungere il tuo obiettivo di ottenere un’abbronzatura naturale e sana. Sono ricchissime di vitamina A, che tra le altre cose aiuta anche la vista e protegge la palle dai danni dei raggi del sole.

Pesce

Probabilmente questo è l’alimento che meno assoceresti all’abbronzatura, ma abbiamo capito che alla base di un’abbronzatura sana e naturale c’è una pelle curata anche dall’interno grazie all’alimentazione. Il pesce, in particolare quello azzurro è ricco di grassi Omega-3 che supportano l’elasticità della pelle.

Olio d’oliva e noci

Anche in questo caso il discorso ruota intorno alla salute della pelle. Ricchissimi di vitamina E, che ha un’importante azione antiossidante,  ti aiutano a mantenere la pelle elastica.

Insomma, mangiare in una certa maniera e scegliendo gli alimenti giusti può senz’altro aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo di un’abbronzatura dorata che mette in risalto la tua pelle splendida e i sacrifici fatti con l’allenamento. Ti ricordiamo inoltre di non esagerare con l’esposizione al sole e di utilizzare sempre una crema con fattore di protezione alto.

Dieta dei colori: come disintossicarsi e perdere peso dopo le feste

Chiamata anche cromodieta, la dieta dei colori ha questo nome così curioso perché prevede di mangiare in ogni giornata alimenti di un solo colore. Questa dieta è diventata molto popolare in internet e rientra nella categoria di diete detox che durano un breve periodo di tempo e che permettono di rimettersi in sesto dopo le abbuffate natalizie o di fare un percorso disintossicante appena prima di mettersi in costume. Vediamo allora come funziona questa dieta e quali sono i dettami da seguire in questo percorso.

Come funziona la dieta dei colori?

La cromodieta torna utile a chi vuole disintossicarsi e perdere peso in un breve lasso di tempo. Come funziona? Ogni giorno vanno consumati solo cibi e alimenti di uno specifico colore. La ragione? Rafforzare gli effetti dei pigmenti sull’organismo. Ad ogni colore, secondo questa dieta, corrispondono specifiche sostanze nutritive che l’organismo assorbe.

Quanto dura la dieta dei colori? Solo sette giorni. Ognuno dei colori ha uno scopo ben preciso. Grazie a questo regime alimentare si possono perdere un paio di chili senza andare ad intaccare il metabolismo, considerato che dura così poco. A parte quella dei colori ci sono regole? Solo che i cibi vanno consumati preferibilmente crudi per mantenerne inalterati i principi nutritivi.

Vediamo ora gli effetti di ogni colore:

  • Gli alimenti bianchi (banane, cipolle, patate, funghi e altri ancora) favoriscono la digestione e depurano il corpo regolando il colesterolo cattivo;
  • i cibi verdi (spinaci, verdure a foglia larga, bietole, carciofi e altri ancora) ravvivano l’organismo e fanno sentire sazi; g
  • li alimenti rossi come pomodori, anguria, fragole e arance agiscono come antiossidanti e stimolano il metabolismo;
  • i cibi azzurri ridanno leggerezza al fisico e contribuiscono a ripulire i basi sanguigni dai grassi nocivi (tra questi troviamo prevalentemente il pesce azzurro);
  • i cibi gialli e arancioni combattono la cellulite e favoriscono la diuresi e in questa categoria troviamo mais, ananas, limoni, zucca, carote e altri ancora;
  • gli alimenti viola, infine, proteggono le cellule dai danni e prevengono l’invecchiamento: in questo ambito troviamo prugne, uva nera, melanzane e barbabietole.
  • I benefici della dieta dei colori

Quali sono i benefici della dieta dei colori? Ce lo spiega Giornalettismo attraverso le parole della dottoressa Luana Romeo, Consigliere nazionale di Andid. I benefici sono senz’altro l’alto potenziale disintossicante, considerato che “si tendono a ingerire molta più frutta e verdura”; l’effetto diretto è “una perdita di 2-3 chili di peso”. La dottoressa Luana Romeo specifica comunque che la sola evidenza scientifica è “la validità del consumo giornaliero di frutta e verdura dai diversi colori” nel senso che con la cromodieta viene garantito “l’apporto di diversi micronutrienti dei quali il diverso colore di frutta e verdura è espressione”.

Quale frutta mangiare prima di fare sport?

Quali sono i migliori frutti da mangiare prima di praticare attività sportiva? Tutti gli amanti del fitness sanno che è importantissimo mangiare correttamente prima dell’attività. Cosa si può mangiare per arrivare con la giusta carica all’allenamento ma, al contempo, non sentirsi appesantiti? La frutta è una buona idea per fare il pieno di energie. Qual è la frutta migliore da mangiare prima dello sport? Ci sono una serie di frutti buoni e adatti in questo senso. Vediamo insieme quale frutta prima dello sport mangiare.

Frutta prima dello sport: qual è la più adatta

Qual è la frutta più adatta da mangiare prima di fare sport? Vediamo una lista di frutti da consumare per chi pratica abitualmente sport.

  • Albicocca: perfetta per chi fa sport, l’albicocca è ricca di una serie di nutrienti utili per fare sport. Contiene: vitamine A, C, E; potassio; beta-carotene; ferro. Risulta anche facile da digerire poiché ricca di liquidi.
  • Banana: le banane sono famose per essere ricche di potassio, ma non solo. Nell’ambito dello sporto mangiare questo frutto prima di fare attività fisica è utile anche per i carboidrati che si assumono e per i nutrienti utili a tendini, muscoli e cuore.
  • Mirtilli: ricchi di anti-ossidanti, i mirtilli aiutano a contrastare gli effetti negativi dei radicali liberi sull’organismo. Durante l’esercizio fisico, infatti, il nostro corpo tende a produrne di più.
  • Frutta secca e frutta disidratata: tra la frutta prima di fare sport possiamo aggiungere anche noci, mandorle, uvetta, fichi, datteri. In generale tutta la frutta secca e quella disidratata è utile perché grande fonte di energie. Consigliata qualche ora prima di doversi allenare.
  • Fragola: le fragole sono ricche di nitrati. Questa sostanza, nelle giuste quantità, aiuta il processo di ossigenazione dei tessuti muscolari. Cosa fanno a livello pratico? Aiutano a sentire meno la fatica.
  • Mela: mangiare una mela prima di fare sport risulta utile alla circolazione poiché ricca di flavonoidi. Si tratta di una sostanza che supporta la corretta circolazione del sangue. Come noto, inoltre, le mele sono ricchissime di fibre.

Frutta e sport: attenzione all’indice glicemico

La frutta non è tutta uguale e questo, chi pratica sport, lo sa bene. L’indice glicemico è un fattore importante quando si pensa alla frutta da mangiare prima di fare sport per non sentirsi affaticati o appesantiti. La regola vorrebbe che si scegliessero prima dell’allenamento frutti a basso indice glicemico e dopo frutti ad alto indice glicemico. Le ragioni? Non appesantirsi prima e recuperare dopo. Prima di cominciare ad allenarsi, quindi, è bene scegliere frutti a basso indice glicemico quali albicocche, arance, fragole, mele, frutti di bosco, pompelmi, pere. Dopo l’allenamento via libera a tutti i frutti ad alto indice glicemico come melone, banana, anguria, kiwi, ananas, mango.

Anguria Gialla, strana ma sana. Ecco perché provarla

Di quest’estate rovente, molti di noi ricorderanno senza dubbio il sollievo nell’addentare una fetta gelata d’anguria dalla polpa rossa, dolce e succosa. Tuttavia, a molti di noi è capitato di sentirsi smarriti (a noi è capitato!) di fronte alla sorpresa di ritrovarsi con una fetta di anguria gialla, anziché rossa, comprata di corsa al supermercato per rinfrescare una pausa di lavoro. Infatti, a uno sguardo veloce, la buccia dell’anguria gialla è abbastanza simile, ma non uguale, a quella dell’anguria. La sorpresa, invece, arriva quando la si taglia: dopo il primo attimo di diffidenza e dopo aver pensato “sarà da buttare”, per istinto l’abbiamo annusata, poi assaggiata con circospezione e, solo dopo aver scoperto che, seppur gialla, la polpa è dolce, succosa e leggermente croccante, dal sapore un po’ diverso dall’anguria rossa che ad alcuni ricorda il fico d’india, ne abbiamo voluto sapere di più.

Ecco perché provarla

·      è conosciuta come cocomero-ananas o cocomero giapponese

·      è un innesto botanico non OMG ottenuto dai giapponesi in modo naturale

·      è prodotta in Italia principalmente in Basilicata, Sicilia, Lazio

·    è ricca di vitamina A e betacarotene, come tutti i vegetali di colore giallo (incluso il peperone e le albicocche), mentre quella a polpa rossa è più ricca di licopene, come i pomodori

Come l’anguria rossa, quella a polpa gialla ha:

·      la stessa quantità di acqua di quella a polpa rossa (circa il 95%) e per questo è perfetta in estate

·      proprietà dissetanti, depurative e drenanti come l’anguria rossa

Come usarla?

Esattamente come quella rossa, dalla colazione alla merenda, al dopo cena, ma anche per preparare insalate, ghiaccioli e succhi, proprio come l’anguria rossa.

Trova mal di oancia rimedi qui…