Squat e affondi in gravidanza: la fitness guru Kyla Itsiness interrompe gli allenamenti ad alta intensità

Tutte voi avrete sentito parlare almeno una volta di Kayla Itsines, la fitness guru australiana che sugli allenamenti ad alta intensità ha costruito un impero. La Chiara Ferragli del fitness in pratica. Che i suoi allenamenti fossero particolarmente efficaci, lo dimostrano le migliaia di persone che hanno provato i suoi programmi di allenamento in primis la BBG Guide, e hanno postato migliaia di foto su social a testimonianza della capacità della trainer australiana di aver trovato una tipologia di allenamento in grado di poter soddisfare diverse esigenze. Leggi anche Kyla Itsines lancia la nuova app Sweat con un super team

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

Squat e affondi in gravidanza: la fitness guru Kyla Itsiness interrompe gli allenamenti ad alta intensità

E’ noto da qualche settimana, soprattutto alle sue fan più accanite, che Kayla Itsines è incinta, tuttavia forse quello che non tutte sanno è che la fitness model ha interrotto i suoi allenamenti ad alta intensità per la parte bassa del corpo. Come spiega nel post che potete visualizzare direttamente su Instagram.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#27weekspregnant #bbg2019 #bbgworkout Okay so I hope everyone can relate to this feeling I’m about to explain. You know when you FIRST EVER start training?… and you’re working out, doing legs.. and then suddenly it feels like someone has just filled your entire leg up with led … it goes stiff and your legs get heavy and you feel like you just need a minute …. that’s literally what I felt like after a few squats in this workout haha !! I honestly haven’t felt that since my very first day in the gym – amazing how your body changes !!! 😂 Pregnancy is just SO DIFFERENT. I have stopped lower body sessions and I am just incorporating legs into my full body workouts 2-3 times per week!! I’m actually enjoying the lower intensity exercises for a change haha! At least you ladies finally get a bunch of “non jumping” workouts 😂😍👌😁 We all win here …. maybe not my legs though haha www.kaylaitsines.com/app #sweat12wc #week5

Un post condiviso da KAYLA ITSINES (@kayla_itsines) in data:

Sottolinea come forse in molti non hanno mai fatto, la sensazione di cambiamento che in questa fase della vita il suo corpo sta subendo. Nell’eseguire la routine di allenamento che potete visualizzare nel post su instagram ha sentito le gambe particolarmente rigide e pesanti , quasi come si fosse allenata per la prima volta. L’allenamento ad alta intensità per la parte bassa del corpo le ha fatto prendere coscienza di quanto il suo corpo stesse cambiando durante il periodo di gravidanza.

Questo non l’ha fatta assolutamente desistere dall’allenarsi, ma senz’altro l’ha portata a rivedere il suo programma di allenamento con livelli di intensità minore. Leggi anche Kayla Itsines Video: 4 esercizi da eseguire a casa

Comunemente c’è l’errata convinzione che allenarsi durante la gravidanza sia completamente da evitare. Così in realtà non è: in primis andrebbero evitati gli esercizi che mettono sotto sforzo il pavimento pelvico e uno sforzo eccessivo della parte addominale. Ovviamente ogni caso è differente e vista la delicatezza dell’argomento, se sei incinta e vuoi continuare ad allenarti affidati ad un esperto.

Il post della fitspo quindi ci ricorda che per quanto possiamo essere focalizzate sui nostri obiettivi e avere un livello alto di allenamento, rispetto al fatto di essere incinta bisognerebbe regolarsi in maniera tale da mettere sempre al primo posto la salute del bambino. Del resto la fitspo Emilye Skye (leggi anche Emily Skye: percezione, fitness e allenamento su Instagram,) durante la gravidanza, ha smesso completamente di allenarsi. La cosa importante da ricordare è che ognuno deve dare ascolto al proprio corpo e seguire il proprio percorso in maniera individuale e fare ciò che è meglio per il proprio piccolo.

Acquista su Amazon.it

  • WAVHELLO BellyBuds - Le Cuffie Ascolta Bambini per la tua Gravidanza | Cuffie Prenatali, Riproducono Musica, Suoni e Voci all'Utero | Crea Esperienze e Ricordi con il Bambino

    WAVHELLO BellyBuds – Le Cuffie Ascolta Bambini per la tua Gravidanza | Cuffie Prenatali, Riproducono Musica, Suoni e Voci all’Utero | Crea Esperienze e Ricordi con il Bambino
    Prezzo: EUR 37,99

  • Cuscino Allattamento e Cuscino Gravidanza per Dormire XXL|Federa 100% Cotone,Sfoderabile e Lavabile|Imbot.in Fiocchi di Fibre per Sostegno del Corpo Mamma e Neonato |Uso Versatile-Niimo Made in Italy -26%

    Cuscino Allattamento e Cuscino Gravidanza per Dormire XXL|Federa 100% Cotone,Sfoderabile e Lavabile|Imbot.in Fiocchi di Fibre per Sostegno del Corpo Mamma e Neonato |Uso Versatile-Niimo Made in Italy
    Prezzo: EUR 36,90

    Da: EUR 50,00

  • MAMAJEANS Jeans Premaman Basico, Super Elastico e Comodo, vestibilità Skinny, Lavaggio Basic, Colori Denim e Nero (M, Denim) -30%

    MAMAJEANS Jeans Premaman Basico, Super Elastico e Comodo, vestibilità Skinny, Lavaggio Basic, Colori Denim e Nero (M, Denim)
    Prezzo: EUR 34,90

    Da: EUR 49,90



L’articolo Squat e affondi in gravidanza: la fitness guru Kyla Itsiness interrompe gli allenamenti ad alta intensità sembra essere il primo su Fit In Hub.

Mamme fit: intervista a Rosalba Forciniti. Atleta, mamma, carabiniere.

Le mamme fit sono un vero e proprio must da seguire sui social. Fonte di ispirazione per chi si allena ma anche per come gestiscono tutto il da farsi quotidiano tra bambini e lavoro. Oggi, grazie alle interviste con donne sportive italiane realizzate da Sport Donna, si parla con Rosalba Forciniti, atleta, mamma, carabiniere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Domani dalle ore 13.30 vi aspetto su RAI DUE insieme a @andrealarossa @gabrielelelecorsi @officialmazzok a B COME SABATO, per una piccola intervista… e seguire il campionato di calcio di serie B! #campionatoserieb #calcio #bcomesabato #intervista #judogirl #fightermum #fitmum

Un post condiviso da Rosalba Forciniti (@rosalbaforciniti52) in data:

Atleta, mamma e carabiniere in ufficio…Come concilia le tre cose?
“Sto provando a fare qualcosa al limite dell’impossibile. Alla fine della giornata sono stanchissima ma felice”.

Quanti tatuaggi ha?
“Ho perso il conto…”

Uno in particolare?
“Sul polso ho il piedino di mia figlia con l’iniziale del nome”.

Un ricordo dai 0 ai 10 anni…
“Il primo giorno di judo”.

Un ricordo dai 10 ai 20 anni…
“In trasferta a Roma per allenarmi con la nazionale di Judo, ero la più piccolina”.

Un ricordo dell’ultimo anno?
“Il titolo italiano conquistato dopo tre anni di inattività dovuta alla gravidanza”.

La prima cosa che fa al mattino?
“Prendo subito un buon caffè”.

L’ultima prima di andare a letto?
“Un bacino alle mie figlie”.

Si’ è mai ubriacata?
“Sì”.

La parolaccia che dice più spesso?
“Cazzo”.

La gioia più grande della sua vita?
“I figli”

La delusione più grande?
“E’ arrivata dal mondo del judo. E qui mi fermo”.

Da 0 a 100 quanto contano i soldi nella sua vita?
“95”

I principi?
“101”.

Il sesso?
“101”.

La canzone che ha in testa in questo momento?
“Questa nostra stupida canzone d’amore”.

L’ultimo libro che le è piaciuto?
“Uno sulla storia delle Olimpiadi. Non pensavo che sport e politica mondiale andassero così in simbiosi”.

Piatto preferito?
“Sushi”

Bevanda preferita?
“Birra”.

Poserebbe nuda per una rivista?
“Dipende, tutto ha un prezzo…”-

Ha mai ricevuto una proposta indecente.
“Eccome, più di una”.

Sempre rifiutate?
“Sempre”.

La legge è uguale per tutti?
“No”.

E’ mai stata raccomandata da qualcuno?
“Sì”.

Tre cose che guarda in un uomo…
“Orologio, sedere, denti”.

E’ fedele?
“Sì”

E’ gelosa?
“Sì”.

E’ felice?
“Sì”.

Che cosa non farebbe mai neppure per 10 milioni di euro?
“Buttarmi giù da un aereo, fare paracadutismo”.

Di cosa ha paura?
“Di volare”.

Cosa cambierebbe del proprio corpo?
“I piedi, rovinati dallo sport e le gambe storte”.

Ha mai fatto qualche ritocchino?
“No”.

Gli alieni esistono?
“Non lo so, ma penso che qualcosa ci sia”.

E’ stata sincera in questa intervista?
“Assolutamente sì”.

Fonte: Sport Donna



L’articolo Mamme fit: intervista a Rosalba Forciniti. Atleta, mamma, carabiniere. sembra essere il primo su Fit In Hub.

Hiv, il vaccino Tat sembra efficace

Riduce del 90% il virus latente

Aids_603.jpg

Il vaccino Tat diretto contro l’Hiv sembra in grado di ridurre del 90% il “serbatoio di virus latente”, la parte di virus cioè non aggredibile con le terapie attuali.

Lo dimostra un follow up di 8 anni di uno studio pubblicato su Frontiers in Immunology dalla dott.ssa Barbara Ensoli, direttrice del Centro Ricerca Aids dell’Istituto Superiore di Sanità.

Sono risultati – afferma Ensoli – che aprono nuove prospettive per una cura funzionale dell’HIV, ossia una terapia in grado di controllare il virus anche dopo la sospensione dei farmaci antiretrovirali. In tal modo, si profilano opportunità preziose per la gestione clinica a lungo termine delle persone con HIV, riducendo la tossicità associata ai farmaci, migliorando l’aderenza alla terapia e la qualità di vita, problemi rilevanti soprattutto in bambini e adolescenti.

5 modi creativi di fare 10000 passi se fuori piove

I fitness tracker possono essere senz’altro d’aiuto per raggiungere 10.000 passi al giorno. Tuttavia quando non ti muovi abbastanza, non c’è fitness tracker che regga. E quando poi si ci mette anche il mal tempo, la mission sembra ancora più impossible.

La buona notizia è che secondo alcuni esperti 10.000 passi non sarebbero sufficienti per far si che il metabolismo si attivi (Pare ne servano 15.000). Ma non è un buon motivo per desistere, anzi utilizzare un conta passi di certo è una buona strategia per muoversi con regolarità. Non siamo tipe da farci fermare da due gocce d’acqua e temperature sotto lo zero, ed ecco quindi 5 modi creativi con cui puoi raggiungere 10.000 passi anche se il tempo non ti supporta.

Fare avanti e indietro ricoprendo tutto il perimetro di casa perchè manca pochissimo per raggiungere i 10.000 passi giornalieri. Pensare di raggiungere l’obiettivo in un minuscolo appartamento richiede grande creatività. Non preoccuparti nessuno vorrà infilarti una camicia di forza. Scegli velocità e tempo, ma perlustra casa come se stessi seguendo una caccia al tesoro.

Far si che quei piccoli e brevi passi dal divano al frigo, contino. Prova con step laterali, saltelli, gambe alte verso il petto, corsa sul posto, insomma fai si che quei pochi metri contino.

Affrontare i cosiddetti viaggi della speranza impavida sotto qualsiasi tipologia di situazione metereologica. Come quella volta che per raggiungere i 10.000 passi ti sei coperta stile strega di Biancaneve per andare al supermercato e indugiare tra gli scaffali e corridoi a disposizione. Ovvio che il rischio maggiore, è quello di rimanere bloccate nel supermercato causa neve improvvisa.

Decidere di riordinare finalmente la cantina e quindi affrontare la rampa di scale che ti divide dal caos che hai lasciato marcire nella tua stanza del “non piacere”. Attenzione però, ricorda di non dimenticare il tuo conta passi. Se usi semplicemente un app sul telefono, non fare l’errore di dimenticarlo sul divano, altrimenti sarà tutta fatica sprecata.

Calcolare il numero esatto di passi che ti mancano per raggiungere quota 10.000. Diciamocelo, la matematica non piace a molte, ma quando si tratta di raggiungere un obiettivo così importante, diventiamo tutte John Nash. Tra pallottoliere, calcolatrice e lavagna con gessetti, studiamo tutte le combinazioni possibili perchè il nostro fitness tracker segni finalmente quota 10.000. Estenuante no?

Eppure, c’è un lato positivo nel tenere traccia del livello di attività quotidiana c’è: probabilmente ti renderà una persona più attiva. Ed è questo il concetto su cui dovresti concentrarti piuttosto che un numero su un conta passi. La cosa principale  è assicurarsi che qualche forma di esercizio sia parte integrante della tua vita.

Osteoporosi infantile, una cura è possibile

Punta alla disattivazione di un recettore osseo

Osteoporosi_2961.jpg

In alcuni casi l’osteoporosi colpisce anche i bambini. Un nuovo studio dell’Università di Hokkaido pubblicato sulla rivista Bone rivela la possibilità di una cura per la rara malattia attraverso la disattivazione del recettore osseo.

La cura per gli adulti colpiti dalla malattia si basa sull’assunzione di bisfosfonati, farmaci che rallentano l’attività delle cellule osteoclasti, quelle che distruggono l’osso recuperando i sali.

In questo modo, gli osteblasti, che invece promuovono la formazione ossea, possono lavorare più efficacemente. Tuttavia, i bisfosfonati possono influenzare in maniera negativa lo sviluppo delle ossa. I ricercatori giapponesi hanno scoperto l’efficacia, su modello murino, dell’inibizione di una proteina del recettore osseo nel trattamento dell’osteoporosi infantile. Il trattamento non causa problemi allo sviluppo osseo.

I rimedi per i neonati che soffrono di coliche

Ricerca studia gli interventi più efficaci

Neonati_1056.jpg

Se avete avuto a che fare con dei neonati è molto probabile che siate a conoscenza delle coliche infantili. Si tratta di una vera e propria sindrome che colpisce i bambini in particolare nei primi quattro mesi di vita e che si caratterizza per pianti inconsolabili ed eccessivi, privi di una causa specifica.

Le crisi di pianto sono spesso fonte di estrema preoccupazione e stress psico-fisico per i genitori, e in particolare per le madri, che spesso si rivolgono ai pediatri in cerca di soluzioni al problema. I ricercatori non sono molto concordi sull’incidenza del fenomeno, tanto che diversi studi offrono percentuali molto lontane, dal 3 al 40 per cento.

Anche per quanto riguarda le cause sono state avanzate ipotesi di vario tipo, di natura organica o comportamentale. Queste ultime sarebbero legate a una criticità nel rapporto madre-figlio, soprattutto a causa dell’ansia materna.

Non è un paese per sportive. Le Italiane pigre e poco inclini allo sport

Che brutto primato, ma purtroppo i numeri non sono opinabili e le italiane pigre sono davvero tante. come riportato da Sport Donna, sarebbero 1,4 miliardi gli adulti che non svolgono sufficiente attività fisica e passano troppo tempo seduti sulle loro poltrone.

La fonte  è un nuovo studio pubblicato su “The Lancet” e condotto da esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). L’Italia è nella lista nera, comparendo tra i primi 20 Paesi più “pigri” a livello globale.

Secondo i livelli raccomandati dall’Organizzazione, infatti, un uomo adulto dovrebbe svolgere ogni settimana almeno 150 minuti di attività ad intensità moderata o 75 minuti ad intensità più vigorosa. Tra i paesi peggiori si trova l’Italia, diciannovesima nella classifica della sedentarietà, con il 41% degli adulti che non svolge attività fisica a sufficienza. Il nostro Paese sarebbe, inoltre, caratterizzato da un’ampia forbice tra i due sessi: il 36,2% dei maschi non si muove abbastanza contro il 46,2% delle donne.

Se dunque ai vostri boy o mariti potete tranquillamente imputare di essere dei mammoni incalliti, dovete purtroppo dargli ragione quando vi dicono di muovervi un po’ di più.

In quasi tutti i paesi coinvolti, infatti, le donne sarebbero più sedentarie degli uomini. Nel 2016, circa una donna su tre (32%), contro il 23% degli uomini, non raggiunge i livelli raccomandati di attività fisica settimanale. Per attività fisica si intende non solo la pratica sportiva, ma anche il movimento che si svolge durante il lavoro domestico, quello effettuato negli spostamenti e nel tempo libero. Se praticate ai livelli raccomandati, tutto queste azioni sono associate ad una migliore salute fisica e mentale e ad un ridotto rischio di malattie croniche come quelle cardiovascolari, il diabete e alcuni tumori.

Linfoma di Burkitt, individuata una terza forma

Studio su bambini iracheni evidenzia nuova variante

Tumore mammario_9510.jpg

C’è una terza forma del linfoma di Burkitt. L’hanno scovata i ricercatori di Istituto Pasteur Italia, Università La Sapienza e Children’s Welfare Teaching Hospital dell’Università di Baghdad, coordinati dalla Prof.ssa Stefania Uccini.

Lo studio ha diagnosticato nei bambini iracheni una terza forma del Linfoma di Burkitt, caratterizzata da un’elevata incidenza di infezione da Epstein Barr Virus (EBV) e da prevalente localizzazione intestinale.

La collaborazione consente inoltre ai medici iracheni di uscire dall’isolamento causato da anni di guerra.

I linfomi sono tumori causati dalla proliferazione incontrollata dei linfociti, le cellule del sistema immunitario che contribuiscono a difenderci dagli agenti esterni.

Gli effetti dello stress in gravidanza

Conseguenze sullo sviluppo del bambino

Gravidanza_2987.jpg

Markers biologici di stress e di infiammazione nelle mamme durante il terzo trimestre di gravidanza sono associati ad outcomes alterati nel neonato.

Lo rivela uno studio italiano e britannico pubblicato su Psychoneuroendocrinology, che ha indagato le conseguenze sul feto dello stress e dell’umore materno in gravidanza.

Lo studio EDI (Effetti della Depressione sull’Infante), nato in collaborazione tra l’IRCCS Medea e il Research Department of Clinical Educational and Health Psychology dello University College di Londra, valuta gli effetti dello stress e dell’umore materno in gravidanza sullo sviluppo del bambino in un campione di 110 mamme e bambini sani reclutati negli ospedali Valduce di Como, Mandic di Merate, Fatebenefratelli di Erba e nel consultorio La Famiglia di Como e seguiti dalla gravidanza fino ai 3 anni di vita.

10 fitness trend del 2019 secondo gli esperti di settore

Secondo uno studio dell’American College of Sport Medicine, che ha coinvolto migliaia di personal trainer e professionisti del settore, selezionati a livello mondiale, ecco il 10 fitness trend che ci accompagneranno durante il corso di tutto il 2019.

Tecnologia da indossare. Smart Watches, fitness tracker, cardiofrequenzimetri e non solo saranno ancora sulla cresta dell’onda durante questo 2019. Del resto, monitorare è una parte fondamentale del proprio percorso fitness per raggiungere gli obiettivi prefissati, secondo i personal trainer.

    • Apple Watch Series 3 (GPS) con cassa 42 mm in alluminio Grigio Siderale e cinturino Sport Nero

    • Polar M430, Orologio GPS Multisport con Cardiofrequenzimetro Integrato Unisex-Adulto, Nero, M-L

  • Willful Fitness Tracker Smartwatch Orologio Cardiofrequenzimetro da Polso Donna Uomo Bambini Impermeabile IP68 Schermo a Colori Smart Watch Pedometro per iPhone Samsung Huawei Android iOS Smartphone