Cosa fare se non ti piace il taglio di capelli

Ma quanto è brutta quella sensazione post taglio di capelli in cui ti guardi allo specchio e realizzi che il tuo taglio di capelli non ti piace?? Se ancora non ci sei passata, ritieniti pure tra le poche elette fortunate. Se invece sei in quel 99,9% di coloro che almeno una volta nella vita, sono uscite dal parrucchiere in lacrime, sai di cosa stiamo parlando.

Se all’epoca, il misfatto poteva sembrarti un danno irreparabile e ti sei costretta ad solitari weekend chiusa in casa, con il senno di poi dovresti pensare di poter affrontare il malcapitato evento, cercando di non farne un dramma.  Comunque nel caso dovessi incappare nuovamente, in un brutto taglio di capelli ecco cosa fare:

E’ sempre una questione di relazione. Il parrucchiere è probabilmente la persona più importante dopo tua madre, quindi se hai un buon rapporto con lui/lei torna indietro e chiedi di riparare al danno fatto. Cerca di essere quanto più aperta e onesta possibile, senza essere però troppo dura (anche se in quel momento vorresti strangolarlo/a). Come i veri artisti molti parrucchieri non prendono benissimo le critiche al proprio lavoro.

Cerca di essere quanto più specifica possibile rispetto a ciò che non ti piace. Anche qui ti converrebbe fare un respiro profondo, e spiegare bene cosa non va, magari ti aspettavi un taglio più corto, piuttosto che il colore non è scuro come credevi, un feedback costruttivo è sempre la scelta migliore. Del resto se deve rimetterti le mani nei capelli, meglio essere accurata nella descrizione e soprattutto non irritarlo. Tieni in considerazione il fatto che magari i tuoi capelli possono non essere i più adatti al taglio che hai deciso di fare o forse non li stai trattando nella maniera appropriata rispetto al taglio che hai deciso di fare e una seconda visita può essere utile per aggiustare il tiro.

Se è il tuo primo appuntamento con il parrucchiere e sei davvero insoddisfatto, cerca un altro salone per far correggere il danno.  Se il danno è veramente così evidente hai tre opzioni: cambia parrucchiere, metti le extention oppure accorcia. Se non hai ottenuto il risultato sperato, hai la necessità di affidarti ad un hairstylist capace di trasformare un taglio brutto in un cambio di stile migliore. Non sarà gratis ma almeno ti darai una seconda possibilità di essere contenta del tuo taglio di capelli.

Artrite reumatoide, arriva tofacitinib

Farmaco in compresse per una terapia di seconda linea

Artrosi e artriti_14261.jpg

Arriva in Italia Xeljanz (Tofacitinib), farmaco in compresse per il trattamento dell’artrite reumatoide (AR) in fase attiva da moderata a severa in associazione con Metotrexato (MTX) in pazienti adulti che hanno risposto in modo inadeguato o sono intolleranti ad uno o più farmaci modificanti la malattia.

Può essere somministrato in monoterapia in caso di intolleranza a MTX o quando quest’ultimo non è appropriato.

Tofacitinib è il capostipite internazionale di una nuova classe di farmaci chiamati inibitori delle Janus chinasi (JAK) che agiscono a livello intracellulare interrompendo la trasmissione del segnale infiammatorio all’origine dell’artrite reumatoide.

Per l’autorizzazione al rimborso l’AIFA ha esaminato un completo programma di sviluppo clinico composto da 6 studi registrativi.

Carenza di proteine: 5 segnali che non dovresti ignorare

In generare, ma soprattutto per chi si allena, le proteine sono un macronutrients indispensabile. Il loro apporto per la crescita e riparazione muscolare è indiscusso, così come lo è per la salute di capelli, unghie e pelle Come spesso accade, non è così immediato capire se la quantità di proteine che ingerisci nell’arco della giornata sia sufficiente per il tuo specifico fabbisogno. Soprattutto se non sei abituata a leggere le informazioni nutrizionali degli alimenti e se non hai il supporto di un esperto.

Tuttavia ci sono dei segnali che possono indicarti una carenza di proteine, che possono essere eventualmente indicativi del fatto che non ne stai assumendo abbastanza

Mancanza di progressi rispetto all’allenamento che esegui

Sappiamo quanto ci tieni ai tuoi allenamenti per mantenere il tono muscolare o eventualmente aumentarlo, e l’assenza di progresso è una delle principali cause di abbandono di allenamento e palestre. E per quanto lato frutta e verdura siano in cima alla lista delle tue priorità alimentari, se non vedi i progressi sperati, potrebbe essere che non mangi abbastanza proteine. Leggi anche Menu per i muscoli: 4 macronutrienti per la massa muscolare

Le ferite guariscono più lentamente e spesso ti fai male

La lenta cicatrizzazione delle ferite può essere determinata da una carenza di proteine nella dieta. Di certo la cosa può essere imputata anche alle vitamine, mi siccome siamo certe che su frutta e verdura sei più ferrata che sulle proteine, potresti per esempio provare ad inserire proteine magre ad ogni pasto. Altro segnale di carenza di proteine, può essere il fatto che spesso ti fai male.Gli atleti che non consumano abbastanza proteine sono a più alto rischio di lesioni proprio perché le proteine sono un nutriente essenziale per promuovere la guarigione e la riparazione.

Spesso ti senti poco bene

 Le proteine supportano un sistema immunitario in grado di difenderti da attacchi di batteri e virus. Se non assumi abbastanza proteine potresti essere soggetta ad ammalarti più spesso.

    • BPR NUTRITION OAT PROTEIN PANCAKE 750 GR Original

    • Daily Life Gonuts - Cioccolata Spalmabile di Cacao e Nocciole - Con il 25% di Proteine del Siero Latte - 350 gr

  • Weider Pancake Mix, Banana, 600 g

Perdita di tono muscolare

L’eccesso di cardio di certo non supporta lo sviluppo muscolare, e se sei appassionata delle attività di questo tipo di conviene controllare le quantità di proteine assunte. Il muscolo ha bisogno di proteine per ripararsi e crescere dopo una sessione di allenamento, quindi se lo stai perdendo, è un segnale che non stai mangiando abbastanza proteine nella tua dieta.

Spesso, quando ciò accade, noterai anche che la tua composizione corporea potrebbe modificarsi: ciò è causato da un rallentamento del metabolismo. Meno muscoli hai, meno calorie ha bisogno per funzionare. Leggi anche 7 consigli per mantenere il tono muscolare anche quando non ti alleni

Perdita di capelli

Sebbene molti fattori possano contribuire alla perdita di capelli, la carenza di proteine può essere una di queste. Ciò è dovuto al fatto che i capelli, la pelle e le unghie non sono la priorità del corpo in tempi di carenza.

Il corpo si preoccupa della sopravvivenza e i capelli non sono necessari per questo scopo. Ciò può comportare una perdita di capelli più del normale quando fai la doccia, e potresti notare che anche le tue unghie diventano fragili. Leggi anche Come proteggere i capelli ed evitare che si spezzino durante l’allenamento

Cerca di includere una fonte proteica ad ogni pasto e di monitorare la quantità di proteine che mangi in modo da sapere se stai colpendo i tuoi numeri target su base giornaliera. Ci sono un sacco di app gratuite che rendono questo facile e senza problemi. Non affidarti troppo a nessuna singola fonte di proteine, prova a modificarle in modo tale da ricevere l’intero spettro di aminoacidi e anche tutte le vitamine e i minerali che li accompagnano in supporto ad una dieta variata ed equilibrata.

    • Supplemento Biotina Crescita Capelli, 365 Compresse (Fornitura Anno Intero) - 100% GARANZIA SODDISFATTI O RIMBORSATI - Nu U Alto Tenore biotina 10000 MCG MICROGRAMMI, Vitamina B7 per Capelli, Unghie & Pelle Sani - Adatto ai Vegetariani - Doppia forza rispetto ai 5000 MCG dei concorrenti

  • Integratore di Biotina Con Aggiunta Di Collagene, Zinco E Vitamina C, 180 Compresse (Fornitura Per 6 Mesi), Favorisce La Crescita dei Capelli, Biotina ad Alto Dosaggio 10000 mcg Con Aggiunta Di Collagene, Zinco E Vitamina C - La Vitamina B7 Contribuisce Alla Salute Di Capelli, Unghie E Pelle - Dosaggio Doppio Rispetto Ai 5000 mcg Dei Marchi Concorrenti

Sclerosi multipla, l’efficacia di Cladribina

Effetto ancora maggiore nei pazienti con malattia ad elevata attività

Sclerosi multipla_9836.jpg

Da uno studio apparso su Multiple Sclerosis Journal emerge l’efficacia di Cladribina compresse in soggetti affetti da sclerosi multipla, in particolare quella recidivante ad elevata attività di malattia.

“L’analisi fornisce preziose informazioni sull’effetto di Cladribina compresse su pazienti con evidenza di attività di malattia nonostante fossero in trattamento con terapie consolidate, così come su pazienti naïve con più recidive basali, che tendono a peggiorare nel tempo”, ha affermato il Prof. Gavin Giovannoni, ricercatore responsabile degli studi CLARITY e Professore di Neurologia presso la Barts and The London School of Medicine and Dentistry, Queen Mary University di Londra.

Cancro ai reni, efficace Cabozantinib

I risultati di uno studio di fase II sull’antitumorale

Tumore renale_13916.jpg

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l’estensione di indicazione di CABOMETYX (cabozantinib) compresse per il trattamento dei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato (RCC).

RCC è la più comune forma di tumore del rene negli adulti. La revisione e l’approvazione prioritaria da parte di FDA si è basata sui risultati dello studio randomizzato di fase 2 CABOSUN in pazienti con RCC precedentemente non trattati, che ha dimostrato un miglioramento clinicamente e statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto a sunitinib, uno degli standard di cura attuali. Tale approvazione da parte di FDA segue quella dell’aprile 2016 relativa all’approvazione del farmaco per il trattamento di pazienti con RCC avanzato che hanno precedentemente ricevuto una terapia anti-angiogenica.