Problemi di salute in chi è più alto di 1,75

Maggiori probabilità di sviluppare disturbi al sistema venoso

Varie_5371.jpg

Essere alti può rappresentare un vantaggio in molte circostanze, ma pare abbia un effetto negativo sulle probabilità di rimanere in salute. Lo afferma uno studio del VA Million Veteran Program, iniziativa del governo americano per capire i fattori che influenzano la salute.
Stando alle conclusioni dei ricercatori, essere più alti di 1,75 aumenta le probabilità di sviluppare problemi al sistema venoso e alle estremità. I medici americani hanno preso in esame i dati genetici di oltre 280.000 adulti, scoprendo che l’altezza è legata a una serie di benefici, ma anche a qualche rischio.
Uno dei pericoli maggiori è la neuropatia periferica, ovvero i danni ai nervi delle mani e dei piedi. La spiegazione dei ricercatori è che una maggiore quantità di massa corporea finisce per esercitare una pressione più intensa su ossa, muscoli e articolazioni.
L’eccessiva altezza sarebbe legata anche a …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | altezza, salute, cuore,

Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di sangue

Il 50 per cento dei pazienti mostra una necessità inferiore di trasfusioni

Anemie_8358.jpg

Dopo tre anni di trattamento con luspatercept, circa la metà dei pazienti riduce del 50% il fabbisogno di trasfusioni e il 12% ne ottiene l’indipendenza per più di due mesi. Questi due dei nuovi risultati dello studio BELIEVE, presentati a Vienna nella prestigiosa vetrina dell’EHA 2022, il congresso dell’Associazione Europea di Ematologia. Il nuovo farmaco, rimborsato dall’AIFA nel 2021, permette di ridurre di oltre il 30% la necessità di sangue, con un grande miglioramento della qualità di vita. La beta-talassemia è una malattia genetica trasmessa da due genitori asintomatici o portatori sani, che colpisce circa 7mila persone in Italia, 5mila nella forma più grave, la ‘major’. Richiede continue trasfusioni, ogni 2-3 settimane e per tutta la vita, con il rischio di incorrere in accumuli di ferro che possono danneggiare cuore, fegato e pancreas. Per questa ragione, devono essere assunti …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | talassemia, sangue, trasfusioni,

Aterosclerosi delle gambe, Covid ha rallentato le diagnosi

I pazienti arrivano dal medico con malattia in fase avanzata

Arteriosclerosi_11337.jpg

Sebbene le persone abbiano più familiarità con le conseguenze dell’aterosclerosi a livello di cuore (infarto) e cervello (ictus), questa malattia colpisce molto spesso anche gli arti inferiori (arteriopatia periferica, PAD), e con frequenza crescente, visto anche l’invecchiamento della popolazione. A soffrire di questa condizione, che interessa 40 milioni di persone in Europa e 200 milioni nel mondo, è un italiano su 10, dopo i 40 anni (nelle varie forme, da iniziale asintomatica, ad avanzata). È bene dunque imparare a riconoscerne segni e sintomi perché la terapia medica può solo rallentarne la progressione, ma non ‘cancellare’ il problema.
“Purtroppo questi due anni di Covid-19 – afferma Luca Santoro, presidente eletto della sezione Lazio-Molise della SIMI – sono stati drammatici da questo punto di vista. Stiamo vedendo un gran numero di pazienti con arteriopatia in fase avanzata, …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | aterosclerosi, gambe, Covid,

Enuresi notturna, le aritmie come possibile causa

Studio ipotizza il ruolo della disfunzione cardiaca

Varie_8154.jpg

Uno studio israeliano ipotizza che le aritmie cardiache possano svolgere un ruolo fondamentale nell’insorgenza dell’enuresi notturna. La ricerca, pubblicata su Heart Rhythm da scienziati dell’Università di Tel Aviv, è firmata da Sami Viskin, che spiega: «Se un individuo di norma continente sperimenta uno o più episodi di enuresi notturna, il medico in genere si orienta verso una diagnosi differenziale tra infezioni urinarie, malformazioni anatomiche, disturbi emotivi, epilessia, apnea notturna ed effetti di farmaci diuretici o sedativi».
A suggerire di indagare in profondità su un eventuale nesso con la disfunzione cardiaca è stato il caso di una morte improvvisa per sindrome del QT lungo di una donna di 23 anni che aveva avuto due episodi isolati di enuresi notturna, senza alcun altro sintomo: «Colpiti da questo evento abbiamo svolto un sondaggio anonimo su Internet chiedendo ai medici …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | enuresi, aritmie, cuore,

Lavarsi i denti fa bene anche ai polmoni

L’igiene dentale rende meno probabile le infezioni

Asma_7906.jpg

Ricordarsi di lavare bene i denti dopo ogni pasto è davvero fondamentale, e non solo per la nostra salute orale. Una serie di studi firmati da Randi Bertelsen dell’Università di Bergen, in Norvegia, suggerisce l’importanza dell’igiene orale anche per la salute dei polmoni.
Da tempo infatti si è scoperto che esiste un legame fra i batteri che causano le malattie gengivali e alcune malattie coronariche. Il sospetto più che fondato è che i microrganismi riescano a entrare nel circolo sanguigno raggiungendo il cuore. Ma i ricercatori norvegesi vanno oltre e affermano che la salute della bocca è connessa anche con le malattie polmonari.
«Lo scopo del progetto BruSH è proprio quello di esplorare il legame tra batteri orali e cattiva salute polmonare», spiega la dottoressa Bertelsen. «I batteri annidati nelle tasche parodontali profonde possono abbattere il rivestimento gengivale …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | denti, polmoni, igiene,

Gli energy drink mettono a rischio il cuore

I pericoli per la salute legati a un consumo eccessivo delle bevande

Varie_7923.jpg

Aumenta il consumo di bevande energetiche analcoliche e con esse anche i rischi per la salute cardiaca. Sempre più adolescenti, ma anche molti adulti, fanno uso di energy drink per reggere serate in discoteca o notti di studio full-immersion, oppure semplicemente per sostenere giornate impegnative. Secondo i più recenti dati europei dell’Efsa (European Food Safety Authority) 7 giovani su 10 (di età compresa tra 10 e 18 anni) e 3 adulti su 10, assumono queste bevande.
Prima di entrare nel dettaglio della ricerca scientifica considerata, c’è da fare una precisazione su che cosa siano esattamente le bevande energetiche. Ovvero bibite che contengono diverse tipologie di sostanze stimolanti, come caffeina, taurina, carnitina, vitamine del gruppo B etc. Da distinguere, invece, dalle bevande sportive (sport drink) che contengono solo sali minerali, senza sostanze eccitanti. Riguardo la caffeina, …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cuore, bevande, caffeina,

Perché mangiare le fragole? Scopri di più 

Ci siamo, è arrivato il momento di mangiare le fragole! Se ancora non sei convito e vuoi saperne di più ecco perché e come mangiare le fragole. 

Cosa sono le fragole?

Dal punto di vista botanico, le fragole sono le estremità allargate della pianta di fragola e le piccole sono in realtà i frutti. Tuttavia l’intero cuore rosso ricoperto di semi gialli è comunemente considerato il frutto. 

Perché mangiare le fragole? 

Da un punto di vista nutrizionale, ecco i dati per 150 grammi di fragole: 

  • 48 calorie
  • 1 g di proteine
  • 1 grammo di grassi
  • 11,5 grammi di carboidrati
  • 3 grammi di fibra
  • 7 grammi di zucchero

Le fragole sono ricche di flavonoidi, folati e antociani, che sono stati correlati ad una migliore salute del cervello

Ricche di vitamine e antiossidanti aiutano a combattere i radicali liberi e danni dello stresso ossidativo, che può portare a problematiche di varia natura in particolare all’apparato cardiovascolare. 

Sono fonte di ferro come altre tipologie di alimenti come gli spinaci e la quinta e per questo importantissime per i vegani e i vegetariani. 

Come mangiare le fragole?

Le fragole ci piacciono sempre e comunque. Al naturale  sono davvero il top. 

Tuttavia ci piace anche variare, e aggiungere le fragole ai piatti che porti in tavola oppure in una box, può alzare il livello di pranzi, cene e spuntini. 

Risotto alle Fragole per una ricetta afrodisiaca. L’abbiamo presentata qualche anno fa, ed è un must per una ricetta con il giusto mix tra romanticismo e passione.

Spuntino. Certo, le fragole sono uno spuntino veramente facile da portare dietro. Tuttavia per uno spuntino veramente equilibrato puoi provare ad abbinarle ad un uovo sodo, così da apportare il giusto mix di nutrienti alla tua pausa.

Frullati ed estratti. In questo caso le fragole sono un vero e proprio jolly. Il trucco numero uno per utilizzare le fragole per frullati ed estratti è quello di congelarle per poi utilizzarle all’occorrenza.

Insalate. Qualcuna forse storcerà il naso, altre già hanno un mente una ricettina, ma il modo migliore è quello di tagliarle a fettine e mixarle ad un po’ di rucola,fiocchi di latte e quinoa. Un po’ di pepe ed olio e il gioco è fatto.

Torte e dolci fit e non. Diciamo che siamo sempre nell’ambito di spuntini e colazioni, però a chi non è mai capitato di fare un tortino fit con aggiunta di fragole? Oppure avete già provato a fare il nostro tiramisù light alle fragole? 

Ricetta tiramisù light alle fragole
Ricetta tiramisù light alle fragole

L’emicrania e il buco nel cuore

Correlazione fra mal di testa con aura e difetto cardiaco congenito

Varie_7772.jpg

Uno studio del Centro Cardiologico Monzino e Università Statale di Milano, pubblicato oggi sul prestigioso Journal of American College of Cardiology Basic to Translational Science (JACC BTS), spiega per la prima volta il meccanismo fisiopatologico che correla l’emicrania con aura al difetto cardiaco congenito del Forame Ovale Pervio (PFO) – comunemente chiamato “buco nel cuore” – cioè la mancata chiusura totale alla nascita della comunicazione tra atrio destro e sinistro del cuore.
Lo studio conferma inoltre i dati già noti di regressione delle crisi emicraniche in circa il 70% dei casi a seguito dell’intervento percutaneo di chiusura del forame ovale.
Infatti, diversi studi osservazionali avevano già evidenziato una relazione fra emicrania con aura e PFO, segnalando che circa il 35% dei soggetti affetti da PFO soffre di emicrania con aura (per il 70% sono donne) e che in questi …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | emicrania, aura, cuore,

Covid causa un aumento del rischio cardiovascolare

Studio dimostra la compromissione della funzione endoteliale

Varie_9226.jpg

Studi condotti durante la pandemia da COVID-19 hanno dimostrato che la sintomatologia di questa malattia è dovuta principalmente all’azione del virus sull’endotelio, tessuto che riveste le pareti interne del cuore e dei vasi sanguigni e modula l’aggregazione piastrinica, i processi coagulativi, la risposta all’infiammazione, regola le resistenze vascolari, protegge dall’effetto nocivo dei radicali liberi dell’ossigeno.
La sperimentazione, condotta sui pazienti COVID ricoverati nella terapia sub intensiva dell’ospedale Cotugno di Napoli, grazie ad una collaborazione scientifica tra l’Ospedale Cotugno, il consorzio ITME (International Translational Research and Medical Education), creato dall’Università Federico II, in collaborazione con l’Albert Einstein Institute of Medicine di New York, e con l’importante coinvolgimento di Damor, storica azienda farmaceutica italiana, ha confermato il …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | L-Arginina, Covid, virus,

Le unghie ci dicono se il cuore è a rischio

L’ippocratismo digitale potrebbe rivelare il rischio di infarto

Varie_7828.jpg

La sofferenza cardiaca potrebbe essere rivelata dall’ippocratismo digitale, una condizione che colpisce le mani detta anche “dita a bacchetta di tamburo”.
A segnalarlo sono gli esperti del National Health Service del Regno Unito.
L’ippocratismo digitale, condizione che causa un ingrossamento delle estremità delle dita delle mani o dei piedi e altera l’angolo alla base dell’unghia, può essere sintomo di vari problemi di salute.
Nelle dita a bacchetta di tamburo le terze falangi distali delle dita di mani e piedi risultano ingrossate e le unghie deformate nella struttura e nel profilo a causa di una progressiva perdita dell’angolo del letto ungueale. Normalmente, il dito presenta un’angolazione di 160 gradi, ma il dito ippocratico ha un’angolazione di 180 gradi. Secondo gli esperti inglesi, l’ippocratismo digitale è la conseguenza di una malattia che compromette il sistema …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | unghie, cuore, ippocratismo,