Make up occhi grandi: 9 step per raggiungere l’effetto desiderato

Gli occhi grandi sono spesso associati alla giovinezza, alla salute e alla bellezza. Tuttavia non tutte siamo note con grandi e dolci occhi da cerbiatta, ma il make up occhi senz’altro ci può venire incontro.

Make up occhi grandi: 9 step per raggiungere l’effetto desiderato

Per prima cosa rendi definite le sopracciglia. Sono la cornice dell’occhio e puntano i riflettori su quest’ultimo. Sembra che quando le sopracciglia sono ben definite le persone hanno come l’impressione che i tuoi occhi siano più grandi.

Aggiungi un po’ di dimensione. Utilizza un make up mat di un colore che metta in risalto i tuoi occhi nella parte immediatamente superiore alla palpebra e inferiore alle sopracciglia.

Aggiungi luce all’angolo dell’occhio. In questa maniera darai l’impressione di avere un occhio più aperto e sveglio.

Utilizza un colore chiaro e luminoso sulla palpebra. Anche in questo caso, siccome utilizzare un colore scuro rende i tuoi occhi più piccoli, utilizzare un colore chiaro renderà il tuo sguardo più aperto.

Utilizza una matita di colore chiaro da mettere nella parte inferiore e interna dell’occhio. In questo caso l’effetto che si vuole ottenere, è quello di una maggiore superficie occupata dal bianco dell’occhio.

Metti il mascara anche sulle ciglia inferiori. Molte saltano questo passaggio, ma se non esageri puoi mettere in risalto la parte inferiore dell’occhio.

“Fai la piega” alle ciglia. Utilizza un piegaciglia. sollevando le ciglia infatti il tuo occhio permetterà di rendere più aperto il tuo sguardo.

Applica il mascara sulle ciglia superiori. Questo è ovviamente quello che facciamo tutte noi, ma la cosa che dovresti sapere è che ti conviene farlo subito dopo aver utilizzato il piega ciglia, per dare maggiore definizione

Ogni tanto utilizza ciglia finte. Ovviamente senza esagerare, e cerca di acquistare un prodotto che sembri quanto più naturale possibile. Se i tuoi occhi sono leggermente chiusi, è l’ideale per rendere più evidenti gli occhi se sono coperti dall’arcata sopracciliare.

Il menù per la Befana

Idee per il pranzo dell’Epifania

Varie_10751.jpg

Quando si parla di Befana si pensa subito ai dolci, è ovvio. Ma sarà bene anche prepararsi per il pranzo e magari mettere in campo qualche nuova idea dopo i cenoni tradizionali dei giorni passati. Ecco un menù sfizioso e facile da preparare.

Come primo piatto un risotto al cacao.

Questi gli ingredienti per 4 persone:
– 30 grammi di burro;
– 300 grammi di riso carnaroli;
– 4 cucchiai di panna da cucina;
– mezza cipolla;
– 1 bicchiere di vino bianco secco;
– brodo di carne;
– grana padano;
– 1 cucchiaio di cacao amaro di ottima qualità.

Dopo aver soffritto la cipolla con un pezzettino di burro in una padella sufficientemente grande, aggiungete il riso facendolo tostare nel soffritto e mescolandolo continuamente. Versate il vino e fatelo evaporare, poi iniziate la cottura del riso aggiungendo brodo caldo di tanto in tanto.

Come scegliere il panettone giusto

Le cose da sapere sul dolce di Natale più famoso

Varie_13742.jpg

Nonostante l’abbondanza che sempre contraddistingue le tavole degli italiani durante il Natale, in fatto di dolci il panettone domina incontrastato o quasi. È di gran lunga il dolce di Natale più venduto e desiderato, ma lo conosciamo veramente?

Innanzitutto, è bene sapere con cosa si ha a che fare da un punto di vista di valori nutrizionali. Una fetta da 100 grammi di panettone fornisce in media 333 calorie, con un apporto energetico largamente sbilanciato a favore di carboidrati (63 per cento) e grassi (29 per cento), mentre le proteine rappresentano soltanto il 9 per cento del prodotto.

Si tratta quindi di un alimento piuttosto pesante, con un apporto di lipidi considerevole soprattutto per la presenza di burro fra gli ingredienti. Il burro è notoriamente ricco di acidi saturi e di colesterolo, di conseguenza questi ingredienti si trasferiscono anche nel panettone.

Ricetta torta in padella all’ananas con avena e latte di mandorla

Non è esattamente una ricetta torta in padella all’ananas di quelle fit, ma senz’altro una variante light che soddisfa la tua voglia di dolce, senza senso di colpa. Ideale per la colazione.

Ingredienti ricetta torta in padella all’ananas con avena e latte di mandorla

  • 270gr di avena
  • 70gr di stevia
  • 100 ml di latte di mandorla non zuccherato
  • 50 ml extravergine oliva
  • 50ml succo di ananas ( se hai tempo di farlo fresco anche meglio)
  • 3 uova
  • Ananas 365 gr
  • 3/4bustina di lievito
  • 1 cucchiaino estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaio di stevia
  • 1 noce di burro

Come procedere

  • Metti le fette di ananas tagliatele se preferite sul fondo della padella dopo averla leggermente imburrata
  • Prepara l’impasto mescolando uova, stevia, estratto di vaniglia e buccia di limone
  • Aggiungi olio, latte, la farina e il lievito
  • Unisci le parti restanti dell ananas.
  • Versa il composto nella padella, coprila e mettila sul fuoco tenendo una fiamma bassa
  • Muovi di continuo la padella durante la cottura (circa 20 minuti).

Ricetta torta light con farina di canapa e mele

Sempre in vena di sperimentazioni, la ricetta della torta light con farina di canapa e mele, rientra nell’ambito di quelle ricette realizzate sulla scia della curiosità. Il risultato? Una torta super soffice, dal sapore per nulla scontato. Una valida alternativa ai soliti dolci. Ecco la ricetta.

Ingredienti Ricetta torta light con farina di canapa e mele

  • 200gr farina integrale o avena
  • 70gr farina di canapa
  • 2500ml acqua
  • 70/80gr stevia o dolcificante a scelta
  • 40ml olio di arachidi o oliva
  • 1bustina di lievito in polvere
  • 1pizzico di sale e vanillina a volontà

Come procedere

  • Prima di procedere con la preparazione vera e propria taglia a fettine sottili le mele, e mettile a macerarle con limone cannella, 2 cucchiai di dolcificante/stevia
  • Miscelare tutti gli ingredienti secchi setacciando con attenzione le farine ed il lievito,
  • In una ciotola miscelare i liquidi ed emulsionare
  • Aggiungere i liquidi alle farine, senza lasciare grumi
  • In ultimo aggiungete le mele (lasciane qualcuna per decorare la torta)
  • Versare il contenuto in una teglia e aggiungervi le ultime mele rimaste spolverare di cannella
  • Infornare per 40minuti a 160

Ricetta light crostatine del buonumore

Ricetta light crostatine del buonumore: frolla integrale all’avena per crostate

  • 130gr farina integrale
  • 130gr farina avena
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • 70/90gr di Stevia(dipende quanto dolce la volete ,io ne utilizzo 70)
  • scorzetta di limone
  • 40ml acqua
  • 40ml di olio extravergine u
  • un pizzico di vanillina
  • Una bustina lievito vanigliato per dolci

    • Fior di Loto Farina Integrale di Avena - 500 gr - [confezione da 6], Biologico

    • Garofalo Farina Integrale, di Grano Tenero - 1 kg

  • ZeroCal Stevia 1:1 - 1kg - potere dolcificante uguale allo zucchero tradizionale

Come procedere

  • Unire alla farina lo zucchero le uova e i liquidi
  • Aggiungere in ultimo la vanillina il lievito e il limone
  • La frolla non necessita di riposo
  • Creare la vostra crostata e guarnire con marmellata senza zuccheri

Ricetta Bon Bon Fit Cocco e Cacao

La cosa più difficile da fare quando si cerca di seguire una sana e corretta alimentazione è rinunciare ai dolci! Ecco quindi  la ricetta bon bon fit cocco e cacao per far felice chi come me proprio non può fare a meno di una coccola sweet e nello stesso tempo non ama  passare del tempo in cucina. Servono meno di 5 minuti e solo 3 ingredienti per realizzare uno snack dolce!

Ingredienti Ricetta Bon Bon Fit Cocco & Cacao

  • 250gr di ricotta di vaccino, fate colare il liquido (quindi acquistarla magari un giorno prima)
  • 200gr farina di cocco
  • 30/40gr Stevia (se li preferite meno dolci 30 è perfetto)

Come procedere:

  • Mescolare tutti gli ingredienti
  • Quando il composto ti sembrera compatto, crea con le mani delle palline
  • Passarle nel cacao amaro per creare i bon bon fit o se preferisci nella farina di cocco
  • Servire con un buon caffè

Come avere un lato B tonico e diminuire la dimensione delle gambe.

Se sei alla ricerca di miracoli e pozioni magiche, sappi che il fitness non ti viene di certo in aiuto: il DNA non lo modifichi.Sebbene le dimensioni delle gambe e del lato B dipendano in larga parte dalla genetica, lavorare sulla perdita totale di massa grassa può aiutarti nel tentativo di sfinare le gambe, e allenare i glutei in maniera appropriata può aiutarti a sviluppare un lato B tonico e a prova di bikini.

L’unica cosa che devi tenere sempre a mente è il fatto di essere realistica nelle aspettative.

La massa grassa in eccesso ti fa sembrare più grossa di quello che in realtà sei. E questa considerazione è valida per tutto il corpo. Siccome è altamente improbabile che tu possa prendere di mira una sola zona del corpo e perdere del grasso in eccesso localizzato, dovrai impegnarti per riequilibrare le proporzioni di massa grassa e massa magra su tutto il corpo.

In questo processo dovrai prestare attenzione a due macro aree:

Alimentazione: Per perdere massa grassa in eccesso devi raggiungere uno stato di deficit calorico. Nota: confidiamo nella tua intelligenza nel prendere quest’informazione come generica, e affrontare con un esperto il percorso in questione, ricordandoti che gli eccessi non vanno mai bene.

In linea generare dovrai sbarazzarti del cibo spazzatura, dolci, bevande gassate e fare il pieno di verdura fresca, frutta, proteine magre e carboidrati dal basso indice glicemico, moderare il consumo di prodotti caseari e introdurre nell’alimentazione grassi buoni a base vegetale.

Allenamento: Che si tratti di saltare la corda, andare in bicicletta, correre, il cardio è un tassello fondamentale del tuo percorso per raggiungere l’obiettivo di perdere grasso in eccesso, al netto di una dieta equilibrata. Abbinarlo poi con allenamenti di resistenza è l’equazione perfetta per per raggiungere il tuo obiettivo: i muscoli hanno una capacità metabolica più alta rispetto al grasso. Più muscoli hai più velocemente il tuo corpo brucia grasso. Anche a riposo. E allenare i muscoli più grandi del corpo come i glutei, di certo è uno step che non puoi saltare.