Come bruciare più calorie con il total body senza attrezzi

Se sei curiosa su come bruciare più calorie , ti proponiamo un allenamento davvero intenso total body senza attrezzi, da eseguire dove preferisci.

A casa, al mare, al parco o anche in palestra, l’unica cosa di cui avrai bisogno è tanta voglia di sudare e bruciare calorie.

Come bruciare più calorie con il workout senza attrezzi

Ovviamente prima di intraprendere un workout intenso, ti suggeriamo di verificare di essere nelle condizioni di fitness e di salute per poterlo eseguire.

Esegui gli esercizi di seguito elencati per il numero di ripetizioni indicato, per un minimo di tre round e un massimo di 5 round. E per le più allenate? Bonus alla fine dell’allenamento.

20 push up

  • Mettiti con la pancia piatta al suolo, il peso dovrebbe essere sul petto.
  • Posiziona le braccia a larghezza spalle con i palmi che fanno pressione sul suolo.
  • I gomiti devono essere rivolti verso i piedi.
  • Molto importante è assumere una posizione che ti permetta di eseguire l’esercizio.
  • Se sei già un po’ allenata, puoi provare a distendere le gambe all’indietro facendo pressione sull’avampiede.
  • Se invece ti stai approcciando per la prima volta all’esercizio, puoi portare all’indietro le gambe e fare leve sulle ginocchia.
  • In entrambe i casi, la posizione della parte superiore non cambia.
push up esercizio total body
push up esercizio total body

30 affondi saltati

  • Posiziona l’elastico al di sotto dei glutei
  • Partendo da una posizione di deep squat
  • Salta e atterra gentilmente in squat.
  • Continua a saltare in un movimento continuato e fluido in per il numero di ripetizioni indicato

10 burpees 

  • In piedi, abbassati in squat poggiando le mani al pavimento davanti a te.
  • Con un saltello porta indietro i piedi e raggiungi la posizione di push up e immediatamente porta il petto verso il pavimento, senza toccarlo (eseguendo quindi un push up).
  • Porta il petto in alto e riporta i piedi in avanti ritrovandoti così nuovamente in posizione di squat.
  • Immediatamente esegui uno squat saltato
  • Questa conta come una ripetizione (purtroppo!)

40 squat 

  • Mantieni il busto dritto e la spina dorsale neutrale
  • Spingi i glutei verso l’esterno, e immagina che ti stai per sedere mentre strizzi i glutei
  • Attiva l’addome mentre esegui l’esercizio e stendi le braccia in avanti per aiutarti nell’attivazione muscolare e con l’equilibrio
  • Le gambe dovrebbero essere divaricate in maniera tale che l’apertura sia uguale alla distanza tra le spalle, talloni fermamente piantati per terra.
Sumo Squat - Squat Challenge
Sumo Squat – Squat Challenge

Se dopo aver compiuto dai 3 ai 5 giri di questo mini circuito total body per bruciare più calorie, ancora senti di avere energie, prova ad aggiungere 2km di corsa.

Sei pronta per l’allenamento?

7 modi per bruciare più calorie nel post workout
7 modi per bruciare più calorie nel post workout

L’attività fisica ritarda il Parkinson

Decorso clinico migliore per chi rimane attivo

Fitness_14593.jpg

Uno studio apparso su Neurology sostiene che l’attività fisica è utile per migliorare il decorso clinico della malattia di Parkinson. Chi si mantiene attivo ha maggiori probabilità di un’evoluzione più lenta della malattia, e valgono come attività anche le faccende domestiche.
«I nostri risultati sono entusiasmanti perché suggeriscono che potrebbe non essere mai troppo tardi per una persona con Parkinson per iniziare un programma di esercizi per migliorare il decorso della malattia», spiega Kazuto Tsukita, dell’Università di Kyoto in Giappone e dell’Accademia Americana di Neurologia, primo nome dello studio.
«Questo perché abbiamo scoperto che per rallentare la progressione della malattia, era più importante per le persone con Parkinson mantenere un programma di esercizi piuttosto che essere attive all’inizio della malattia», prosegue l’esperto.
Gli scienziati hanno preso in esame …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Parkinson, attività, fisica,

Sottogluteo rilassato 4 esercizi da fare per risollevarlo

Il sottogluteo rilassato è un inestetismo che affligge la maggior parte delle donne. Niente che non possa essere migliorato se non con duro lavoro e tanta pazienza.

Se sei tra coloro che passano la maggior parte della giornata seduta in macchina o ad una scrivania, il gioco si farà ancora più difficile.

Che dire poi se sei tra coloro che l’acqua la bevono solo in estate?  Insomma un sottogluteo rilassato è anche il risultato di una serie di abitudini non proprio salutari. 

Di seguito un allenamento da provare. 

Sottogluteo rilassato 4 esercizi da fare per risollevarlo

L’allenamento va eseguito con due manubri ed è un allenamento ad alta intensità. Ti ricordiamo di essere sempre sicura di poter eseguire l’allenamento.  Esegui 4 set da 12 ripetizioni per ogni esercizio 

Come sempre ti serviranno:

  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua
  • pesetti/kettlebell

Stacchi con manubri

  • In piedi, separa leggermente le gambe impugnando i manubri davanti ai fianchi, con i palmi rivolti verso le cosce.
  • Attiva le scapole e mantieni la schiena in posizione neutrale.
  • Inspira portando indietro i fianchi, abbassandoti sulle ginocchia e portando i manubri verso il basso fin quando la parte superiore del corpo non è parallela al pavimento.
  • Espira mentre esegui in maniera inversa il movimento per tornare nella posizione di partenza.
  • Durante l’arco del movimento tieni i manubri attaccati al corpo.

Stacchi con Manubri : esercizio funzionale per un corpo scolpito

Kettlebell swing 

 Per eseguire correttamente l’esercizio è necessario attivare il muscolo grande dorsale, portando indietro le spalle e facendo dondolare il kettlebell in mezzo alle gambe.

  • Ovviamente non mandare in ipertensione la parte posteriore delle ginocchia, ma in ogni caso dovresti stendere le ginocchia completamente, facendo leva sulla contrazione dei quadricipiti.
  • Se non pieghi le ginocchia nella fase di swing, durante il quale il peso e tra le gambe leggermente indietro rispetto al corpo, rischi di porre stress inutile e dannoso sui femorali e sui lombari. Piegare le ginocchia ti permette di caricare in maniera corretta i fianchi.
  • Portare indietro il peso, tenendolo quanto più vicino all’inguine, per facilitare il movimento cerniera/deadlift evitando di eseguire uno squat.

Come eseguire swing senza kettlebell a casa

Hip thrust da terra 

  • Posiziona i palmi delle mani per terra e tieni ben piantate le piante dei piedi 
  • Distendi le braccia e nello stesso tempo porta il bacino verso l’alto. 
  • Le ginocchia diventeranno perpendicolari alle caviglie
  • Ti troverai in posizione di ponte
  • Ritorna con un movimento fluido nella posizione di partenza. 
  • Continua ad eseguire l’esercizi per il numero di ripetizioni indicato

Single leg bridge su manubrio 

Esercizio formidabile per allenare glutei e muscoli posteriori della coscia, sia nella versione libera da pesi che con un peso posizionato sul bacino.

  • Distesa per terra posiziona il tallone sul manubrio e distendi la gamba opposta verso l’alto.
  • Ti ricordiamo di eseguire l’esercizio su manubri le cui estremità siano sfaccettate e non rotonde. Altrimenti non riuscirai ad eseguire l’esercizio.
  • Facendo partire il movimento dal tallone, porta i fianchi quanto più lontano possibile dal pavimento. Successivamente abbassa i fianchi fino a raggiungere una posizione intermedia tra la massima estensione e il pavimento. Questa va considerata come una ripetizione. Completa le ripetizioni prima di passare all’altra gamba

Maddalena Corvaglia : consigli per workout da fare in ufficio

Maddalena Corvaglia, al pari di Elisabetta Canalis, ha sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è fitness, benessere , vita sana e positive mindset  Non è un caso che il suo slogan su Instagram sia Fit Fast & Fun. 

A noi di fitinhub piace molto, perché è tra quei pochi gipponi italiani, baciati si dalla natura, ma nello stesso tempo impegnata a portare avanti uno stile di vita sano. 

Il workout da fare in ufficio di Maddalena Corvaglia. 

Con l’estate dietro l’angolo (stiamo già facendo il conto alla rovescia) si moltiplicano come conigli i workout da fare per rimanere in forma.

Anche Maddalena Corvaglia ha pubblicato con un video tutorial, un workout facile da eseguire, adatto a qualsiasi livello di allenamento. 

Il fatto che si possa eseguire in ufficio, è discutibile. Ma abbiamo capito la metafora: è un workout da fare tranquillamente seduti. 

L’unico attrezzo di cui si avrà bisogno è una fascia elastica. La resistenza varia a seconda della singola capacità di eseguire in maniera corretta l’allenamento. 

Come sempre ti ricordiamo di verificare di essere nelle condizioni di salute e fitness per poter eseguire l’allenamento. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MADDY• FitFast&Fun (@maddalena_corvaglia)

Ecco i primi quattro esercizi da svolgere con una fascia elastica.

SPALLE : alzate laterali , 30 secondi Porta su le braccia lateralmente, fino all’altezza delle spalle. Mi raccomando controlla anche la discesa.

BICIPITI : 30 secondi Gomiti fermi, il più possibile attaccati al busto, porta su le mani controllando la discesa .

TRICIPITI, CUFFIA DEI ROTATORI : 30 secondi ( each)Esercizio fenomenale per rinforzare parte della la muscolatura che proteggere la cuffia dei rotatori.

SPALLE / DELTOIDI : alzate diagonali 30 secondi . A differenza delle alzate laterali, le alzate diagonali compiono un movimento completo, Che supera l’altezza della spalla.

Termina il workout con un consiglio/trucchetto da vera fitnesslover:

“Non bisogna mai sottovalutare la parte superiore del busto, anche perché ricordati che le spalle più larghe fanno apparire i fianchi più stretti.”

Come allenarsi bene in palestra

Come allenarsi bene in palestra, quando non si ha un personal trainer, è piuttosto complesso. Soprattutto se si è alle prime armi.

Tuttavia ci sono alcuni punti da tenere sempre bene a mente, prima di intraprendere un allenamento in palestra.  Di seguito una lista di cose da fare e da non fare.

Come allenarsi bene in palestra

Possiamo riassumere le cose da fare per allenarsi in palestra in circa 6 punti. 

Impara ad utilizzare la forma corretta per gli esercizi che esegui. In assenza del personal trainer, qualsiasi palestra che si rispetti ha un trainer di sala a cui poter chiedere o affidarsi per qualche indicazione. 

Tuttavia vi possiamo suggerire anche di informarvi in prima persona, da fonti attendibili, come eseguire nella forma corretta gli esercizi.  Eseguire in forma corretta gli esercizi comporta risultati visibili in un lasso di tempo relativamente inferiore. 

Interval Training: 4 modi di strutturarlo e renderlo efficace

Solleva il giusto carico di pesi. Anche nel caso della gestione del carico, non è proprio semplice regolarsi. Il suggerimento è quello di utilizzare un peso che ti permetta di eseguire in forma corretta fino alle 12-15 ripetizioni. Man mano che l’esercizio con un determinato carico e numero di ripetizioni diventa particolarmente semplice, puoi aumentare il carico. 

Rimani concentrata. L’allenamento in palestra, soprattutto con un determinato tipo di carichi, andrebbe eseguito con la dovuta concentrazione. Focus sull’esercizio che si sta eseguendo e sul muscolo coinvolto, sono la giusta base per allenarsi bene in palestra 

Non ignorare la respirazione. Bistrattata dalla maggior parte dei palestrati e palestrate amatoriali, al respirazione è una componente importantissima del workout. Anche qui vi suggeriamo di chiedere in base all’esercizio all’istruttore di sala. 

fitinhub
fitinhub

Non saltare il riscaldamento o lo stretching finale. Anche in questo caso, si tende a glissare. Sbagliatissimo! Non farti prendere dalla noia, iniziare un allenamento in palestra senza l’adeguato riscaldamento, si può tradurre facilmente in infortunio. 

Non strafare e non avere fretta. Sollevare pesi non è uno scherzo, per tanto prenditi il tempo di gestire il tuo allenamento in palestra senza avere fretta. Di certo accorciare i tempi per fare più cose non minor tempo possibile, non ti aiuterà a raggiungere i risultati quanto prima. 

In generale, se sei alle prime armi e sei indecisa su come allenarsi bene in palestra, ti suggeriamo di affidarti sempre in prima battuta ad un trainer esperto. 

Addominali bassi: falso mito?

Si sente spesso parlare di Addominali alti e addominali bassi. Ma ti è mai venuto in mente che la suddivisione potrebbe essere solo indicativa?

Di certo sarai tra coloro (comprese noi) che guardandosi allo specchio e unendo pollice e indice della mano ho provato a darsi un pizzicotto proprio sotto l’ombelico, riuscendo senz’altro a prendere qualcosa.

Quello che devi sapere è che l’accumulo di massa grassa nella parte bassa dell’addome è piuttosto comune. E di certo non definisce la funzionalità o la forza dell’addome stesso. 

Addominali bassi. Falso mito?

Tornando alla questione relativa degli addominali bassi, siamo spiacenti di informarti che non esistono. Esiste un unico muscolo chiamato Retto dell’addome che erroneamente viene suddiviso in addominali alti e addominali bassi, ma che percorre il corpo a partire dallo sterno al bacino.

Quali sono gli esercizi quindi per allenare gli “addominali bassi”? 

Anche in questo caso non esistono esercizi che ti fanno allenare in maniera isolata i muscoli della parte bassa dell’addome. 

Tuttavia ci sono alcuni esercizi che ti permettono di allenare in maniera completa l’addome, con un focus sulla parte bassa. Ecco i migliori: 

Plank

  • Una volta raggiunta la posizione corretta inspira attraverso il naso.
  • Dovresti sentire tutti i muscoli del corpo che si attivano.
  • Addome, glutei e muscoli delle gambe sono tutti attivi durante l’esecuzione dell’esercizio.
  • Espira buttando fuori l’aria dalla bocca.
  • L’obiettivo è quello di attivare tutti i muscoli coinvolti, e naturalmente rilassarli quando butti fuori l’aria.
  • Prosegui quindi con la respirazione per tutta la durata dell’esercizio.

Plank

Leg raise

  • Sdraiata per terra solleva le gambe in maniera che scendano perpendicolari al bacino
  • Porta le braccia verso l’alto in maniera che siano perpendicolari alle spalle
  • Con un movimento tipo crunch, quindi sollevando le spalle da terra, fai si che le mani arrivino a toccare la punta dei piedi
  • Attenta a non sforzare il collo mentre esegui il movimento
  • Esegui il movimento per 3 set e 15 ripetizioni

Leg raise

Mountain climbers 

  • Inizia in posizione plank con braccia tese ed entrambe i piedi per terra
  • porta il ginocchio destro verso il petto
  • porta il ginocchio indietro e torna in posizione di partenza
  • ripeti il movimento con il ginocchio sinistro

Mountain Climbers

Hollow Body 

  • Sdraiata sul pavimento, porta le braccia dietro la testa, gambe lunghe e cosce ben tese.
  • Attiva gli addominali a dovere spingendo la schiena verso il pavimento.
  • Solleva le braccia, testa , collo e gambe di diversi cm.
  • Esegui l’esercizio diverse volte per abituarti al movimento.
Atleta: Paola Menale

Gli addominali bassi sono una questione di genetica?

Come spesso abbiamo ricordato, il raggiungimento degli obiettivi spesso dipende anche dalla genetica. Il concetto è valido soprattutto nel caso degli addominali. In ogni caso uno stile di vita sano e una alimentazione corretta ed equilibrata (unita all’allenamento, possono aiutarti nell’avere un addome più tonico e allenato. 

Gambe Toniche senza Cellulite. La guida definitiva.

Gambe toniche senza cellulite è uno degli obiettivi fitness che ogni anno ci prefissiamo di raggiungere nel breve termine, ovvero inizio estate.

Qui a fitinhub siamo abbastanza disincantate rispetto ai cosiddetti “risultati miracolosi in pochi giorni”. Per ottenere dei risultati che durino nel tempo, è necessario appunto del tempo.

Di seguito la nostra guida definitiva da salvare e ricondividere, per ricordarsi sempre che gambe toniche senza cellulite non si ottengono dalla mattina alla sera. 

Gambe Toniche senza Cellulite. La guida definitiva.

Quanto tempo ci vuole per avere gambe toniche con l’allenamento?

Partiamo dalla questione centrale: il tempo. Com’è ben noto quando si tratta di risultati in termini di forma fisica, non esiste una formula magica che può andar bene per tutte. Diciamo l’allenamento da solo ti mette sulla strada giusta per raggiungere i risultati sperati, ma necessita di essere accompagnato da una sana e corretta alimentazione. Evitare cibo spazzatura e gambe sempre in allenamento sono senz’altro un buon inizio. Il tempo di darà ragione. 

Cosa fare per avere gambe toniche senza cellulite con l’alimentazione?

Riprendendo il paragrafo precedente, aggiungiamo qualche dettaglio allo schema alimentare. Vegetali, fibre, cerali integragli, tè verde e soprattutto molta acqua, dovrebbero essere alla base della tua alimentazione. Niente cibo spazzatura o bibite gassate. Come eliminare la cellulite dalle cosce? 5 alimenti che non possono mancare nel tuo frigo

Quali esercizi scegliere per avere gambe toniche?

Qui il mondo del fitness si divide. Possiamo dire che l’esercizio numero 1 (e sul quale non si discute) sono gli affondi. Per esperienza, preferiamo eseguirli sempre con dei carichi. Amiamo le gambe toniche e allenate caratterizzate da una muscolatura adeguatamente sviluppata. 

Leggi anche affondi indietro il miglior esercizio per gambe e glutei alternativo agli squat 

Per quanto riguarda l’interno coscia (nota dolente di molte gambe che ci leggono) possiamo suggerirvi di provare il pilates con il reformer. Sentirete gli adduttori andare letteralmente in fiamme, come non avete mai provato. 

Ultimo “workout” ma non meno importante, la camminata. Mantenersi ferma per troppo tempo sia in piedi che seduta, pul solo peggiorare la situazione. Cercate di camminare almeno 30 minuti al giorno. Possibilmente, evitate di prendere l’ascensore e considerate le scale del palazzo in cui abitate un’opportunità per allenarvi senza allenarvi.

Come combattere il rilassamento cutaneo e rendere più tonica e senza cellulite la pelle delle gambe?

Potremmo dirti che esistono creme miracolose, ma non lo faremo. Di sicuro anche l’idratazione esterna fa la sua parte. Quindi cercate di mettere sempre la crema idratante o utilizzare un olio dopo la doccia. Tuttavia la cosa che non deve mai sfuggire, è bere tanta acqua o ancor meglio, mangiare verdura che ne contenga. Anche in questo si tratta di alimentazione.

Pilates Reformer benefici, esercizi e costi

Il pilates reformer è una disciplina che ha preso piede negli ultimi anni anche in Italia. Il metodo di allenamento unisce la disciplina pilates ad un attrezzo che a prima vista sembra più uno strumento di tortura che altro.

In realtà l’allenamento con il pilates reformer presenta innumerevoli benefici ed è in grado di appassionare anche chi, come noi di Fitinhub, ha preferenze per attività ad alta intensità

Di seguito trovate alcune domande alle domande più comuni sul pilates reformer

A cosa serve il pilates reformer?

Come già sottolineato ha più benefici di quello che si possa immaginare. La lista è veramente lunga e include

  • una certa flessibilità muscolare
  • tonificazione del corpo
  • mobilità articolare
  • miglioramento della postura.

Tutti gli esercizi eseguiti sul reformer implicano l’attivazione costante dell’addome inteso come “core”. Insomma per pancia piatta e addominali da urlo (ma soprattutto funzionali) il pilates eseguito con il reformer è sicuramente una disciplina da prendere in considerazione.

Controllo del movimento e della respirazione sono senza dubbio i due pilastri fondanti dell’allenamento pilates sul reformer. E’ per tanto fondamentale, durante la lezione, la massima concentrazione nell’esecuzione degli esercizi in stretta correlazione con la respirazione.

Come cambia il corpo con il Pilates Reformer?

Questa tipologia di allenamento non è solamente è un esercizio di concentrazione e respirazione. Enormi benefici ne derivano anche per quanto riguarda l’aumento della forza muscolare. Se il vostro obiettivo estetico è quello di risultare armoniche longilinee (compatibilmente con la genetica del vostro corpo), potreste dargli sicuramente una chance. 

pilates reformer - fitinhub
pilates reformer – fitinhub

Quanto si dimagrisce con il pilates reformer?

Il presupposto è che non tutti bruciano ovviamente lo stesso numero di calorie. Il dato è, per qualsiasi disciplina, assolutamente personale. Dovendo comunque dare un range indicativo, una lezione di pilates con reformer può portare a bruciare dalle 250 alle 400 calorie. La differenza è data anche dal livello della classe a cui si partecipa. 

Quanto costa il reformer? 

I costi possono variare dai 2.000€ a 4.500€. In ogni caso se siete alle prime armi, vi conviene frequentare un corso, per iniziare a prendere confidenza con le tecniche di base per eseguire in maniera corretta l’allenamento.

Quanto costa il reformer?
Quanto costa il reformer? 

Come si usa il reformer?

Non c’è un modo univoco di utilizzare l’attrezzo reformer. E’ possibile infatti eseguire qualsiasi esercizio e movimento, modificandone l’intensità attraverso l’aumento della resistenza. Braccia, addome, schiena, glutei, femorali, nessun muscolo può sfuggire all’allenamento con il pilates reformer. Effettuando un test, posso dirvi che la parte del corpo che ha beneficiato maggiormente dell’allenamento è proprio la schiena. 

Quante volte è consigliato allenarsi con il reformer?

Anche in questo caso non c’è una vera e propria risposta. Diciamo che anche in questo caso esagerare non è mai consigliabile. Detto questo vi suggeriamo di ascoltare sempre il vostro corpo. In linea generale, comunque, se la disciplina è l’unico allenamento che si esegue nell’arco della settimana, sono consigliate 3 o 4 volte a settimana. Oppure potete optare per una lezione a settimana, se come me già vi allenate in palestra o fate altro tipo di allenamento. 

Dopo quanto tempo inizio a vedere i risultati?

Anche qui la domanda può avere una sola risposta: dipende. In linea generale, come per tutte le attività, occorre anche adeguare l’alimentazione. Tuttavia se vi allenate per circa 20 giorni un mese dovreste essere in grado già di notare qualche differenza.

 

Heidi Klum assicura le gambe. Ma una vale più di un’altra. Ecco perché.

Heidi Klum Assicura le sue Gambe. Per chi ha lunga memoria (ma certe cose non si dimentica) in passato anche una super mega star della musica internazionale ha assicurato il suo lato B per una cifra da capogiro. 

Nel caso della fotomodella tedesca la cifra per assicurare le sue gambe pare arrivi a 2milioni di dollari e duecentomila. 

Incomprensibile per noi comuni mortali, ma mossa astuta per chi da modella con le gambe ci lavora, ci guadagna e nel caso della Klum diventa addirittura un’icona. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Heidi Klum (@heidiklum)

Heidi Klum assicura le gambe. Ma una vale più di un’altra. Ecco perché.

Tuttavia la modella ha dovuto procedere ad un trattamento di favore ad una gamba piuttosto che un’altra. Pare infatti che da bambina, la super top sia stata vittima di un incidente. Cadendo su un bicchiere, si è causata una cicatrice così profonda che ad oggi permane. 

La modella cerca di coprire la cicatrice con lo spray abbronzante, tuttavia per l’assicurazione il piccolo incidente comporta che una gamba abbia più valore di un’altra. 

L’accaduto è stato raccontato durante la trasmissione di Ellen Degeneres durante l’Ellen Show. Heidi Klum, ha raccontato di voler assicurare anche il suo seno. 

Vuoi il fisico di Elisabetta Gregoraci? Copia il suo workout

E’ arrivato gennaio e Instagram inizia a popolarsi di workout famosi e meno famosi. Tra quelli famosi, il workout che proprio ieri ha sconvolto “l’internet” è quello di Elisabetta Gregoraci. 

Il fisico di Elisabetta Gregoraci è forse tra i più invidiati del panorama televisivo italiano, e qui a Fitinhub siamo ben liete di constatare che il suo Beach Body non è solo frutto di madre natura, ma è fatto anche di workout e fatica in palestra. 

Vuoi il fisico di Elisabetta Gregoraci? Copia il suo workout su Instagram

Come succede in cucina, anche il workout per avere il fisico di Elisabetta Gregoraci spoilera solo alcuni degli esercizi che la conduttrice televisiva esegue sotto la supervisione del suo trainer.

Ti ricordiamo prima di eseguire qualsiasi allenamento di verificare di essere nelle condizioni di salute e di fitness per per poterlo eseguire. 

Bench Jump Over

Per eseguire l’esercizio avrai bisogno di una panca. 

  • Posiziona le mani sulla panca.
  • Piegati in avanti con le braccia tese
  • Attiva l’addome
  • Fissa la panca e piegando le gambe scavalca con un salto esplosivo 
  • Continua ad eseguire l’esercizio per il numero di ripetizioni indicate

L’esercizio in questione coinvolge femorali e quadricipiti, ma coinvolge anche altri muscoli del corpo come: addominali, polpacci, glutei e flessori dell’anca.

Nel video pubblicato dalla Gregoraci su Instagram, aggiunge alla routine anche una variazione dell’esercizio che prevede un saltello prima di effettuare il salto esplosivo e scavalcare la panca. Inoltre, guardando nel dettaglio, per aumentare la resistenza e la difficoltà dell’esercizio, vengono utilizzate anche delle cavigliere. 

Plyo Jump Box 

Per eseguire l’esercizio avrai bisogno di un box o una panca ben fissata al pavimento

  • Posizionati davanti al box o alla panca
  • Con un salto esplosivo sali sul box o la panca 
  • Esegui un salto per effettuare la fase di discesa
  • Continua ad eseguire l’esercizio per il numero di ripetizioni indicate

Scopri tutti I benefici del Plyo jump Box 

Sit Up con torsione e molleggio 

In verità è la prima volta che vediamo questo esercizio, vi suggeriamo di guardare il video per verificare l’esecuzione 

  • Esegui un sit up
  • Effettua una torsione verso destra molleggiondo per un conteggio 
  • Effettua una torsione verso sinistra molleggiondo per un conteggio 
  • Effettua un crunch 
  • Torna nella posizione di partenza 

Sit Up molleggiati con braccia sollevate

  • Esegui un sit up con gambe piegate in ponte
  • In fase di salita tieni le bracci in alto altezza sguardo
  • Una volta arrivata in posizione molleggia per il numero do volte indicato
  • Torna nella posizione di partenza 

Di seguito trovate il link agli esercizi, eseguiti direttamente da Elisabetta Gregoraci 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Elisabetta Gregoraci (@elisabettagregoracireal)