Lesioni croniche: come trattarle e fare prevenzione

Cause e gestione delle lesioni croniche

Varie_6354.jpg

Sono sempre più numerosi i pazienti che manifestano una o più lesioni croniche. Queste lesioni possono essere causate da diverse problematiche, spesso correlate all’età del soggetto, al fatto di soffrire di alcune specifiche patologie o all’immobilità.

Le cause delle lesioni croniche
Sono soprattutto i soggetti anziani a soffrire di lesioni croniche, che in molti casi sono indicate come piaghe da decubito. Questo tipo di lesione cronica è detta anche lesione da pressione: il peso del corpo immobilizzato impedisce il corretto scorrere dei fluidi, comprimendo i vasi sanguigni e linfatici. Ci sono poi cause di altro genere, come la presenza di specifiche patologie: il diabete in primis, ma anche le problematiche correlate a una scarsa circolazione.
Chi si occupa di soggetti che soffrono di queste problematiche sa che la prevenzione è decisamente importante. Fortunatamente …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | lesioni, decubito, croniche,

Covid, nutrizione fondamentale per un buon recupero

Molto comuni la perdita di peso e i problemi alimentari in chi è colpito

Varie_5732.jpg

Una ricerca a livello europeo mostra un’alta prevalenza di perdita di peso e di problemi alimentari come i problemi di deglutizione nelle persone che si stanno riprendendo dal COVID-19.
La maggior parte dei pazienti intervistati ha difficoltà a recuperare la forza e fatica con le attività quotidiane come salire le scale, fare la spesa e preparare i pasti.
Nonostante i benefici comprovati della nutrizione medica per il recupero del paziente, l’indagine evidenzia che solo la metà dei pazienti ha ricevuto la nutrizione medica in ospedale, scendendo a solo il 15% che riceve cure nutrizionali con la nutrizione medica dopo aver lasciato l’ospedale.
La ricerca, condotta da IPSOS su 453 pazienti adulti ricoverati con COVID-19 nel Regno Unito, Spagna, Italia, Francia e Germania, è stata commissionata da Nutricia, parte di Danone, azienda leader mondiale nel settore alimentare, delle bevande …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, nutrizione, peso,

La cura della pelle per chi ha più di 50 anni

L’obiettivo è allontanare il più possibile i segni del tempo

Cura della pelle_14528.jpg

Il tempo passa, e non invano. Il nostro corpo è il primo a rendersene amaramente conto, la pelle in particolare. Come rallentare il più possibile il processo naturale di invecchiamento? Cosa fare se si ha più di 50 anni?
Sono tante le star di Hollywood che consigliano i prodotti migliori per la cura della pelle matura. Una di queste è Nicole Kidman, che ha trovato nell’olio al cannabidiolo un ottimo rimedio anti-rughe. Gli estratti della Cannabis Sativa sembrano infatti in grado di migliorare sensibilmente le condizioni della pelle, regolarizzando la quantità di collagene ed elastina.
Altri consigli per una pelle da apprezzare? Innanzitutto il riposo notturno, che favorisce la rigenerazione delle cellule epidermiche e ristabilisce la corretta idratazione cutanea.
Per accompagnare questo processo sarà bene pulire la pelle con un buon latte detergente e con un tonico. Le over 50 …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cura, pelle, viso,

Il mal di schiena nei bambini

Sotto accusa il peso degli zaini a scuola

Mal di schiena_6261.jpg

Il mal di schiena è un problema che affligge tutti senza distinzione d’età. Anche i bambini e gli adolescenti non sono esenti dal problema. Molto spesso la causa alla base del problema è banale e può essere risolta semplicemente, altre volte invece è la spia di una patologia più seria.
Molte volte le mamme e i papà non sanno che con pochi e semplici stratagemmi – come calibrare i pesi degli zainetti o incoraggiare una corretta postura alla scrivania o a tavola, mantenere un peso corporeo adeguato all’età del proprio figlio – è possibile prevenire molti disturbi e doloretti. Il dottor Sergio Sessa, Ortopedico presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma, fa una panoramica delle cause più frequenti del mal di schiena in età pediatrica e indica quali sono i test da fare, i consigli da mettere in pratica nella vita di tutti i giorni per assicurare la salute dell’apparato muscoloscheletrico dei …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | schiena, bambini, peso,

Bambini e denti, meglio intervenire subito

È preferibile non aspettare la dentizione permanente

Varie_5916.jpg

Non serve, anzi non è consigliato, aspettare la caduta dei denti da latte e la crescita di quelli permanenti per portare i bambini dal dentista.
La pandemia ha avuto tanti effetti sull’economia, per la maggior parte negativi. In alcuni casi, però, ci sono stati benefici. Eliminate le spese per i viaggi e altre forme di svago per molti mesi, i genitori hanno avuto a disposizione soldi a sufficienza da investire sulla salute dentale dei propri figli.
“Il momento per la prima visita – spiega Giorgio Iodice, presidente dell’Associazione Specialisti Italiani in Ortodonzia (Asio) – è fra i quattro e i sette anni, quando inizia la prima fase di permuta dei denti da latte, c’è l’eruzione dei primi denti permanenti e si possono intercettare alcuni problemi di sviluppo osseo. Dopo la prima visita spesso non si deve fare alcun trattamento ortodontico, ma solo programmare controlli ogni sei o …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords |

Pancake Shakerati per una colazione top

Pancake shakerati ancora dovevate sentirli vero? Si perchè tra cicciopancake, pancake paleo, pancake proteici, pancake salati, probabilmente pensavate di averle sentite tutte.

Il pancake shakerato è più che altro una preparazione che ti permette di risparmiare tempo aggiungendo un passaggio insolito alla preparazione della vostra colazione preferita.

Pancake Shakerato: come si prepara?

Vi abbiamo già svelato che il pancake shakerato, si chiama così per un piccolo passaggio aggiuntivo alla preparazione.

Strumenti per preparare i pancakes

Per fare i pancake shakerati ti serviranno:

  • una bottiglia
  • un imbuto
  • una padella per pancakes

Di seguito gli ingredienti per 6 pancake

  • 100 gr di farina d’avena 
  • 1/2 cucchiaio raso di lievito per dolci
  • 1 uovo a temperatura ambiente 
  • 125 ml di latte a temperatura ambiente 
  • 1 pizzico di sale 
  • 25 gr di zucchero di canna 
  • Olio di cocco per ungere la padella

Seguendo questo link potrai trovare tutto quello che ti serve per fare i pancake 

Tempi e cottura dei pancake

  • In una bottiglia versare il latte a temperatura ambiente
  • Con l’aiuto di un imbuto (che potete acquistare cliccando qui) aggiungere al latte l’uovo, la farina d’avena, il lievito e il sale 
  • Passaggio fondamentale: chiudere bene la bottiglia, con quanta più forza possibile, altrimenti rischiate dei far un disastro più unico che raro. 
  • Shakerate bene, fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio, senza grumi
  • Prendete la padella per pancakes (che potete acquistare qui) e ungetela con olio di cocco, senza esagerare
  • Mettetela sul fuoco e fatela scaldare per bene
  • Appena calda versare il composto per pancake
  • Quando iniziano a formarsi le bolle in superficie, girate i pancake e terminate la cottura, possibilmente prestando attenzione a non farli bruciare

Ecco pronti i pancake shakerati pronti. Facilissimi e veloci possono essere guarniti con qualsiasi ingrediente voi preferiate. Visto il periodo di influenze, vi consigliamo frutta come kiwi e arance, oppure anche mirtilli e more per rendere i vostri pancake un vero e proprio mix di vitamine e antiossidanti.

Emicrania, un’app per gestire le crisi

Come evolvono i trattamenti per il mal di testa

Mal di testa_5003.jpg

Un’app che aiuti i pazienti che soffrono di emicrania a gestire le crisi con maggior serenità. È l’annuncio arrivato al secondo Forum organizzato alla Sapienza Università di Roma dal titolo ‘Trattamento acuto dell’emicrania: dove andiamo’.
“Il problema – ha detto Paolo Martelletti della Sapienza e presidente della Fondazione Italiana per lo Studio delle Cefalee Onlus (Fisc), riferendo della app – è la conoscenza. Spesso i pazienti emicranici sono costretti a fare molti chilometri, a spostarsi di città e anche di regione per poter raggiungere i centri che erogano gli anticorpi monoclonali senza magari sapere che l’assistenza ce l’hanno anche sotto casa, o quasi. L’app permette di navigare come su una sorta di Google Maps per individuare la posizione del centro idoneo alla somministrazione con vantaggio sugli spostamenti ma anche sulle liste d’attesa. Il tutto gestito dai medici di base a …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | emicrania, app, ditani,

Full Body Workout in 5 movimenti

Il venerdì è il giorno giusto per un full body workout. Come riassunto di tutto quello che è stato fatto in termini di allenamento durante la settimana, è bene mettersi alla prova prima dell’inizio del weekend 

Come eseguire l’allenamento full body workout in 5 movimenti 

L’allenamento va eseguito con due manubri ed è un allenamento ad alta intensità. Ti ricordiamo di essere sempre sicura di poter eseguire l’allenamento. 

Esegui 12 ripetizioni per ogni esercizio e al termine di tutti gli esercizi indicati esegui 1 minuto di burpees.

Come sempre ti serviranno:

  • un timer
  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua
  • pesetti/kettlebell

Squat Overhead 

  • Inizia con i manubri posizionati all’altezza della clavicola. Divarica leggermente le gambe a distanza fianchi.
  • Solleva i manubri verso l’alto stendendo completamente le braccia
  • Esegui uno squat ricordandoti di attivare l’addome e di tenere la schiena dritta.
  • Ritorna in posizione di partenza.
  • Puoi anche fare una piccola pausa tra i due movimenti se pensi che il tutto sia troppo pesante per le tue articolazioni.

Affondi statici alternati con curl bicipiti 

  •  Iniziare in piedi con i piedi alla larghezza delle spalle e posiziona le mani sui fianchi per la stabilità
  • Avanza con una gamba e scendi nella contrazione eccentrica piegando il ginocchio anteriore fino a che non si trova leggermente al di sopra del livello del pavimento
  • Usa il piede posteriore per bilanciare spingendo leggermente in avanti sulle dita dei piedi (tenendo sollevato il tallone)
  • Esegui 12 curl con i manubri
  • Raddrizza la gamba anteriore facendo peso sul tallone. Allo stesso tempo, raddrizza anche la gamba posteriore. Questo ti riporterà alla posizione di partenza; continua per il numero indicato di ripetizioni
Come eseguire affondi indietro a casa senza pesetti
Come eseguire affondi indietro a casa senza pesetti

Row 

  • Impugna due manubri o bottiglie d’acqua e con un movimento a cerniera porta il busto in avanti affinchè sia in parallelo con il pavimento
  • Distendi le braccia verso il basso e porta indietro il gomito destro tenendo la mano rivolta verso l’interno
  • Riporta il braccio destro il posizione di partenza ed esegui il movimento con l’altro braccio
4 esercizi per migliorare il tono muscolare della schiena
4 esercizi per migliorare il tono muscolare della schiena

Triceps dips

  • Posizionati davanti ad una sedia/panca/divano, seduta per terra
  • Posiziona i palmi delle mani sulla sedia di modo che i gomiti siano rivolti verso l’alto
  • Facendo perno sui palmi delle mani tenendo attivi anche addome e glutei, solleva il corpo verso l’alto
  • Ritorna in posizione di partenza e ripeti l’esercizio per il numero di volte indicato.

1 min burpee

  • In piedi, abbassati in squat poggiando le mani al pavimento davanti a te.
  • Con un saltello porta indietro i piedi e raggiungi la posizione di push up e immediatamente porta il petto verso il pavimento, senza toccarlo (eseguendo quindi un push up).
  • Porta il petto in alto e riporta i piedi in avanti ritrovandoti così nuovamente in posizione di squat.
  • Immediatamente esegui uno squat saltato
  • Questa conta come una ripetizione (purtroppo!)

Leggi anche 3 esercizi alternativi ai burpees se non ti piace eseguirli o sei alle prime armi

 

Covid nei bambini, quando fare il tampone

Un solo sintomo non è sufficiente per ricorrere subito al tampone

Varie_14496.jpg

Il nuovo coronavirus non è più da solo al centro della scena. Altri virus hanno ricominciato a circolare dopo il periodo del lockdown, per questo non è consigliabile effettuare subito un tampone nei bambini che mostrano sintomi influenzali.
All’Ospedale pediatrico Buzzi di Milano i 40 posti letto di Pediatria sono tutti occupati, ma nessuno di questi per Covid. I pazienti sono colpiti invece dal virus respiratorio sinciziale, polmoniti o altri virus respiratori.
«Stiamo rivedendo scenari vissuti negli anni passati, con molti virus respiratori che sono tornati a circolare, come in epoca pre pandemica», conferma Gianvincenzo Zuccotti, direttore del reparto Pediatria all’ospedale Buzzi di Milano, al Corriere della Sera.
Il dott. Zuccotti offre qualche suggerimento ai genitori per orientarli nelle scelte in questo difficile periodo: «Se il bambino ha il raffreddore accompagnato da naso …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | bambini, Covid, tampone,

Glutei Super : l’allenamento superset da fare

Per glutei super non puoi non fare l’allenamento superset! Giochi di parole a parte, qui in FitinHub siamo grandissime fan degli allenamenti in superset. Il motivo è semplice: riducono notevolmente il tempo trascorso massimizzando lo sforzo.

Leggi anche Allenamento superset : maggiore intensità e meno tempo in palestra

Glutei Super : l’allenamento superset da fare

L’allneamento glutei super in superset è un allenamento che ti metterà senz’altro alla prova. Ricordiamo sempre che la cosa importante è muoversi, ascoltando il proprio corpo.

Come sempre ti serviranno:

  • un timer
  • un tappetino 
  • una bottiglietta d’acqua
  • panca/sedia
  • pesetti/bilanciere 

Esegui il numero di set indicati per ogni super set. Per gli esercizi unilaterali il numero di ripetizioni indicato è relativo ad ogni lato. Utilizza il peso che ti permetta di eseguire le ripetizioni in maniera corretta 

Superset 1: 3 set

10 Squat Bulgaro (10 ripetizioni per gamba)

  • Punta del piede sulla panca posizionato ad altezza ginocchio
  • Porta in busto leggermente in avant
  • Il piede che appoggia per terra ad una distanza piuttosto ampia in modo da tenere il focus sui glutei
  • Scendi verso il basso ricordandoti di piegare le ginocchia
  • Risali in posizione di partenza
Come eseguire affondi per un allenamento gambe e glutei efficace
Come eseguire affondi per un allenamento gambe e glutei efficace

10 jump squats 

  • In piedi con le gambe divaricate, esegui uno squat e con un movimento esplosivo salta verso l’alto avendo cura di sollevare i talloni da terra.
  • Nella fase di atterraggio esegui nuovamente lo squat e prosegui nell’esecuzione del movimento per il numero di ripetizioni indicato.

fitinhub - glutei super

Superset 2: 2 set 

12 Hip thurst

  • Far partire il movimento dai talloni e sollevare la zona pelvica dal pavimento ricordandosi di “strizzare” i glutei e attivare gli addominali.
  • Le spalle vanno tenute basse senza sforzare il collo.

12 walking lunges 

  • E’ la variante più “funzionale” degli affondi, tuttavia è un esercizio difficile da eseguire, quindi parti dagli affondi alternati, per poi arrivare all’esecuzione di questo esercizio.
  • Come nelle precedenti varianti il movimento deve essere controllato, spina dorsale dritta, peso sui talloni.
  • Abbassa il corpo fino a che sia la gamba destra che quella sinistra formino un angolo di 90°. Tieni la posizione e fai un passo in avanti.

Leggi anche: Come eseguire affondi perfetti. Le varianti più popolari.

Superset 3: 1 set 

20 sumo squat 

  • Con i piedi a distanza spalle, punta i piedi a 45° verso l’esterno
  • Inspira mentre porti indietro i fianchi in uno squat, portando le braccia in avanti e tenendo le mani davanti al petto
  • Attiva l’addome e mantieni la spina dorsale neutrale
  • Fai una pausa quando arrivi nella posizione più bassa del movimento e fai attenzione perchè è proprio nel momento in cui i fianchi raggiungono l’altezza delle ginocchia che la forma inizia a venire meno
  • Gli stinchi dovrebbero trovarsi in posizione verticale, e le ginocchia leggermente o in avanti rispetto agli alluci.
  • Butta fuori l’aria quando ritorni verso l’alto, facendo partire la spinta dai talloni.
  • La respirazione è parte fondamentale dell’esercizio soprattutto quando inizi ad eseguire l’esercizio con i carichi elevati.
Sumo Squat - Squat Challenge
Sumo Squat – Squat Challenge

20 donkey kicks 

  •  Sul materassino, mettiti in posizione quadrupedica
  • Posiziona i palmi delle mani perpendicolarmente alle spalle, e le ginocchia sotto i fianchi
  • Inizia il movimento sollevando la gamba destra, piegata a 90° e il piede flesso.
  • La posizione di arrivo prevede la distensione della gamba.
  • Mentre esegui l’esercizio presta moltissima attenzione a non esasperare il movimento, sforzando o inarcando la schiena. Inoltre evita di girare i fianchi.
  • Ritorna verso il basso, quasi come se volessi raggiungere nuovamente la posizione quadrupedica, ma questa volta senza permettere al ginocchio di toccare terra.
  • Continua ad eseguire questo movimento in maniera fluida per il numero di ripetizioni consigliato e una volta terminato cambia gamba.

Leggi anche: Glutei tondi e pieni con il donkey kick