Il coronavirus potrebbe infettare anche il cervello

In pericolo il sistema nervoso centrale

Varie_9992.jpg

Anche il sistema nervoso centrale dei pazienti affetti da Covid-19 potrebbe essere in pericolo. Lo dice uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Virology da un team dell’Università di Jilin, in Cina, guidato da Yan-Chao Li.

Lo studio ha analizzato campioni prelevati nei primi anni 2000 da vittime di Sars-CoV-1, il virus della Sars parente stretto del nuovo coronavirus. «Questi campioni hanno mostrato la presenza di particelle del virus nel cervello, trovate quasi esclusivamente nei neuroni», spiegano i ricercatori.

Studi condotti su modello murino, su topi transgenici modificati per essere sensibili ai coronavirus, mostrano che Sars-Cov-1 e Mers-Cov – il virus della Mers che ha colpito il Medio Oriente nel 2012 – possono penetrare nel cervello, probabilmente attraverso i nervi olfattivi, e propagarsi rapidamente ad alcune zone specifiche del cervello.

La solitudine aumenta il rischio di infiammazione cronica

Tante le malattie collegate alla condizione

Varie_1351.jpg

Malattie cardiovascolari, demenza, depressione diventano più probabili se si soffre di isolamento sociale. La solitudine sembra aumentare infatti il rischio di infiammazione cronica in tutto l’organismo, e quindi di insorgenza di malattie collegate ad essa.

A suggerire il nesso è uno studio della Brunel University di Londra pubblicato su Neuroscience & Biobehavioral Reviews che ha preso in esame 30 analisi già pubblicate su isolamento sociale e solitudine.

I dati indicano che isolamento sociale e solitudine si associano a valori più elevati di proteina C-reattiva, parametro utile a verificare l’eventuale stato infiammatorio di un paziente. Aumentati anche i livelli di fibrinogeno, molecola che favorisce la coagulazione del sangue.

Il coronavirus potrebbe causare anche un’encefalite

Un paziente cinese è stato vittima di un’infiammazione cerebrale

Varie_9992.jpg

Un team del Ditan Hospital di Pechino ha riscontrato la presenza del nuovo coronavirus nel liquido cerebrospinale/cefalorachidiano di un paziente.

A riferirlo è l’agenzia di stampa governativa Xinhua, che segnala quindi il pericolo di encefalite, un’infiammazione al cervello che procura danni al sistema nervoso centrale dei pazienti.

L’ospedale di Pechino, affiliato alla Capital Medical University, ha ricoverato il 24 gennaio scorso un uomo di 56 anni in gravi condizioni. Al tampone faringeo, l’uomo è risultato positivo a Covid-19, l’infezione provocata dal coronavirus SARS-CoV-2.

Trasferito in terapia intensiva, l’uomo ha cominciato a mostrare “sintomi associati a una riduzione della coscienza, anche se nelle immagini della TC (tomografia computerizzata NDR) non si evidenziavano segnali anomali”, spiega la nota dell’agenzia.

Dermatite atopica, l’importanza dello zinco

Il deficit della sostanza aumenta l’aggressività della malattia

Varie_8103.jpg

Nei bambini affetti da dermatite atopica il deficit di zinco alimenta la malattia, rendendone le manifestazioni più aggressive.

È quanto afferma uno studio firmato da M.S. Ehlayel, del Weill Cornell Medical College di Ar-Rayyan, in Qatar, e da A. Bener dell’Università di Instanbul.

Lo studio, pubblicato su European Annals of Allergy and Clinical Immunology, segnala come lo zinco sia un elemento fondamentale nei processi biologici delle cellule. Lo zinco gioca un ruolo chiave in un gran numero di enzimi ed è coinvolto in diverse attività cellulari, da quelle proliferative a quelle che regolano la differenziazione delle cellule.

Esercita inoltre un ruolo regolatorio del sistema immunitario. Vi sono evidenze che indicano come il deficit di zinco stimoli l’infiammazione nelle malattie autoimmuni.

Cachessia, una proteina la contrasta

Limita la riduzione delle fibre muscolari

Tumori_14323.jpg

La cachessia, ovvero il forte deperimento generale che causa perdita di peso, di massa muscolare e stanchezza, è una delle complicazioni più comuni in caso di cancro.

Uno studio pubblicato su Cancers dai ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano segnala la possibile efficacia della proteina musclin nel contrasto alla cachessia da tumore.

Il trattamento locale con musclin a livello del muscolo tibiale ha permesso infatti al gruppo di lavoro di limitare la riduzione delle fibre muscolari.

La cachessia si verifica con perdita di tessuto adiposo e massa muscolare nell’85% dei pazienti affetti da diversi tipi di cancro. Nel 25% dei casi, è proprio la cachessia a portare alla morte e non il tumore. Ciò avviene attraverso un’infiammazione per mezzo delle citochine pro-infiammatorie, come interleuchina 6 (IL6) o il fattore di necrosi tumorale α (TNFa).

Occhio secco, malattia complessa

Difficile da superare anche per colpa di abitudini errate

Quella dell’occhio secco è una condizione difficile da trattare perché complessa e tendente all’auto-mantenimento. Si crea cioè una specie di circolo vizioso dal quale è difficile uscire.

Una secrezione inadeguata di lacrime comporta instabilità e iperosmolarità del film lacrimale, il che a sua volta danneggia l’epitelio corneo-congiuntivale.

I danni indotti all’epitelio mettono in moto meccanismi infiammatori sulla superficie oculare e il rilascio di mediatori dell’infiammazione lacrimale.

I fattori di rischio per la malattia sono di carattere sia generale che particolare. Fra i primi, età avanzata, sesso femminile, menopausa, disfunzioni ormonali, chemioterapia, diabete, malattie autoimmuni, allergie, epatite C, deficit di vitamina A.

Cellule pac-man per prevenire l’infarto

Le nanoparticelle stimolano i macrofagi a “mangiare” le placche aterosclerotiche

Un team di ricercatori americani ha messo a punto delle nanoparticelle in grado di stimolare i macrofagi a “mangiare” le cellule morte alla base delle placche aterosclerotiche nelle arterie.

Una scoperta che apre la strada a una terapia potenzialmente in grado di prevenire l’infarto. Gli scienziati dell’Università Statale del Michigan hanno collaborato con i colleghi dell’Università di Stanford sotto il coordinamento del prof. Bryan Ronain Smith.

Le nanoparticelle sono state create grazie a nanotubi di carbonio a parete singola, caricati con uno specifico inibitore chimico dell’asse di segnalazione anti-algocitico chiamato CD47-SIRPα.

Messe in circolo, le nanoparticelle si accumulano all’interno delle placche aterosclerotiche, stimolando i macrofagi a divorare le cellule morte precursori dell’infiammazione e dell’aterosclerosi.

Psoriasi, il grasso può favorirla

Nesso fra i chili di troppo e il rischio della malattia

Psoriasi_4093.jpg

C’è un rapporto fra la psoriasi e i chili in eccesso di una persona. Un nuovo studio realizzato da ricercatori del S. Olavs Hospital di Oslo segnala il nesso la correlazione emersa dall’analisi dei dati riguardanti circa 750mila persone.

Numerosi studi lo hanno ormai dimostrato chiaramente: la psoriasi non è soltanto un problema che riguarda la pelle, ma va inquadrata come una patologia ad interessamento “sistemico”, che riguarda cioè tutto l’organismo e può essere associata ad altre malattie – commenta Maria Concetta Fargnoli, direttore della Dermatologia generale e oncologica dell’Ospedale dell’Aquila e segretario nazionale della Società italiana di Dermatologia SIDeMaST.

Le cause della psoriasi non sono ancora del tutto note: come e perché si formino le chiazze, si allarghino, regrediscano e talvolta scompaiano del tutto è tuttora in parte materia di studio.

Alcuni antinfiammatori hanno anche un’azione antidepressiva

Aspirina e paracetamolo fra i più efficaci

Depressione_2727.jpg

La terapia antidepressiva potrebbe avvalersi anche dell’impiego di farmaci antinfiammatori come l’aspirina e il paracetamolo. Lo dice una ricerca pubblicata sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry da un team della University of Sydney Medical School coordinato da Matthew Kiernan.

Diversi studi, in precedenza, avevano associato l’infiammazione cronica a una probabilità maggiore di sviluppare disturbi depressivi. Uno stato infiammatorio pregiudica l’efficacia della terapia antidepressiva, di conseguenza l’assunzione di un antinfiammatorio pone le basi per un corretto funzionamento dei farmaci antidepressivi. In un caso su tre, questi ultimi non sortiscono benefici, e i pazienti ne interrompono presto l’assunzione anche perché afflitti da effetti collaterali anche pesanti.