Gazzetta Marathone: il 4 e 5 luglio, milioni di passi un unico cuore

Il 4 e il 5 luglio si tiene la Gazzetta Marathone, il primo evento sportivo di massa senza aggregazione. Non si tratta di una gara, ma è un grande evento collettivo fatto di attività fisica, solidarietà e spettacolo. 

La Gazzetta Marathone si svolge sabato 4 e domenica 5 luglio in una 24 ore non stop: corri o cammina ovunque ti trovi, nelle strade, nelle piste, nei parchi, e sarai virtualmente connesso a tutti gli altri partecipanti in una grande sfida benefica da vincere insieme, ognuno secondo le proprie forze e capacità.

COME ISCRIVERSI E PARTECIPARE

  1. Per partecipare basta iscriversi su www.gazzettamarathone.it e scegliere a quale associazione devolvere la quota di iscrizione tra le associazioni che partecipano al programma:

RUNFOREMMA & FRIENDS ONLUS

AIL ONLUS

AISM MILANO

AMICI DEL TRIVULZIO

ASSOCIAZIONE CAF ONLUS

ASSOCIAZIONE GOGREEN

ASSOCIAZIONE UNITÀ SPINALE

AZIONE CONTRO LA FAME

BISTARI BISTARI ONLUS

CBM ITALIA ONLUS

CIAOLAPO

COMITATO MARIA LETIZIA VERGA ONLUS

COMPAGNIA DEL PERÙ

DIANOVA

DYNAMO CAMP

FONDAZIONE AIRC

FONDAZIONE CLS

FONDAZIONE G. E D. DE MARCHI ONLUS

FONDAZIONE LAUREUS ITALIA ONLUS

FONDAZIONE SACRA FAMIGLIA ONLUS

FONDAZIONE VERONESI

GRUPPO L’IMPRONTA

HOPE

LIFC

LILT-LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI DI MILANO

SPORT SENZA FRONTIERE ONLUS

UNA MANO PER…

VIDAS

Ogni tuo passo sarà dedicato alla causa che hai scelto di sostenere.

  1. Riceverai una mail con il tuo pettorale e le istruzioni per tracciare il tuo percorso il week end dell’evento
  2. Il 4 e il 5 luglio scegli tu quando, dove e quanto correre o camminare
  3. Condividi la tua partecipazione sui tuoi social preferiti: più siamo meglio è!

PARTECIPA ovunque ti trovi, il tuo percorso si somma a quello di tutti per unire virtualmente l’Italia e gli italiani.

DONA e contribuisci alla raccolta benefica a favore di una delle charity coinvolte.

CONDIVIDI la tua esperienza con #GAZZETTAMARATHONE

GUARDA i 3 appuntamenti live su Gazzetta.it per seguire l’evento in diretta con i grandi i campioni dello sport e non solo:

HAI DOMANDE? QUI TROVI LE RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI >>

L’articolo Gazzetta Marathone: il 4 e 5 luglio, milioni di passi un unico cuore proviene da Sani per Scelta.

Contagi e decessi stabili, ancora in calo i ricoveri

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

16.310 i nuovi casi di contagio, mentre il totale dei tamponi, compresi quelli rapidi, è di 260.704. Il tasso di positività è quindi del 6,3%.

I morti sono 475, per un totale di 81.800.

I ricoverati sono in tutto 22.784, con un calo di 57, mentre le terapie intensive sono 2.520, facendo segnare un calo di 2 posti letto.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 1.085.221 dosi, il 77% di quelle consegnate da Pfizer.

Fra i paesi più grandi in Europa, l’Italia è al primo posto per numero di vaccini somministrati.

Tamponi rapidi nel totale. 1 milione di vaccinati

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Per la prima volta vengono conteggiati nel totale anche i tamponi rapidi antigenici. Ciò fa sì che il tasso di positività crolli al 5,9% e il numero totale dei test arrivi a 273.506.

Le persone positive sono 16.146, per un totale di 2.352.423, mentre i decessi scendono a 477, portando il totale a 81.325.

I ricoverati sono in tutto 22.841, con un calo di 269, mentre le terapie intensive sono 2.522, facendo segnare un calo di 35 posti letto.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 1.002.044 dosi, il 71,1% di quelle consegnate da Pfizer. Fra i paesi più grandi in Europa, l’Italia è al primo posto per numero di vaccini somministrati.

Cancro alla vescica, perché la cura funziona solo su alcuni

Scoperto il meccanismo di azione della mitomicina C

Tumore alla vescica_6832.jpg

Una ricerca che porta a importanti passi avanti nella cura del tumore alla vescica. Sono stati pubblicati su Science Translational Medicine i risultati dello studio di Humanitas e Humanitas University che ha permesso di identificare il meccanismo di azione della mitomicina C, un farmaco chemioterapico usato da più di 50 anni per il carcinoma alla vescica.

Ogni anno in Italia, sono oltre 26.000 le nuove diagnosi di tumore alla vescica di cui il 75% non muscolo-infiltrante. Siamo di fronte a un tumore con elevata incidenza nei Paesi occidentali con dati che, in alcune aree, sono in aumento.

La professoressa Maria Rescigno, ordinario di Patologia Generale di Humanitas University e prorettore vicario con delega alla ricerca, spiega:

Insieme ai colleghi urologi, abbiamo avviato questo lavoro partendo da un dato: sappiamo che la mitomicina funziona nel 40% circa dei pazienti.

Crescono i contagi, ancora giù i ricoveri

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Ci sono 17.246 nuovi casi di contagio oggi su un totale di 160.585 tamponi, il che produce un tasso di positività del 10,7%.

I decessi sono in linea con quelli di ieri, 522, per un totale di 80.848 vittime dall’inizio della pandemia.

I ricoverati sono in tutto 23.110, con un calo di 415, mentre le terapie intensive sono 2.557, facendo segnare un calo di 22 posti letto.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 896.498 dosi, il 63,6% di quelle consegnate da Pfizer. Fra i paesi più grandi in Europa, l’Italia è al primo posto per numero di vaccini somministrati.

Cala il tasso di positività. Più di 80.000 morti

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Continua a scendere il tasso di positività, oggi si ferma al 9%. Risultato di 175.429 tamponi che hanno riscontrato la positività in 15.774 persone.

I decessi calano a 507, ma il totale va ormai oltre le 80.000 vittime (80.326).

I ricoverati sono in tutto 23.525, con un calo di 187, mentre le terapie intensive sono 2.636, facendo segnare un calo considerevole di 57 posti.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 800.730 dosi, il 56,9% di quelle consegnate da Pfizer. Fra i paesi più grandi in Europa, l’Italia è al primo posto per numero di vaccini somministrati.

Il punto centrale del decreto per le feste di Natale è l’istituzione di una zona rossa nazionale nei festivi e nei prefestivi. Non ci si potrà spostare fra comuni diversi, con l’eccezione dei comuni con meno di 5.000 abitanti.

Aumentano di nuovo i morti. Italia prima nelle vaccinazioni

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Sono 14.242 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. I tamponi sono 141.641, il che produce un tasso di positività del 10%.

I decessi salgono a 616, per un totale di 79.819. I ricoveri sono 23.712, 109 più di ieri, mentre le terapie intensive scendono di 6 arrivando a 2.636.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 752.608 dosi, il 75,8% di quelle consegnate da Pfizer. Fra i paesi più grandi in Europa, l’Italia è al primo posto per numero di vaccini somministrati.

Il punto centrale del decreto per le feste di Natale è l’istituzione di una zona rossa nazionale nei festivi e nei prefestivi. Non ci si potrà spostare fra comuni diversi, con l’eccezione dei comuni con meno di 5.000 abitanti. È prevista la deroga per la riunione con 2 non conviventi nei giorni di festa.

Aumentano i ricoveri. 1 italiano su 100 è vaccinato

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Sono 12.532 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. I tamponi sono 91.656, il che produce un tasso di positività al 13,7%.

I decessi si fermano a 448, per un totale di 79.203. I ricoveri sono 23.603, 176 più di ieri, mentre le terapie intensive crescono di 27 arrivando a 2.642.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 654.362 dosi, il 71,2% di quelle consegnate da Pfizer.

Permane la disomogeneità a livello regionale: la Campania ha esaurito le scorte a disposizione, mentre la Lombardia è molto indietro con appena il 45% di dosi utilizzate.

Negli ultimi giorni, l’Italia è riuscita a vaccinare più persone della Germania ed è prima nella graduatoria europea fra i paesi più grandi.

Aumentano i ricoveri, decessi in riduzione

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Sono 18.627 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. I tamponi sono 139.758, il che produce un tasso di positività al 13,3%.

I decessi si fermano a 361, per un totale di 78.755. I ricoveri sono 23.427, 167 più di ieri, mentre le terapie intensive crescono di 22 arrivando a 2.615.

Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 589.798 dosi, il 64,2% di quelle consegnate da Pfizer.

Permane la disomogeneità a livello regionale: la Campania è quella che fa meglio con oltre 60.000 dosi iniettate e una percentuale superiore all’89%, mentre la Lombardia è molto indietro con appena il 38% di dosi utilizzate.

Negli ultimi giorni, l’Italia è riuscita a vaccinare più persone della Germania ed è prima nella graduatoria europea fra i paesi più grandi.

Calano i morti. L’Italia vaccina più degli altri

Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Varie_14317.jpg

Sono 19.978 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. I tamponi sono 172.119, il che produce un tasso di positività in calo all’11,6%.

I decessi si fermano a 487, per un totale di 78.394. I ricoveri sono 23.260, 53 in meno di ieri, mentre le terapie intensive crescono di 6 arrivando a 2.593.
Per quanto riguarda i vaccini, il portale del governo – che si aggiorna di solito durante la notte – segnala l’utilizzo di 555.855 dosi, il 60,5% di quelle consegnate da Pfizer.

Permane la disomogeneità a livello regionale: il Veneto è quella che fa meglio con oltre 63.000 dosi iniettate e una percentuale superiore all’81%, mentre la Lombardia è molto indietro con appena il 36% di dosi utilizzate.

Negli ultimi giorni, l’Italia è riuscita a vaccinare più persone della Germania ed è prima nella graduatoria europea fra i paesi più grandi.