2 milioni e mezzo di positivi, salgono ancora i ricoveri

L’Italia nel pieno della quarta ondata

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 83.403. Il totale delle persone infettate è così di 8.790.302, di cui 2.555.278 sono attualmente positive.
L’Rt nazionale sale a 1,56, mentre l’incidenza dei casi aumenta a 1.988 casi per 100.000 abitanti.
Sono stati effettuati 541.298 tamponi, il che produce un tasso di positività del 15,4%, in calo rispetto al 16,1% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 287 decessi, cifra che porta il totale a 141.391 vittime da inizio pandemia. Da sottolineare il fatto che il 17 gennaio del 2021 i morti furono 377.
Il totale dei ricoverati è di 19.228 per effetto di un aumento di 509 posti nella giornata di ieri. Le terapie intensive salgono a 1.717 (+26), con 128 nuovi ingressi in rianimazione.
I vaccinati sono 46.886.600, l’86,8% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’89,8% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 26 milioni di persone …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Lieve calo dei contagi e delle terapie intensive

L’Italia nel pieno della quarta ondata

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 180.426. Il totale delle persone infettate è così di 8.549.450, di cui 2.470.847 sono attualmente positive.
L’Rt nazionale sale a 1,56, mentre l’incidenza dei casi aumenta a 1.988 casi per 100.000 abitanti.
Sono stati effettuati 1.217.830 tamponi, il che produce un tasso di positività del 14,8%, in calo rispetto al 16,4% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 308 decessi, cifra che porta il totale a 140.856 vittime da inizio pandemia. Da sottolineare il fatto che il 15 gennaio del 2021 i morti furono 477.
Il totale dei ricoverati è di 18.370 per effetto di un aumento di 351 posti nella giornata di ieri. Le terapie intensive scendono a 1.677 (-2), con 141 nuovi ingressi in rianimazione.
I vaccinati sono 46.833.582, l’86,7% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’89,8% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 26 milioni di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Covid, rischio di contagio trascurabile con le Ffp2

È difficile però stabilire una distanza di sicurezza univoca

Varie_732.jpg

Si può quantificare il rischio di contagio da Sars-CoV-2 in funzione della distanza interpersonale temperatura, umidità e tipo di evento respiratorio considerato.
A sostenerlo è uno studio del prof. Francesco Picano dell’Università di Padova a cui hanno collaborato Federico Dalla Barba e Jietuo Wang e il prof. Alfredo Soldati dello stesso ateneo, il dottor Alessio Roccon della Technische Universität Wien e Università di Udine e il prof. Gaetano Sardina della svedese Chalmers University of Technology. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the Royal Society Interface.
Le strategie per combattere Covid-19, oltre al fondamentale utilizzo del vaccino, si basano su lockdown più o meno totali, distanziamento interpersonale (1-2 metri, three/six-feet rule), sanificazione di superfici e mani o areazione degli ambienti. La puntuale revisione di queste modalità di profilassi è fondamentale …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | mascherine, Ffp2, distanza,

Contagi stabili, aumentano ancora i morti

L’Italia nel pieno della quarta ondata

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 186.253. Il totale delle persone infettate è così di 8.341.898, di cui 2.398.828 sono attualmente positive.
L’Rt nazionale sale a 1,56, mentre l’incidenza dei casi aumenta a 1.988 casi per 100.000 abitanti.
Sono stati effettuati 1.132.309 tamponi, il che produce un tasso di positività del 16,4%, in rialzo rispetto al 15,6% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 360 decessi, cifra che porta il totale a 140.548 vittime da inizio pandemia. Da sottolineare il fatto che il 14 gennaio del 2021 i morti furono 522.
Il totale dei ricoverati è di 18.019 per effetto di un aumento di 371 posti nella giornata di ieri. Le terapie intensive salgono a 1.679 (+11), con 136 nuovi ingressi in rianimazione.
I vaccinati sono 46.801.454, l’86,6% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’89,7% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 25 milioni di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Si avvicina il picco, ma i morti sono ancora tanti

L’Italia nel pieno della quarta ondata

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 184.615. Il totale delle persone infettate è così di 8.155.645, di cui 2.323.518 sono attualmente positive.
L’Rt nazionale sale a 1,43, mentre l’incidenza dei casi aumenta a 1.669 casi per 100.000 abitanti.
Sono stati effettuati 1.181.179 tamponi, il che produce un tasso di positività del 15,6%, in calo rispetto al 16,5% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 316 decessi, cifra che porta il totale a 140.188 vittime da inizio pandemia. Da sottolineare il fatto che il 13 gennaio del 2021 i morti furono 504.
Il totale dei ricoverati è di 17.648 per effetto di un aumento di 339 posti nella giornata di ieri. Le terapie intensive invece scendono a 1.668 (-1), con 155 nuovi ingressi in rianimazione.
I vaccinati sono 46.762.832, l’86,6% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’89,6% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 24 milioni …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Covid, Omicron viene dai topi?

Ipotesi spillback per la nuova variante

Varie_6946.jpg

La variante Omicron potrebbe provenire dai topi. È l’ipotesi formulata da scienziati dell’Accademia cinese delle scienze, secondo cui il virus Sars-CoV-2 sarebbe passato dall’uomo ai topi dove, dopo aver accumulato molte mutazioni favorevoli all’infezione di quell’ospite, è tornato all’uomo.
“I nostri risultati indicano una traiettoria evolutiva interspecie per l’epidemia di Omicron”, spiegano gli scienziati illustrando il concetto di spillback.
Lo studio, pubblicato sul Journal of Genetics and Genomics, ha preso in esame 45 mutazioni acquisite da Omicron dalla divergenza rispetto al lignaggio B.1.1. Le analisi hanno rivelato che la sequenza della proteina Spike di Omicron era stata sottoposta a una selezione più forte rispetto a quella di qualsiasi altra variante Covid.
Ciò suggerisce appunto la possibilità di un nuovo salto dall’uomo agli animali e poi da questi all’uomo. Lo …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Omicron, topi, spillback,

Decessi ai livelli di maggio. Segnale positivo dai ricoveri

L’Italia nel pieno della quarta ondata

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 196.224. Il totale delle persone infettate è così di 7.971.068, di cui 2.222.060 sono attualmente positive.
L’Rt nazionale sale a 1,43, mentre l’incidenza dei casi aumenta a 1.669 casi per 100.000 abitanti.
Sono stati effettuati 1.190.567 tamponi, il che produce un tasso di positività del 16,5%, in rialzo rispetto al 16% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 313 decessi, cifra che porta il totale a 139.872 vittime da inizio pandemia. Da sottolineare il fatto che il 12 gennaio del 2021 i morti furono 616.
Il totale dei ricoverati è di 17.309 per effetto di un aumento di 242 posti nella giornata di ieri. Le terapie intensive invece scendono a 1.669 (-8), con 156 nuovi ingressi in rianimazione.
I vaccinati sono 46.724.168, l’86,5% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’89,5% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 24 milioni …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Covid, Omicron meno rischiosa di Delta

Studio sostiene la minore pericolosità della nuova variante

Varie_6848.jpg

Un nuovo studio della University of California di Berkeley ha confrontato gli effetti delle varianti Delta e Omicron su due gruppi di pazienti americani. Lo studio, pubblicato in pre-print su medRxiv, ha confrontato i due gruppi di pazienti che si sono ammalati a dicembre con Omicron o Delta dopo averli suddivisi grazie a una tecnica definita dropout del gene S.
Nel complesso sono stati analizzati i dati di 52.297 persone infettate con la variante Omicron e 16.982 con Delta. I ricoveri sono stati 235 fra i pazienti Omicron (0,5%) e 222 fra i pazienti Delta (1,3%). In terapia intensiva sono finiti 7 pazienti del primo gruppo e 23 del secondo, nessuno del gruppo Omicron ha avuto bisogno di ventilazione meccanica contro 11 che si erano ammalati di Delta. Sono stati registrati 15 decessi, solo 1 dei quali era stato infettato da Omicron, mentre gli altri 14 erano del gruppo Delta. Diversa …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Omicron, Delta, Covid,

Record di contagi, quasi 300 morti

L’Italia nel pieno della quarta ondata

Varie_14317.jpg

I nuovi casi di contagio da Sars-CoV-2 sono 220.532. Il totale delle persone infettate è così di 7.774.863, di cui 2.134.139 sono attualmente positive.
L’Rt nazionale sale a 1,43, mentre l’incidenza dei casi aumenta a 1.669 casi per 100.000 abitanti.
Sono stati effettuati 1.375.514 tamponi, il che produce un tasso di positività del 16%, in calo rispetto al 16,6% di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 294 decessi, cifra che porta il totale a 139.559 vittime da inizio pandemia. Da sottolineare il fatto che l’11 gennaio del 2021 i morti furono 448.
Il totale dei ricoverati è di 17.067 per effetto di un aumento di 727 posti nella giornata di ieri. Le terapie intensive salgono a 1.677 (+71), con 185 nuovi ingressi in rianimazione.
I vaccinati sono 46.678.236, l’86,4% dei cittadini sopra i 12 anni, mentre l’89,5% ha avuto almeno la prima dose. Oltre 23 milioni di persone …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, infezione, sintomi,

Covid, forse Deltacron non esiste

Probabile un errore nel sequenziamento realizzato in laboratorio

Varie_1057.jpg

Per qualche giorno ha preoccupato ancora di più, se possibile, comunità scientifica e semplici cittadini. L’allarme relativo a Deltacron, però, sembra adesso sgonfiarsi. La presunta nuova variante scoperta a Cipro, che mostra un’integrazione delle principali mutazioni di Delta e Omicron, potrebbe addirittura non esistere, ma essere un semplice errore di laboratorio.
“È pressoché certo che una variante ibrida tra Delta e Omicron si possa generare perché fenomeni di ricombinazione sono ben note e sono già state osservate, per esempio, tra la variante Alfa e quella Delta. Nel caso specifico, però, le 24 sequenze depositate dai ricercatori ciprioti sono state analizzate abbastanza nel dettaglio da diversi gruppi di ricerca che concordano con il fatto che con ogni probabilità si tratta di un artefatto”, spiega all’Ansa Marco Gerdol, ricercatore all’Università di Trieste.
I ricercatori …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Delta, Omicron, Deltacron,