REEBOK X VICTORIA BECKHAM

Reebok x Victoria Beckham è solo una delle ultime collezioni che vedono l’ormai indissolubile legame tra influencer/personaggi famosi e brand di moda.  Esce al termine della settimana della moda milanese e a ridosso di quella newyorkese, e promette di regalare stile e comfort senza limiti. 

Stile e Comfort. Reebok x Victoria Beckham

Se sei tra coloro che l’activewear lo indossano come capo per il tempo libero e il tuo motto è “Mai Passare Inosservata”, allora questa collezione fa decisamente per te.  Lo stile inconfondibile della Posh Spice si riconosce subito. Dalla testa ai piedi, l’eleganza sembra essere il filo conduttore della collezione. 

Un guardaroba che è la quintessenza dell’activewear, spazia da colori classici a quelli fluo, senza perdere coerenza con l’impronta di eleganza della collezione. 

Un total look per le più esigenti 

Come si dice “ il diavolo è nei dettagli”, ed è qui per tentarci all’acquisto di questa collezione esclusiva con loghi oversize sui cappellini, tessuti naturali e sintetici combinati appositamente per le tue sessioni di allenamento più intense.  

Design senza cuciture, caratterizza leggings, t-shirt, sport bra e body, regalano il massimo comfort senza sfregamenti sulla pelle.

Scarpe Glam per le amanti del running

Non poteva mancare un accessorio di vitale importanza per tutte le sportive e le activewear addicted di lusso: la scarpa.

Progettata esclusivamente per una donna alla moda, dal gusto minimale, raffinato e nello stesso tempo sportiva, prende ispirazione dal design progressive delle scarpe da running.  Tra i colori, un’ampia scelta per accontentare anche le più estrose. 

Che dire noi siamo già innamorate di questa collezione. E tu la compreresti? 

Monfusò: il lato B e il “panorama” che scandalizza Napoli

Monfusò è un’azienda che nasce e prende vita nella vivacità del panorama partenopeo. 

E’ un giovane brand che, tramite l’utilizzo di tessuti brillanti e tecnici, si propone di valorizzare le gambe e in generale la parte bassa del corpo di tutte le fitness lover con un occhio sempre attento al fitness. Scolpiscono e modellano, mantengono la forma e hanno una vestibilità perfetta. 

Monfusò e il panorama più bello di Napoli

Nelle ultime ore è passata agli onori della cronaca per un manifesto dai toni poco politiccaly correct. Il manifesto in questione è apparso Posillipo, noto quartiere della Napoli Bene.
L’oggetto della comunicazione sono i fusò che come si legge sul sito del brand Manfusò, si propone proprio contenere senza costringere, rispettando le forme ed essendo sempre elegante e delicato.
Lo slogan è “Il panorama più bello del mondo”. Il Golfo si vede solo in lontananza.

Effettuando un’analisi superficiale del manifesto, si può dire che coglie in pieno quello che è uno degli argomenti di maggiore interesse per palestrati e palestrate di tutta Italia, il lato B.

Non sono tardate critiche e tanta indignazione per il manifesto.
Dal nostro punto di vista, riteniamo che pur non trattandosi della pubblicità più creativa al mondo, senz’altro raggiunge lo scopo di posizionarsi bene nella mente di consumatori e consumatrici.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da _monfuso_ (@monfuso)

L’oggetto della comunicazione sono i fusò che come si legge sul sito del brand Manfusò, si propone proprio contenere senza costringere, rispettando le forme ed essendo sempre elegante e delicato.

Lo slogan è “Il panorama più bello del mondo”. Il Golfo si vede solo in lontananza.

Effettuando un’analisi superficiale del manifesto, si può dire che coglie in pieno quello che è uno degli argomenti di maggiore interesse per palestrati e palestrate di tutta Italia, il lato B.

Leggi anche Glutei Super : l’allenamento superset da fare

Non sono tardate critiche e tanta indignazione per il manifesto. 

Dal nostro punto di vista, riteniamo che pur non trattandosi della pubblicità più creativa al mondo, senz’altro raggiunge lo scopo di posizionarsi bene nella mente di consumatori e consumatrici. 

TikTok Workout: la challenge 12/3/30 che spopola

Che i tiktok workout diventassero un trend, era solo questione di tempo. Dopo anni di predominio di Youtube, la neonata piattaforma social, inizia a diventare popolare tra i fitness lover del web e dei workout a casa. 

Tiktok workout challenge 12/3/30: di cosa si tratta?

La questione è molto più semplice di quello che si possa pensare. Infatti già immaginiamo le più integraliste del sollevamento pesi, storcere un pochino il naso. 

Si tratta di un workout realizzato interamente sul tapis roulant. Non solo sembra proprio essere a prova di pigra. 

Provando a cercare tra i tiktok workout l’hashtag #12330, vi troverete davanti ad una lista di video, la cui somma arriva a circa 70M di visualizzazioni e milioni di like.

La challenge prevedere il set up del tappeto ad una pendenza del 12% con velocità di 3 miglia (circa 5 km orari) per 30 minuti.

Molti dei commenti presenti sul video, sottolineano come questa tipologia di allenamento sia di forte motivazione per iniziare ad allenarsi. 

Sulla piattaforma sono inoltre presenti testimonianze di chi ha perso diversi chili con questo allenamento, con tanto di video “prima e dopo” a  riprova. 

Tiktok workout: benefici e rischi

Come tutti gli allenamenti, presentano benefici e rischi.

Tra i benefici:

  • Allenamento della parte bassa del corpo, con focus su gambe, glutei e polpacci. 
  • Miglioramento della salute del cuore
  • Permetterebbe di bruciare molte calorie

Tra i rischi:

  • Sovraccarico della zona lombare a causa dell’inclinazione. Si consiglia per tanto di prestare attenzione alla postura mentre si cammina
  • Ginocchia, fianchi e caviglie potrebbero essere stressate troppo. 

In generale i tiktok workout dovrebbero essere trattati come tutti gli altri workout che vi accingete a fare in assenza di trainer specializzati. In questo senso, vi ricordiamo come sempre, di verificare di essere sempre nelle condizioni di salute e fitness per poter eseguire l’allenamento. 

H&M Sport recluta gli influencer per il lancio della nuova collezione

Chi nelle ultime ore non è incappato nell’hashtag H&M Sport (#hmsport) ? 

In un mondo in cui una pagina instagram è da considerarsi un vero e proprio mezzo di comunicazione al pari dei media tradizionali, H&M decide di comunicare attraverso gli influencer il lancio della nuova collezione Sport. 

H&M Sport, che influencer! 

La scelta degli influencer, non è affatto casuale. Tra le prescelte anche la nostra preferita Elisabetta Canalis.

Ex velina, presentatrice, a nostro avviso si è senza dubbio ritagliata un posto sul podio delle fitness influencer. Il suo feed infatti è un continuo alternarsi di immagini personali, lavorative e tanto tanto sport. 

Le immagini delle fitness influencer hanno, infatti scatenato follower di tutti i generi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Elisabetta Canalis (@littlecrumb_)

Anche Cristina Marino, fit influencer e ideatrice del programma Be Fancy Fit, ha realizzato scatti super atletici della nuova linea H&M Sport. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristina Marino (@cristina__marino)

Infine, il nostro radar ha intercettato anche Veronica Ferraro, super fashion influencer, forse l’unica influencer “nativa” di Instagram che nei giorni precedenti aveva già realizzato degli scatti strepitosi il vesti sportive per Dior.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da VERONICA (@veronicaferraro)

E voi quali altre influencer avete intercettato sulla campagna H&M Sport? 

Technogym e Dior limited edition per gli amanti del wellness

Technogym e Dior limited edition segna la collaborazione tra due grandi brand wellness dedicata gli amanti del wellness e del lusso.

La linea, prodotta in Italia al Technogym Village, riflette il comune impegno di diffondere nel mondo uno stile di vita in grado di combinare esercizio fisico e stile, per motivare le persone a vivere una vita più sana e più felice 

Technogym e Dior limited edition per gli amanti del wellness 

I prodotti Technogym e Dior limited edition saranno disponibili presso le boutique Dior da Gennaio 2022, in tutto il mondo e comprenderanno

TECHNOGYM MY RUN FOR DIOR 

Il tapis roulant compatto e silenzioso che si connette al tuo tablet e ti offre un’ampia gamma di allenamenti on-demand per il running ed il walking. Semplicemente posizionando un tablet sulla console di MYRUN potrai scegliere l’allenamento on-demand del tuo trainer preferito. 

Technogym e Dior limited edition segna la collaborazione tra due grandi brand wellness dedicata gli amanti del wellness e del lusso
Technogym e Dior limited edition segna la collaborazione tra due grandi brand wellness dedicata gli amanti del wellness e del lusso

TECHNOGYM BENCH FOR DIOR 

L’innovativa panca che ti offre la massima varietà di esercizi in poco spazio. Technogym Bench comprende una serie di manubri, elastici e knuckles che ti permetteranno di eseguire oltre 200 esercizi grazie all’ampia libreria di allenamenti on-demand accessibili su Technogym App. 

TECHNOGYM BALL FOR DIOR 

Ti stimola a muoverti costantemente anche quando sei seduto. Technogym Ball è al tempo stesso una seduta ed un wellness tool che ti consente di svolgere un programma completo di esercizi per la flessibilità, la tonificazione e l’equilibrio. 

Covid, vaccino necessario anche a donne incinte e bambini

L’appello di nenatologi, pediatri e ginecologi

Varie_3654.jpg

Covid-19 rappresenta un grave problema di sanità pubblica e, da un punto di vista di medicina clinica, una malattia potenzialmente molto grave soprattutto per l’età avanzata ed alcune categorie di persone.
Tuttavia, queste caratteristiche non devono e non possono far ignorare le manifestazioni del Covid-19 nelle giovani donne in età fertile e in età neonatale e pediatrica. Benché chiaramente il problema rappresentato dal Covid-19 sia più grave in altre categorie di soggetti, l’eccessiva diffusione di informazioni spesso non da fonti ufficiali e di fake news, che osserviamo al momento, rischia di generare una percezione sbagliata del rischio e delle conseguenze per donne giovani e bambini.

Sono stati effettuati diversi studi di alta qualità in questi mesi e sappiamo ormai che:

– Covid-19 può avere manifestazioni più gravi nelle donne in gravidanza che al di fuori della …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, vaccino, bambini,

I consigli per una dieta mediterranea corretta

Può ridurre il rischio di patologie cardiache e diabete di tipo 2

Diete_11670.jpg

Con l’estate alle porte, magari dopo un inverno in cui ci si è lasciati un po’ andare, maggio è il mese in cui spesso si ripensa al proprio regime alimentare.

Per fortuna maggio è anche il Mese Internazionale della Dieta Mediterranea, una coincidenza perfetta per ricordarci che possiamo sempre contare su uno stile alimentare equilibrato, ricco di cibi che amiamo e che ci fornisce i nutrienti di cui abbiamo bisogno per stare bene.

Non a caso anche quest’anno, per la quarta volta consecutivamente, US News and Reports ha messo la Dieta Mediterranea al primo posto della sua classifica dedicata ai regimi alimentari.

In più, una recente ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista Nutrients, suggerisce che la Dieta Mediterranea tradizionale, già nota per le sue proprietà benefiche per la salute, può ridurre il rischio di una serie di malattie tra cui il diabete di tipo 2.

Rene: il caffè ha un ruolo protettivo

Sono stati presentati oggi i dati che confermano il ruolo positivo del caffè sulla funzione renale. I risultati derivano da un’analisi di tre studi che ne hanno esaminato il consumo in relazione alla malattia renale
cronica.
Gli studi fanno parte dell’ampia review “Diet and Kidney Function: a
literature review
”[1], di recente pubblicata sulla rivista Current
Hypertension Report,
che ha messo in evidenza il ruolo delle principali
categorie alimentari in relazione alla patologia.

In particolare, per quanto riguarda il ruolo del caffè, sono stati analizzati il Tehran Lipid and Glucose Study,studio iraniano di 1780 persone, seguite per 6 anni, lo studio statunitense ARIC e lo studio coreano sul genoma e l’epidemiologia in Corea del Sud. Nel primosono stati confrontati i bevitori
moderati di caffè con i non bevitori; negli altri due la comparazione è avvenuta tra coloro che bevevano almeno 3 o 2 tazze con i non bevitori. Nello studio iraniano è stata riscontrata un’associazione non significativa tra caffè e
malattia renale cronica, mentre negli studi statunitensi e coreani sono state
osservate associazioni inverse significative nei gruppi con una maggiore assunzione di caffè.

I risultati, pertanto, indicano un effetto potenzialmente protettivo della
bevanda, in linea con studi precedenti sulla funzionalità renale.

La Diet and Kidney Function ha incluso 21 articoli di studi di
coorte con follow-up dai 3 ai 24 anni. Le categorie alimentari su cui si sono
concentrati erano carne, pesce, latticini, verdure, frutta, caffè, tè, bevande
analcoliche, oltre che modelli alimentari. Le evidenze hanno mostrato che uno stile alimentare sano può ridurre il rischio di malattie renali croniche.

La malattia renale cronica rappresenta un onere sanitario in aumento in tutto il mondo, con una prevalenza globale di circa 11% nella popolazione adulta generale. Se non trattata, progredisce lentamente fino allo stadio terminale, che richiede la dialisi o il trapianto di rene. Fattori come lo stile di vita, il fumo, l’uso di alcol e l’inattività fisica, possono peggiorare la patologia. Oltre a tutto ciò, esiste un crescente interesse scientifico per il ruolo potenziale della dieta.

Bibliografia

Gaeini Z, Bahadoran Z, Mirmiran P, Azizi F. Tea, coffee, caffeine intake and the risk of cardio-metabolic outcomes: findings from a population with low coffee and high tea consumption. Nutr Metab.2019;16:1–10

Hu EA, Selvin E, Grams ME, Steffen LM, Coresh J, Rebholz CM. Coffee consumption and incident kidney disease: results from the Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) study. Am J Kidney Dis. 2018;72:214–22.

Jhee JH, Nam KH, An SY, et al. Effects of coffee intake on incident chronic kidney disease: a community-based prospective cohort study. Am J Med. 2018;131:1482–1490.e3

Jhee JH, Nam KH, An SY, et al. Effects of coffee intake on incident chronic kidney disease: a community-based prospective cohort study. Am J Med. 2018;131:1482–1490.e3

Coronavirus, tampone unico strumento per la diagnosi

Tac e Rx non possono individuare l’infezione in corso

Varie_14334.jpg

C’è un solo modo per diagnosticare un’infezione da nuovo coronavirus ed è il tampone. Né radiografie né la Tac riescono a distinguere fra una polmonite causata da Sars-Cov-2 e un’altra provocata da altri virus o batteri.

A precisarlo è la Società italiana di Radiologia Medica e Interventistica, che denuncia l’inadeguatezza dei software presentati come in grado di trovare l’infezione analizzando i referti. Si tratta di strumenti mai validati dal punto di vista scientifico.

In questi giorni siamo subissati di richieste di persone che vogliono fare la Tac per sapere se hanno il Covid-19, ma dobbiamo fare chiarezza su queste che sono vere e proprie fake news – racconta il presidente Sirm Roberto Grassi -. Quello che questi esami vedono è una polmonite interstiziale.

Coronavirus, l’Avigan funziona?

L’Aifa ne autorizza la sperimentazione

Varie_2479.jpg

Il video di un farmacista laziale di 41 anni ha alimentato le speranze di un rimedio quasi miracoloso per Covid-19, la malattia provocata dal nuovo coronavirus.

Cristiano Aresu ha pubblicato due giorni fa un video su Facebook nel quale si vede una piazza di Tokyo in un giorno normale. Aresu sostiene che l’utilizzo di Avigan (favipiravir) ha consentito ai giapponesi di ritornare immediatamente a una vita normale senza bisogno di misure restrittive per la limitazione del contagio ed è una fake news.

Secondo il farmacista, Avigan avrebbe bloccato il progredire della malattia nel 91 per cento dei casi, una cifra assunta in maniera arbitraria da Aresu come vedremo. Avigan è innanzitutto un farmaco noto, già in commercio in diversi paesi. Cadono subito quindi le solite polemiche che si rincorrono sui social all’insegna del “le autorità non ce lo dicono”.