Una terapia per la XLHED

Trattamento prenatale per la rara malattia congenita

Malattie ereditarie_6610.jpg

La Fondazione EspeRare e il Gruppo Pierre Fabre hanno annunciato oggi l’avvio dello studio clinico EDELIFE volto a confermare la sicurezza e l’efficacia di ER004, un trattamento prenatale per la malattia congenita rara e debilitante detta XLHED (displasia ectodermica legata al cromosoma X). Se positivo, lo studio potrebbe portare al primo trattamento approvato per la XLHED entro il 2026.
La XLHED è una malattia rara che colpisce circa 4/100.000 nascite di bambini di sesso maschile vivi ogni anno. Questo disturbo genetico è una patologia dermatologica che porta a uno sviluppo anomalo della pelle, delle ghiandole sudoripare, delle ghiandole sebacee, dei capelli, della cavità orale e delle ghiandole mucose respiratorie, con gravi manifestazioni cliniche come ipertermia, anomalie cranio-facciali e infezioni respiratorie ricorrenti.
“L’avvio dell’arruolamento di pazienti nello studio …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | XLHED, pelle, malattia,

La cura della pelle per chi ha più di 50 anni

L’obiettivo è allontanare il più possibile i segni del tempo

Cura della pelle_14528.jpg

Il tempo passa, e non invano. Il nostro corpo è il primo a rendersene amaramente conto, la pelle in particolare. Come rallentare il più possibile il processo naturale di invecchiamento? Cosa fare se si ha più di 50 anni?
Sono tante le star di Hollywood che consigliano i prodotti migliori per la cura della pelle matura. Una di queste è Nicole Kidman, che ha trovato nell’olio al cannabidiolo un ottimo rimedio anti-rughe. Gli estratti della Cannabis Sativa sembrano infatti in grado di migliorare sensibilmente le condizioni della pelle, regolarizzando la quantità di collagene ed elastina.
Altri consigli per una pelle da apprezzare? Innanzitutto il riposo notturno, che favorisce la rigenerazione delle cellule epidermiche e ristabilisce la corretta idratazione cutanea.
Per accompagnare questo processo sarà bene pulire la pelle con un buon latte detergente e con un tonico. Le over 50 …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cura, pelle, viso,

Lichen scleroatrofico, cos’è e come si può curare

Malattia che mina la vita intima

Varie_14222.jpg

Nel mondo da 3 a 15 persone su 100 soffrono di lichen scleroatrofico (LSA), una malattia infiammatoria cronica rara che coinvolge principalmente cute e mucose dell’area ano-genitale, con grave impatto negativo sulla qualità di vita.
Tra la comparsa dei disturbi e la prima visita nel nostro paese passa un tempo ancora troppo ampio: in media 2 anni e mezzo. “Ciò accade non solo per vergogna, per ignoranza o per paura da parte del paziente – spiega Stefano Lauretti, urologo all’ospedale S. Caterina di Roma – ma altrettanto spesso anche purtroppo per una scarsa conoscenza o attenzione del mondo medico”. Finora si pensava colpisse in misura maggiore il sesso femminile ma oggi si sa che anche i maschi non ne sono immuni.
“È una condizione fortemente sottostimata soprattutto nel sesso maschile – afferma il dott. Lauretti – ancora poco incline a rivolgersi allo specialista quando compaiono …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | lichen, pelle, scleroatrofico,

Un cerotto per evitare l’ictus dopo un intervento al cuore

Coaguli di sangue e restringimento delle arterie ne aumentano il rischio

Ictus_5886.jpg

Per prevenire il rischio di ictus dopo un intervento chirurgico di ricostruzione vascolare può essere utile un cerotto. È la soluzione cui hanno pensato i ricercatori della Tsinghua University di Pechino che hanno sviluppato un dispositivo indossabile in grado di monitorare in maniera costante il flusso sanguigno scongiurando coaguli di sangue e restringimento delle arterie.
Il dispositivo sviluppato è formato da una membrana di silicone che contiene al suo interno degli elettrodi che utilizzano l’effetto Doppler per fornire un monitoraggio continuo del flusso sanguigno nelle arterie profonde.
Il dispositivo non è affatto invasivo e aderisce alla pelle come un cerotto. È più flessibile e preciso di una tradizionale sonda ecografica, che deve essere manovrata da un operatore esperto. Inoltre, effettua un monitoraggio costante, mentre l’esame diagnostico viene eseguito solo in presenza …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cerotto, cuore, ictus,

La vitiligine toglie il sonno

Insonnia come effetto collaterale della malattia della pelle

Varie_5712.jpg

Chi ha la vitiligine, malattia della pelle che causa la comparsa di chiazze chiare in vari punti del corpo, mostra una probabilità più alta di soffrire anche di insonnia. Lo rivela uno studio del National Clinical Research Center for Skin and Immune Diseases di Pechino realizzato su 400 pazienti.
L’analisi mostra che circa 1 paziente su 2 soffre di disturbi del sonno; nel 70% dei casi, la vitiligine viene giudicata responsabile della difficoltà ad addormentarsi. L’insonnia sembra più comune fra le donne e fra chi ha macchie localizzate su viso e collo, cioè le parti più visibili. C’è quindi un rapporto fra la preoccupazione provocata dalla visibilità delle macchie e la difficoltà a prendere sonno.
«Grazie a una maggiore attenzione generale, però, il numero di persone che chiede aiuto agli specialisti è in continuo aumento: in passato i pazienti non ci provavano neanche, pensavano che …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | vitiligine, pelle, insonnia,

Come prevenire le rughe

I trattamenti e i prodotti migliori

Cura della pelle_14502.jpg

Le rughe sono forse il simbolo più evidente del naturale declino fisico cui si va incontro con il passare degli anni. La pelle perde elasticità e tono, modificando in alcuni casi in maniera decisiva i lineamenti del viso.
Possiamo però provare a rallentare il processo con prodotti facilmente reperibili in commercio, oltre che con un’alimentazione più sana, ad esempio evitando i cibi più grassi e lavorati.
La prima fondamentale mossa è idratare la pelle, operazione che va effettuata sia al mattino che alla sera per eliminare il sebo in eccesso e gli eventuali residui di trucco. Si eviterà così anche il formarsi di punti neri. Dopo il lavaggio è bene usare un tonico per rimuovere il calcare dell’acqua.
Successivamente, è consigliabile usare una crema per il contorno occhi e una crema idratante per il resto del viso in base al vostro tipo di pelle. Molte volte, in mancanza di tempo, si …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | pelle, rughe, crema,

Integratori alimentari per una pelle sana

I nuovi alleati di bellezza che agiscono contro i radicali liberi

Varie_5906.jpg

È importante prendersi cura di sé stessi, dall’esterno ma anche dall’interno, perché – è bene tenerlo sempre a mente – un corpo sano e bello non può prescindere da un’alimentazione equilibrata. Non sempre però ciò che mangiamo è in grado di sopperire eventuali carenze e un valido aiuto può essere fornito dagli integratori alimentari, che si rivelano sempre più ottimi alleati per avere uno stile di vita più sano e più equilibrato.
Il Prof. Leonardo Celleno, dermatologo e presidente AIDECO (Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia) spiega l’importanza dell’utilizzo di integratori alimentare per la salute della pelle, di unghie e capelli, ricordando sempre che gli integratori non sostituiscono una dieta di tipo “mediterraneo”.
“L’integratore come la stessa parola indica, ha il compito di completare, di integrare la normale dieta alimentare con specifiche sostanze che, nella …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | integratori, alimentari, pelle,

Long Covid, le conseguenze sull’intestino

I disturbi gastrointestinali permangono a lungo nei soggetti

Contraccezione_5240.jpg

Superata la fase più acuta dell’emergenza sanitaria, torna alta l’attenzione sugli effetti del Sars-CoV-2 anche a lungo termine. Numerosi sono infatti i casi di Long Covid, con soggetti che continuano a presentare diversi sintomi una volta terminata l’infezione e risoltasi la fase acuta. Già all’indomani della prima ondata, era stata appurata la natura multisistemica del Covid-19, che non attacca solo i polmoni, bensì diversi organi, tra cui il sistema nervoso, il fegato, il cuore, il pancreas, le articolazioni e la pelle. A questo filone di studi ha contribuito il Policlinico di Milano, già eccellenza nell’ambito della Gastroenterologia, che ha rilevato le conseguenze del Covid-19 a livello intestinale ed extraintestinale nel lungo periodo.
Autori dello studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista “Neurogastroenterology and Motility”, sono il Prof. Maurizio Vecchi, Professore ordinario e …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, intestino, disturbi,